Una repubblica fondata sul cemento

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2020/01/desio-2-1280x853.jpg

in copertina, foto di Stefano Santangelo

Abbiamo parlato con la giornalista Rosy Battaglia di consumo di suolo: secondo l’UE dovrebbe arrivare a 0 nel 2030 — mentre oggi in Italia si cementificano due m2 al secondo. In più: la “misteriosa” morte di Vakhtang Enukidze nel CPR di Gradisca è una tragedia annunciata.

Bentornat* a TRAPPIST, l’unico podcast che non consuma suolo

Vakhtang Enukidze è morto a 38 anni nel CPR di Gradisca d’Isonzo, in provincia di Gorizia, in seguito ad una colluttazione con 10 agenti di polizia. Le dinamiche della vicenda non sono ancora chiare, ma la deportazione precipitosa di quattro testimoni oculari ospiti del centro rende legittimo sospettare quello che potrebbe essere “un nuovo caso Cucchi,” per dirla con le parole del deputato radicale Riccardo Magi.

Inoltre: parliamo con la giornalista indipendente Rosy Battaglia di consumo di suolo. Battaglia se n’è occupata in modo estensivo per Valori.it. Riuscirà il nostro paese a mettere un freno al cemento entro il 2030, come chiede l’UE? Probabilmente no — ma la speranza è l’ultima a morire.

Show notes

In questa puntata sono con voi: Stefano Colombo @stefthesube Alessandro Massone @amassone
Per non perderti nemmeno un episodio di TRAPPIST, abbonati su Spotify e Apple Podcasts.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via