fbpx
 

La pandemia del lavoro povero

https://i1.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2022/01/46320376715_e098a6a63d_o.jpg?fit=1200%2C675&ssl=1

Uno studio del ministero del Lavoro certifica che l’11,8% dei lavoratori vive in condizioni di povertà, e che le soluzioni della politica finora sono servite a poco. E non solo: la classificazione europea di in–work poor esclude paradossalmente i lavoratori più poveri

Secondo una relazione presentata dal ministero del Lavoro, l’11,8% dei lavoratori italiani si trova in condizioni di povertà, tre punti percentuali più della media europea. Il 25% percepisce una retribuzione inferiore al 60% della mediana dei redditi, rientrando nella categoria dei low-pay worker. In alcuni settori, come quello degli alberghi e della ristorazione, il rischio di basse retribuzioni annuali sfiora il 65%.

La relazione del Gruppo di lavoro sugli interventi e le misure di contrasto alla povertà lavorativa in Italia rileva una situazione difficilissima, con tantissime persone che vivono in condizione di povertà — nonostante lavorino — e con le misure applicate da questo governo e dai precedenti sostanzialmente inefficaci nel sostenere il reddito di chi ne ha più bisogno.

Non solo: la categoria degli in–work poor, definita dall’Unione europea come chi lavora almeno 7 mesi all’anno e ha un reddito familiare sotto la soglia di povertà, è estremamente limitativo, e nasconde come il problema dello sfruttamento dei lavoratori sia ancora più grave di così.

Show notes

Sostieni l’informazione indipendente di the Submarine: abbonati a Hello, World! La prima settimana è gratis

/ In copertina, foto CC BY 2.0 simbiosc

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link
Powered by Social Snap