Un corso inglese per bambini che risponda alle vostre necessità: utopia o realtà? Tutto quello che non vi dicono su come scegliere un corso inglese per bambini

https://i2.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2021/08/language-english-children-student-yellow-text-1591449-pxhere.com_.jpg?fit=1200%2C800&ssl=1

Quanto è difficile scegliere un buon corso inglese per bambini al giorno d’oggi? Ci sono troppe possibilità e troppe varianti da tenere in considerazione! Ma non preoccupatevi! In questo articolo vi daremo tutte le informazioni che vi servono perché possiate scegliere in tutta tranquillità un corso inglese per bambini che faccia al meglio per voi e per vostro figlio!

Un corso inglese per bambini può davvero essere efficace? Vediamolo insieme

Spesso si è messa in dubbio l’efficacia di insegnare l’inglese ai più piccoli: questo perché si è sempre pensato che i bambini non abbiano un buon livello di attenzione quando si parla una lingua straniera o perché non capiscono l’importanza di conoscere una lingua diversa dalla propria lingua madre. Bè, queste informazioni sono di gran lunga sbagliate: i bambini sono spesso molto più bravi degli adulti ad imparare le lingue, proprio perché la loro mente è fatta apposta per immagazzinare informazioni, anche quelle più complesse, proprio come delle spugne. Tuttavia, queste informazioni devono essere incanalate nel modo adeguato ed è per questo che è necessario scegliere un corso inglese per bambini che risponda a certi e severi criteri, soprattutto quando vogliamo dare ai nostri figli la migliore educazione possibile.

Uno dei criteri da seguire è sicuramente quello della durata. Un bambino infatti non ha la stessa durata di massima concentrazione che detiene una persona adulta: questa varia dai 25 ai 30 minuti, dopo la quale il bambino non potrà più immagazzinare le informazioni in modo adeguato. Il primo passo da fare è quindi scegliere una scuola che dia come opzione quella di fare lezione di breve durata e che si adatti quindi alla durata di concentrazione del bambino, proprio come fa la scuola di inglese Novakid.

La presenza di un insegnante madrelingua è fondamentale: ecco perché

Quasi sempre nelle scuole tradizionali l’insegnante che gestisce l’apprendimento del tuo bambino è una persona non nativa e che ha impararto l’inglese ma senza magari mai andare all’estero. Questo è sbagliatissimo quando si vuole davvero imparare la lingua senza errori e accenti sbagliati. Un insegnante non madrelingua infatti farà sempre degli errori e parlerà in un modo che è più simile alla sua lingua di origine. Non vogliamo quindi che il bambino apprenda un accento sbagliato o un modo di parlare innaturale per una persona inglese madrelingua. Per questo è così importante che l’insegnante del corso inglese per bambini sia una persona originaria di un paese anglofono, come la Gran Bretagna, il Canada o l’Australia.

Parlando con un madrelingua, tuo filglio avrà l’opportunità di entrare in contatto con la lingua vera di uno di questi paesi e non apprenderà gli errori o le abitudini tipiche di un interlocutore non nativo. Inoltre, il bambino sarà sicuramente incuriosito dall’accento e dalle maniere del suo insegnante e stimolerà la sua curiosità e la sua voglia di conoscere di più sul suo paese, la sua cultura e le sue abitudini. E soprattutto, lo metterà in contatto con il concetto di diversità, che al giorno d’oggi è assolutamente essenziale, dal momento che viviamo in un mondo che diventa sempre più cosmopolita e multiculturale.

Insomma un corso inglese per bambini potrebbe rivelarsi davvero una buona scelta per tuo figlio se desideri che apra la sua mente ed i suoi orizzonti sul mondo e sulla cultura di altri paesi. Valuta bene come scegliere la scuola più adatta e non esitare, il futuro di tuo figlio l’aspetta!

Cover: Foto Alt4ri0 / PxHere

Related

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link