Perché continuiamo a ignorare la storia del colonialismo italiano?

https://i1.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2020/07/sconfini-20-cover.jpg?fit=1200%2C630&ssl=1

Il colonialismo è ancora il grande rimosso della storia del nostro paese: in questa puntata di S/Confini ne parliamo con Uoldelul Chelati Dirar, docente di Storia e istituzioni dell’Africa all’Università di Macerata

Il colonialismo italiano continua a essere un grande rimosso della nostra storia, tanto da essere definito spesso come un’amnesia. La narrazione che vede gli italiani essere stati colonizzatori gentili, che hanno dato più di quanto abbiano ricevuto, è radicata nella coscienza del nostro Paese e impedisce di fare i conti anche con fenomeni del presente, come la migrazione dal Corno d’Africa e la nostra idea di italianità. 

In questa puntata di S/Confini parliamo con il professore Uoldelul Chelati Dirar dell’Università di Macerata, dove insegna Storia e istituzione dell’Africa. Dirar ci racconta della storia coloniale italiana, del mito italiani brava gente, del ruolo delle colonie in Africa e Asia durante le guerre mondiali e della sua personale opinione sul recente dibattito sulla rimozione delle statue che raffigurano colonizzatori e schiavisti.


Ai microfoni: Nathasha Fernando, Maria Mancuso, Uoldelul Chelati Dirar
Redazione: Nathasha e Maria
Editing e post produzione: Nathasha e Maria
Musica: Francesco Fusaro

Note dell’episodio


Notice: Trying to access array offset on value of type bool in /home/psjeetox/public_html/wp-content/themes/val/views/prev_next.php on line 8
previous
20: Perché continuiamo a ignorare la storia del colonialismo italiano?
next
Durante il lockdown le vittime di tratta nigeriane sono state ridotte alla fame

Related

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link