fbpx
 

Negli Stati Uniti ci sono due sistemi giudiziari: uno per i bianchi, e uno per i neri

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2020/05/EZEIf3bWsAIt6ms-1280x864.jpg

in copertina, foto via Twitter

L’omicidio di George Floyd ha acceso proteste a Minneapolis e negli Stati Uniti, ma è anche l’occasione per riflettere sul razzismo nel nostro paese

L’omicidio di George Floyd ha sconvolto il mondo, attraverso immagini diffuse in tutto il pianeta, e ha contribuito a sollevare nuovamente il velo sulla questione razzismo, negli Stati Uniti e non solo. Le proteste che hanno incendiato la città di Minneapolis lasciano sperare che questo possa essere l’inizio di una nuova ondata di protesta contro le discriminazioni su basi etniche che, specie da parte della polizia, sembrano essere sistemiche nel funzionamento del paese.

Negli ultimi tre giorni migliaia di persone sono scese in strada a chiedere giustizia per Floyd, un addetto alla sicurezza ucciso senza ragione da quattro agenti di polizia, due dei quali avevano precedenti di violenza in servizio. Ma le proteste non si fermano alla condotta dei quattro ex poliziotti — che sono stati licenziati ma che non hanno ancora capi d’accusa.

L’omicidio mette infatti sotto gli occhi di tutti quello che si può chiamare un vero e proprio modello “uno stato, due sistemi:” da una parte il sistema giudiziario per le persone bianche, che vengono trattate coi guanti dalla polizia, anche dopo aver compiuto stragi — letteralmente; dall’altra, la “giustizia” per le persone afroamericane, che vengono uccise, pestate a sangue, e perseguitate anche per reati minori o, spesso, per nessuna ragione.

L’omicidio di Floyd non è solo un caso di cronaca locale, e non interessa nemmeno “soltanto” gli Stati Uniti: è merito dell’enorme influenza della galassia di organizzazioni del movimento Black Lives Matter, che hanno riplasmato il modo in cui pensiamo alla partecipazione, e hanno insegnato al mondo le ragioni della lotta delle persone di colore negli Stati Uniti.

Seguire la tragedia di Minneapolis però non può diventare un modo per dimenticare l’emergenza razzismo che attraversa anche l’Italia. Un’emergenza che non si può minimizzare indicando soltanto Salvini, ma con cui dobbiamo fare i conti. A fine puntata elenchiamo alcune delle morti di persone di colore che il nostro paese ha già dimenticato.

Show notes

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via