La quarantena vista dagli italiani all’estero

Per gli italiani che si trovano all’estero la situazione è particolarmente surreale: da New York a Dublino, nell’ultima puntata di Trappist abbiamo chiesto ad alcuni di loro di raccontarci come sta andando.

in copertina, foto di Stefano Colombo

La pandemia si sta diffondendo velocemente in Europa, ma molti paesi ancora stentano a prendere misure drastiche per contenerla. Per gli italiani che si trovano all’estero la situazione è particolarmente surreale: da New York a Dublino, nell’ultima puntata di Trappist abbiamo chiesto ad alcuni di loro di raccontarci come sta andando.

Quella della Covid–19 è ufficialmente una pandemia, visto che “non c’è speranza” di contenerla in settori limitati del globo. L’Italia è finora uno dei paesi che più sta soffrendo per i contagi rapidissimi e gravi, ma la malattia non sembra intenzionata a fermarsi al nostro paese: i casi nel resto dell’Europa occidentale e negli USA stanno aumentando rapidamente, causando ansia per il futuro di miliardi di persone.

Abbiamo parlato con alcuni nostri collaboratori che attualmente si trovano all’estero per capire se qualche paese sta cercando di trarre spunto dalla lezione italiana — spoiler: non molto, negli Stati Uniti per ora sono stati resi gratuiti solo i test, non i trattamenti, nemmeno in questa situazione di emergenza — e per farci raccontare com’è, vista dall’estero, la situazione emergenziale della nostra penisola.

Con Stefano Colombo, Sebastian BendinelliAlessandro Massone
E CON OSPITI SPECIALI Bianca GiacoboneElena BuzzoEleonora TremoladaMaria Mancuso, e Nicolò Tabarelli

Show notes

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017)

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via