L’“emergenza nazista” dichiarata a Dresda è indice di un problema serio

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/11/PEGIDA_Demo_DRESDEN_25_Jan_2015_116227086-1280x720.jpg

in copertina, una manifestazione di PEGIDA a Dresda, 25 gennaio 2015, via Wikimedia Commons

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Vi siete già iscritti al nostro canale Telegram? E alla nostra nuova newsletter settimanale gratuita?.

Il comune di Dresda ha votato una risoluzione che dichiara l’“emergenza nazista” nella città. Il testo denuncia che “sono sempre più frequenti attitudini e azioni, tra cui violenze, di tipo anti-democratico, anti-pluralista, misantropico ed estremista di destra.” Negli ultimi cinque anni Dresda è diventata un punto di riferimento per l’estrema destra tedesca: prima casa del movimento PEGIDA, è sede di regolari raduni neonazisti. Alle elezioni dello scorso settembre AfD era stato il secondo partito della città. (DW)

L’attentato alla moschea di Halle lo scorso 9 ottobre e le crescenti fortune elettorali di AfD agitano in Germania un vero problema con la diffusione di nazismo e anti–semitismo. Secondo il report del 2018 del servizio dell’intelligence BfV i crimini contro gli ebrei sono aumentati di più del 70% rispetto all’anno precedente. (Bundesamt für Verfassungsschutz)

L’omicidio dello scorso giugno di Walter Lübcke è considerato da molti il primo attentato terroristico di estrema destra in Germania, dopo l’arresto dei membri di Nationalsozialistischer Untergrund. Nel corso delle indagini sull’omicidio di Lübcke gli inquirenti hanno collegato il sospettato anche al tentato omicidio di un rifugiato iracheno, avvenuto il 6 gennaio 2016. (the Local De, 19/09/19)

La società tedesca è ancora relativamente impreparata di fronte ai crimini d’odio — la sinagoga di Halle, nonostante le ripetute richieste della comunità ebraica locale, non aveva nessuna protezione di polizia quando è stata attaccata. (Süddeutsche Zeitung, 10/10/19)

(È importante sottolineare che il problema dell’anti–semitismo è tutto tranne che limitato alla sola Germania. Un report dell’Agenzia dell’Unione europea per i diritti fondamentali dello scorso dicembre denunciava come si trattasse di un problema sistemico di tutta l’Unione.) (FRA)

La diffusione del neonazismo è possibile in Germania, come nel resto dell’Occidente, grazie alla connivenza del centrodestra e una percezione di “continuità” da parte del centro: ad Amburgo la polizia in tenuta antisommossa ha protetto Bernd Lucke, il fondatore di Alternativa per la Germania, ritornato all’Università di Amburgo come docente. Secondo Elisabeth Winkelmeier-Becker, CDU, le proteste contro le sue lezioni erano “terrorismo di opinione”; Frank-Walter Steinmeier, SPD, ha chiesto agli studenti che protestavano contro Lucke di “provare ad aprire le orecchie,” invece di “impedire il dialogo con la violenza.” E poi poteva mancare Wolfgang Schäuble? “La libertà di parola viene limitata dalla correttezza politica quando il mainstream democratico autoproclamato decide di cosa si può parlare o meno.” (DW / WSWS)

Nei giorni scorsi la Germania ha approvato comunque una serie di misure contestualizzate come “risposta” all’attentato di Halle, introducendo nuovi obblighi per le aziende che operano social network nel paese e nuovi controlli sulle persone che comprano armi da fuoco. (the New York Times, 30/10/19)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Le truppe turche e russe hanno iniziato i propri pattugliamenti lungo la “safe zone” proclamata dalla Turchia in Siria. Giovedì Erdogan aveva annunciato che il paese contava di stabilire una o più “città di rifugiati” nella zona tra Girê Spî‎ / Tell Abyad e Serê Kaniyê‎ / Ras al-Ain. Il governo turco ha chiesto al segretario generale delle Nazioni Unite Guterres se può inviare donazioni al governo di Ankara per finanziare il progetto di deportare di fino a due milioni di persone. (Al Jazeera)

Iraq. Nonostante la repressione ultraviolenta, decine di migliaia di persone sono scese in strada, dando vita alle manifestazioni più numerose da quando sono iniziate le proteste. Le forze di sicurezza hanno risposto barricando due dei ponti che portano alla Zona Verde a Baghdad, e attaccando con gas lacrimogeno e pallottole di gomma. Solo ieri sono state ferite 350 persone. (Al–Araby Al–Jadeed)

Almeno 53 soldati e un civile sono stati uccisi in uno dei più sanguinosi attentati degli ultimi tempi contro le forze militari in Mali: l’attacco è avvenuto nella regione di Menaka, al confine con il Niger. (Al Jazeera)

Questo cecchino israeliano è stato condannato per aver ucciso un bambino palestinese di 14 anni che aveva preso parte a una protesta pacifica il 13 luglio 2018. È stato condannato a svolgere un mese di servizi sociali all’interno della propria base militare. Moatasim Dalloul ha parlato con la famiglia di Othman Hilles, il giovane ucciso. (Middle East Eye)

Intanto, nella notte l’aviazione israeliana ha compiuto alacuni raid sulla Striscia di Gaza in risposta al lancio di dieci razzi contro israele. Secondo il ministero della salute di Gaza, i bombardamenti hanno causato la morte di un ventisettenne. (the Times of Israel)

In Russia è stata approvata la legge dell’“internet autarchico,” che prevede effettivamente la creazione di un internet indipendente dal resto del mondo per la Russia. La comunicazione attorno alla legge è stata ambigua: da una parte il quotidiano del governo Rossijskaja Gazeta sostiene che la legge non si tradurrà in nessuna limitazione dell’uso di internet per gli utenti russi, ma contemporaneamente il governo stesso dichiara che la legge permetterà di fermare le operazioni di ingerenza estera: il che è possibile solo tracciando e spiando letteralmente ogni pacchetto di dati che si sposta via internet. (CNN)

Gif di XCOPY.

Beto O’Rourke ha annunciato il proprio ritiro dalle primarie presidenziali democratiche. O’Rourke ha cercato per mesi di imprimere alla propria candidatura l’energia che aveva convogliato durante la propria corsa per il Senato l’anno scorso. (the New York Times)

A un raduno a Tupelo, Mississippi, Trump ha commentato la notizia con un linguaggio assolutamente adatto al presidente degli Stati Uniti. Secondo Trump O’Rourke sarebbe un “povero bastardo,” che ha abbandonato la corsa “come un cane.” “Patetico.” (the Independent)

Diversi incendi continuano a divampare in California, nel pieno della stagione. Un nuovo rogo, nella contea di Ventura, ha costretto all’evacuazione di 7500 persone. Alejandra Reyes–Velarde riassume la situazione di tutti e sei gli incendi attivi in questo momento. (Los Angeles Times)

Italia

Dopo una settimana in mezzo al mare con 88 naufraghi a bordo — due sono stati evacuati nei giorni scorsi per ragioni mediche — alla nave Alan Kurdi della ong Sea-Eye è stato assegnato Taranto come porto di sbarco. Il Viminale ha annunciato di aver raggiunto un accordo con Germania, Francia, Portogallo e Irlanda per la “ricollocazione” dei migranti — ma l’assegnazione del porto è arrivata solo dopo che la nave era già entrata in acque territoriali italiane per ripararsi dal maltempo. (Fanpage)

Oggi, intanto, è il giorno del rinnovo automatico del “memorandum” tra Italia e Libia, su cui nessuna “discontinuità” è all’orizzonte. L’accordo sarà rinnovato nonostante gli appelli di numerose organizzazioni umanitarie e di alcuni esponenti della stessa maggioranza, e nonostante a Tripoli continui a regnare la guerra civile. (il manifesto / la Repubblica, dietro paywall)

Secondo la ricostruzione di Alessandra Ziniti su Repubblica, sono almeno 40 mila le persone che, in virtù di questi accordi, sono stati rimandati nei lager libici. La situazione all’interno di questi ultimi è ben nota, ma il governo italiano ha scelto semplicemente di far finta di non vedere. (la Repubblica, dietro paywall)

Ma attenzione: in un sussulto di vitalità, il segretario del Pd Zingaretti vorrebbe tornare a chiedere “la modifica o il ritiro” dei decreti sicurezza (promessa in fase di formazione del governo e poi finita in soffitta). Il segretario sarebbe stanco di fare la figura dell’imbelle in mezzo ai litigi continui degli altri membri del governo, e avrebbe quindi deciso di giocare al contrattacco almeno su un tema. (HuffPost)

Pochi giorni fa anche Lamorgese confermava l’intenzione di modificare i decreti, ma solo per renderli “conformi” alle osservazioni del Quirinale. (ANSA)

Continuano a susseguirsi novità, anticipazioni, indiscrezioni, dietrofront e colpi di scena sui contenuti della prossima manovra — che non è ancora arrivata in parlamento. Ora si parla dell’accorpamento di Imu e Tasi, con un’aliquota che potrà essere azzerata dai sindaci o portata fino all’11,6 per mille. Ridimensionate le tasse sulle auto aziendali — da cui si risparmiano quelle elettriche e ibride — mentre viene confermata la “plastic tax,” che varrà un euro al chilo e si applicherà a una lunga lista di prodotti di largo consumo. (Quotidiano.net / il Messaggero)

Sono soprattutto le nuove tasse a generare una certa fibrillazione nella maggioranza che, invece di mostrarsi compatta di fronte agli attacchi della destra, litiga al proprio interno. (la Stampa)

Una maxi operazione antidroga questa mattina ha portato all’arresto di oltre 150 persone e al sequestro di “quintali” di sostanze stupefacenti a Perugia. I dettagli dell’operazione, che avrebbe smantellato una “inedita e insospettabile organizzazione di trafficanti,” saranno resi noti in giornata. (Adnkronos)

Milano

Piccole soddisfazioni — letteralmente: la celebrazione fascista al campo 10 del cimitero Maggiore di Milano, dove sono tumulati alcuni gerarchi come Alessandro Pavolini, è stata un fiasco, con non più di una trentina di partecipanti secondo l’ANPI. (Milano Today)

Battaglie importanti: la Lega vuole candidare lo stadio di San Siro ad entrare nella lista dei patrimoni dell’UNESCO. (Repubblica Milano)

Ieri è stato il decennale della morte di Alda Merini, la poetessa milanese nota per aver affrontato i temi della malattia mentale nell’epoca dei manicomi. (ANSA)

Ambiente

A Delhi l’inquinamento ha reso l’aria talmente irrespirabile che il governo ha deciso di distribuire 5 milioni di mascherine anti-smog agli studenti della città e alle loro famiglie. Per cercare di abbassare i livelli di particolato nell’aria sono stati bloccati tutti i cantieri per una settimana, vietati i fuochi d’artificio, e introdotto un sistema di targhe alterne per la circolazione automobilistica. (BBC News)

Ora che la Cop25 è stata spostata dal Cile a Madrid, Greta Thunberg ha bisogno di un passaggio che la riporti in Europa. L’attivista aveva attraversato l’Atlantico in barca a vela anche per partecipare al summit dell’Onu che si sarebbe dovuto tenere a Santiago e, come all’andata, non intende prendere l’aereo. (CNN)

Il governo britannico ha deciso di vietare il fracking con effetto immediato: è una grande vittoria per il movimento ambientalista, che da tempo si batte per la messa al bando di una metodologia estrattiva giudicata particolarmente dannosa per l’ambiente. (the Guardian)

Cult

Questa ragazza thailandese di ventotto anni è in fuga dalla legge per aver truffato circa 3000 persone con uno schema Ponzi, in cui prometteva ritorni del 93%. In totale ha raccolto 861 milioni di baht (25,5 milioni di euro). La polizia ha congelato i conti della truffatrice, ma lei, ancora in fuga, li ha sfidati sui social network: “Prendetemi tutto, posso sempre trovare altri modi per far soldi.” (the Guardian)

Gli Stati Uniti hanno aperto un’indagine sulla società cinese che possiede la popolare app TikTok, riguardo all’acquisizione — da un miliardo di dollari — dell’altrettanto popolare app Musical.ly, avvenuta due anni fa. Secondo un’esclusiva di Reuters, la Commissione sugli Investimenti Stranieri negli Stati Uniti starebbe indagando per una possibile “minaccia alla sicurezza nazionale.” (Reuters)

* * *

Gif di ARTEfr

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.