Rinnovando gli accordi con la Libia, l’Italia ha scelto di stare dalla parte della disumanità

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/11/D5YSE4cXkAE4nC0-1-1280x855.jpg

in copertina, foto via Twitter

In questa puntata di TRAPPIST ripercorriamo le notizie che ci aiutano a ricostruire come l’Italia e l’Europa abbiano tacitamente accettato di non difendere i diritti umani di migranti e richiedenti asilo, in una operazione tra la negazione plausibile e la biopolitica.

Il governo non ha voluto sentire ragioni, e domani l’accordo incostituzionale con la Libia sarà confermato. Al netto di quella che MSF definisce una operazione di “maquillage umanitario,” il governo della “discontinuità” conferma per altri tre anni, e altri 500 milioni di euro, il supporto italiano ai lager in Libia e alle violenze della guardia costiera libica.

Dai report sulle condizioni di vita dei migranti imprigionati nei lager in Libia allo scandalo sulla visita italiana di Bija, le occasioni per stracciare l’accordo state tantissime, ma nell’arco parlamentare solo in pochissimi sono evidentemente interessati ai diritti umani dei migranti.

Show notes

In questa puntata sono con voi: Sara Catalano @carasatalano e Alessandro Massone @amassone.

Per non perderti nemmeno un episodio di TRAPPIST, abbonati su Spotify e Apple Podcasts.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.