Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

In copertina: Giuseppe Conte guarda lʼabisso mentre lʼabisso guarda lui, insieme al governatore lombardo Fontana, via Facebook

Sulla crisi di governo siamo tra il tatticismo e il comico: Salvini ha rinunciato a salire al Quirinale per non prendersi la responsabilità ufficiale della crisi, ma secondo fonti leghiste ormai è questione di ore. Invece nel M5S pensano si tratti di un bluff. In questo week end Salvini deve capire se c’è un percorso per arrivare alla rottura: bisogna trovare un motivo per giustificare un voto di sfiducia al governo (presumibilmente con Fi e Pd) e bisogna valutare come reagirebbe l’elettorato a una campagna elettorale estiva improvvisata — perché i lavori per il taglio del numero dei parlamentari lasciano sostanzialmente solo due finestre di voto, fine settembre o prossimo giugno. (il Sole 24Ore)

La pressione nell’entourage di Salvini per mollare il governo è altissima, in particolare tra i governatori leghisti del Nord, che pretendono l’autonomia a tutti i costi. Secondo Zaia, in particolare, “Se non si fa l’autonomia questo governo non ha più senso.” Ma la cosa più divertente di queste ricostruzioni sarebbe il fastidio di Salvini, che starebbe soffrendo l’“attivismo” di Conte — il Messaggero riporta un virgolettato senza che nessuno ci metta la faccia: “Ormai si sente uno statista europeo, e l’Europa punta su di lui per farci secchi.” Ma voi ve ne siete accorti di questo presunto profilo indipendente di Conte? Noi no. (il Messaggero)

Eppure, secondo un sondaggio realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera Giuseppe Conte è il leader più gradito, con un indice di gradimento al 58%, davanti ai due vicepremier. (il Fatto Quotidiano)

Lo scontro finale tra capo del governo e vicepremier potrebbe essere messo in scena mercoledì, quando Conte riferirà in Aula sul caso dei fondi russi alla Lega. Sembra che Salvini abbia intenzione di ascoltare — e probabilmente ribattere — dai banchi della Lega. (ANSA)

Oppure giovedì, il giorno dopo, quando tornerà in Consiglio dei ministri il disegno di legge sullʼautonomia differenziata. (la Repubblica, dietro paywall)

Sarà una settimana di quelle: lunedì arriva alla Camera anche il decreto “sicurezza bis,” con la stretta sugli accessi ai porti e l’irrigidimento della guerra alle Ong. Il voto deve arrivare in settimana, in modo di dare il tempo al provvedimento di passare anche al Senato entro il 13 agosto. Secondo molti, scrive Leo Lancari, Salvini potrebbe aspettare proprio di aver portato a casa il decreto prima di aprire ufficialmente la crisi di governo. (il manifesto)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

L’Iran ha rilasciato un video in cui si vede la Guardia rivoluzionaria prendere il controllo della petroliera britannica Stena Impero. Il governo iraniano insiste che l’azione sia stata necessaria per far rispettare le norme marittime internazionali, e che nave ed equipaggio saranno rilasciati non appena terminate le indagini. Ma Germania e Francia si sono uniti al Regno Unito nel condannare l’operazione, chiedendo il rilascio immediato della nave. (Al Jazeera)

Ma la strategia della tensione sta dando i suoi frutti per l’Iran, almeno nel breve periodo: il paese ha ottenuto la liberazione di una propria petroliera — e del suo equipaggio di 24 persone — che era stata bloccata in Arabia Saudita più di due mesi fa. La nave aveva subito dei malfunzionamenti, ma l’Arabia Saudita non ne permetteva la partenza malgrado le riparazioni fossero state portate a termine e pagate. (Al–Araby Al–Jadeed)

Questo mercoledì si conclude la corsa per la leadership Tory, che vedrà molto probabilmente Johnson vincitore. Secondo Alan West la crisi con lʼIran va gestita con cautela, perché il rischio di una guerra c’è — e tra la corsa al Numero 10 e la Brexit la politica britannica non gli ha dedicato abbastanza attenzione.

Migliaia di persone sono scese in strada a Mosca per protestare contro la mancata registrazione dei candidati indipendenti alle elezioni locali. I candidati delle opposizioni hanno superato le proprie divergenze politiche per far confluire il dissenso in un’unica manifestazione. All’inizio della settimana le autorità russe avevano accusato una trentina di candidati delle opposizioni di aver falsificato le firme necessarie per presentare le rispettive candidature. (DW)

Si vota oggi in Giappone per le elezioni della Camera dei consiglieri, la camera alta della Dieta del Giappone. Si tratta di un’elezione di importanza vitale per Abe, che mira a conservare la supermaggioranza di due terzi che gli serve per innescare le riforme costituzionali che promette da più di sei anni. Ma, come ogni elezione di metà mandato, il voto servirà anche per sentire il polso del paese nei confronti del governo. Secondo le ultime proiezioni il partito di Abe dovrebbe vincere senza problemi, ma potrebbe non riuscire a conservare tutti i seggi di cui ha bisogno. (the Japan Times)

I migranti non messicani che chiedono asilo politico nella regione della Valle del Rio Grande, in Texas, verranno ora rispediti a Matamoros, in Tamaulipas: sono gli effetti dell’espansione del progetto “rimanete in Messico” annunciata a inizio mese. Come descrive lo stesso dipartimento di Stato la situazione in Tamaulipas? Meglio non andarci, perché “Crimini violenti, tra cui omicidi, rapine a mano armata, furti d’auto, rapimenti, estorsioni, e violenze sessuali, sono molto comuni.” Ma il consiglio del dipartimento di Stato evidentemente è valido solo per i turisti statunitensi, non per altre persone. (CBS News)

Continuando ad attaccare Ocasio–Cortez, Omar, Pressley e Tlaib, Trump si è inventato di sana pianta che le quattro deputate avessero parlato di “ebrei malvagi,” e descritto gli Stati Uniti come “spazzatura.” Ovviamente, nessuna delle quattro parlamentari ha mai detto niente del genere. (Slate)

British Airways e Lufthansa hanno sospeso per sette giorni i voli verso il Cairo, per non meglio specificate ragioni di sicurezza. La decisione sarebbe arrivata dopo un controllo di routine, ma lʼazienda che gestisce lʼaeroporto del Cairo protesta di non essere stata avvertita di nulla. (the Guardian)

Circa 8000 persone hanno manifestato a Kassel per protestare contro un raduno neo-nazista — a cui alla fine non si è presentato nessuno. Kassel era la città di Walter Lübcke, il politico della CDU assassinato poche settimane fa da un estremista di destra (che ha confessato e poi ritrattato). (DW)

Italia

Quando non mette a rischio la stabilità del governo con la prossima finanziaria che incombe sul paese, Salvini gioca a sguinzagliare i propri troll: questa volta contro Maria Elena Boschi, colpevole di essere una donna allʼopposizione. (HuffPost)

La banca dʼaffari londinese che avrebbe dovuto mediare la trattativa per i soldi russi alla Lega nega che sia stata conclusa qualsivoglia transazione dallʼavvocato Meranda. Lʼaccordo con questʼultimo sarebbe cessato nel 2017, però si sono dimenticati di cancellare la sua foto nella sezione “team” del loro sito ¯\_(ツ)_/¯. La banca specifica anche che Meranda effettivamente propose una transazione con lʼazienda petrolifera Rosneft, che però non fu mai conclusa. (la Repubblica)

È morto Francesco Saverio Borrelli, capo del pool “Mani pulite” di Milano. In servizio per 47 anni, era uno dei bastioni dell’indipendenza della magistratura. (ANSA)

Ci sono novità sul caso Emanuela Orlandi: dentro gli ossari del cimitero teutonico in Vaticano sono state trovate le ossa di decine di persone, non catalogate. Tra queste potrebbero trovarsi anche le spoglie della quindicenne scomparsa nel 1983. Le analisi proseguiranno settimana prossima. (Quotidiano.net)

Milano

La Marcia “Restiamo umani” ha fatto ieri la sua tappa milanese, sfilando tra Porta Romana e Corvetto, fino al Centro Internazionale di Quartiere a Cascina Casottello, dovʼè intervenuta Egidia Beretta, madre dellʼattivista Vittorio Arrigoni. (Facebook / video)

Ideata dallʼattivista John Mpaliza, la marcia è partita il 20 giugno da Trento e si concluderà il 20 ottobre a Roma. (Africa Rivista)

Cult

Justin Bieber ha chiesto a Trump se, mentre aiuta A$AP Rocky a uscire dalla prigione in Svezia, riesce anche a fare qualcosa per i bambini imprigionati al confine:

Todd Alcott è un artista che trasforma i titoli di canzoni famose in copertine di libri vissuti. (LitHub, qui su Instagram)

Spazio

La navicella Soyuz con gli astronauti Luca Parmitano, Andrew Morgan e Alexander Skvortsov è arrivata con successo alla Stazione Spaziale Internazionale. (ANSA)

Riguarda la diretta dei preparativi e del lancio. (Livestream)

Parmitano resterà a bordo dellʼISS per sei mesi, a capo della missione Beyond. Di cosa si occuperà, esattamente? Di una miriade di esperimenti diversi: dalla crescita dei girini in condizioni di microgravità allʼeffetto delle radiazioni ultraviolette, dalla nutrizione umana alla guida telerobotica. (Wired, 10/07)

Se volete saperne di più, la missione sarà seguita anche da un podcast ufficiale dellʼAgenzia spaziale europea. (Overcast)

Ambiente

Come va l’estate, state ancora patendo molto il caldo? La polizia di Braintree, in Massachusetts, lo sta patendo molto, a giudicare da questo post su Facebook dove chiede ai cittadini di non compiere crimini durante l’ondata di calore che ha colpito gli Stati Uniti questo week end. Contattata dai media, il dipartimento ha confermato di non essere stato hackerato. (CNN)

Seriamente però: l’ondata di caldo che sta colpendo gli Stati Uniti in questi giorni è veramente calda, portando con sé massime percepite fino ai 46 gradi. Diversi eventi sono stati cancellati, tra cui l’OZY Fest e il Triathlon di New York. Finora sono sei le morti imputate al grande calore. (CBS News)

* * *

Gif di Schercle.

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.