In tutto il mondo i lavoratori chiedono più diritti

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/05/D5dzOraU8AAYxeO.jpg

in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Dal Bangladesh all’Indonesia, da Taiwan alla Russia: 17 foto delle manifestazioni del Primo maggio in tutto il mondo. (Vox)

A Parigi le proteste hanno preso una piega violenta, con numerosi scontri tra la polizia e i manifestanti del “black bloc.” A fine giornata nella capitale si contavano 288 arresti. (le Monde / the Local France)

La CGT — la principale organizzazione sindacale francese — ha denunciato una “repressione inaudita,” indiscriminata e inaccettabile in democrazia, in seguito agli atti violenti di pochi. (le Figaro)

A Istanbul, invece, gli arresti sono stati 137, con l’accusa di aver dato luogo a proteste non autorizzate. (Reuters)

Anche a Torino c’è stato qualche tafferuglio, quando la polizia ha caricato i manifestanti dello spezzone No Tav in via Roma per impedirgli di raggiungere il palco di piazza San Carlo prima della fine dei comizi dei tre sindacati confederali. Nelle cariche sono stati coinvolti anche alcuni consiglieri del M5S, che hanno denunciato la gestione “incomprensibile” del corteo. (la Repubblica)

All’interno del corteo i No Tav si sono scontrati anche con il servizio d’ordine del Pd, ma la presenza più incomprensibile alla manifestazione è stata senz’altro quella di Fratelli d’Italia, criticata dall’Anpi. (TorinOggi)

Da Bologna a Milano, anche quest’anno i protagonisti del Primo maggio italiano sono stati i rider, i ciclofattorini delle consegne di cibo a domicilio, simbolo delle nuove frontiere del precariato. A Milano, i cortei della giornata sono stati tre. (la Repubblica Milano / il Giorno)

Alla sua prima festa dei lavoratori da segretario della Cgil, Maurizio Landini è tornato a proporre l’ipotesi di un sindacato unitario. “Le ragioni storiche, politiche e partitiche che portarono alla divisione tra i sindacati italiani non esistono più. Oggi possiamo avviare un nuovo processo di unità tra Cgil, Cisl e Uil.” (Agi)

Dal palco del concerto del primo maggio ha parlato anche Ilaria Cucchi, che ha raccontato come la sua battaglia abbia dimostrato che “non bisogna mai smettere di indignarsi.” (la Repubblica)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Julian Assange è stato condannato a 50 settimane di carcere nel Regno Unito per aver violato i termini della libertà provvisoria nel 2012, quando si rifugiò nell’ambasciata ecuadoriana a Londra. (Euronews)

Un’inchiesta di BBC Arabic ha individuato foto e video di crimini di guerra compiuti da soldati delle forze di Haftar in Libia, condivisi su Facebook e YouTube. (BBC)

Il procuratore generale Barr ha testimoniato davanti al Comitato giudiziario del Senato statunitense in merito alla propria gestione della pubblicazione del report di Mueller sulle indagini sul presidente, ed è stato disastroso. (Vanity Fair)

Guarda Kamala Harris, che è stata procuratrice generale della California per sei anni, distrugge completamente la difesa di Barr.

Poche ore prima della deposizione è stata resa pubblica una lettera che Mueller ha inviato al procuratore generale nei giorni successivi alla pubblicazione del suo “riassunto” — parziale e incompleto — del report. Nella lettera, Mueller sottolinea come il riassunto di Barr abbia danneggiato lo scopo delle indagini, e rivela che riassunti imparziali sui contenuti dei due volumi del report erano già stati consegnati al dipartimento. (the New York Times, potete leggere direttamente la lettera, in PDF, a questo link)

Theresa May ha licenziato il proprio ministro alla Difesa, Gavin Williamson, accusandolo di essere il responsabile del leak che aveva rivelato che il Regno Unito avrebbe garantito accesso parziale a Huawei alla rete britannica per ricevere assistenza nella costruzione della propria rete 5G. (BBC News)

Williamson sostiene che l’informazione sia trapelata da qualcuno al di fuori del suo team, e sostiene di essere stato vittima di un “processo farsa.” (the Guardian)

Il consiglio di pace e sicurezza dell’Unione africana ha minacciato di sospendere il Sudan se il consiglio militare non consegnerà il potere politico ai civili entro 60 giorni. Il movimento di protesta tornerà nelle strade della capitale nel corso della giornata di oggi per manifestare contro il colpo di stato. (Al–Araby Al–Jadeed)

Il bastione della democrazia occidentale Juan Guaidó ha cercato di guidare, due giorni fa, quello che a tutti gli effetti era un tentativo di golpe militare contro il governo Maduro. Ma l’esercito non ha seguito compatto l’autoproclamato presidente, e il tentativo di ribaltare il governo è fallito, lasciando Maduro ulteriormente indebolito, sì, ma la figura di Guaidó irrimediabilmente compromessa sul piano internazionale. (the New York Times)

Secondo Maduro dietro al tentato colpo di stato ci sono senza dubbio gli Stati Uniti, e specificamente John Bolton, il consigliere alla Sicurezza nazionale di Trump da sempre tra i più convinti sostenitori dell’intervento statunitense in Venezuela. (teleSUR)

Italia

I video raccapriccianti della violenza sessuale per cui sono stati arrestati i due militanti di CasaPound Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci sarebbero stati condivisi anche su una chat WhatsApp di Blocco Studentesco, dove la reazione tipica è stata quella di consigliare ai due di resettare i telefoni, per evitare di essere incriminati. (il Messaggero)

A Roma un 22enne indiano che lavora come rider per pagarsi un master all’università è stato aggredito con lanci di sassi e uova da un gruppo di adolescenti. (la Repubblica Roma)

146 rifugiati libici sono stati evacuati in Italia con un corridoio umanitario in collaborazione con l’UNHCR. Tra loro anche 46 bambini. (UNHCR)

Questioni di genere

Il Tribunale arbitrale internazionale dello sport di Losanna ha respinto il ricorso dell’atleta sudafricana Caster Semenya contro il regolamento della IAAF sull’iperandrogenismo. Ora l’atleta dovrà sottoporsi a una terapia ormonale per ridurre i propri livelli di testosterone se vuole continuare a competere a livello internazionale. (the New York Times)

Cult

Trump ieri era molto arrabbiato perché il sindacato nazionale dei Vigili del fuoco aveva annunciato lunedì il proprio supporto alla candidatura di Biden. Così arrabbiato che ha retwittato l’account di una donna che gli scriveva che “il marito, un vigile del fuoco” lo avrebbe certamente votato nel 2020. Ma subito dopo essere stato retwittato, l’account ha cambiato il proprio nome in “Fuck Donald Trump” e la propria immagine di profilo nel simbolo elettorale di Bernie Sanders. In questo momento il tweet è ancora nell’account del presidente. (the Daily Beast)

Secondo Scott Anderson, direttore della robotica di Amazon, prima di riuscire ad automatizzare completamente la logistica delle consegne ci vorrà almeno un decennio. (the Verge)

Guarda la sceneggiatrice Emily Carmichael scrivere una scena di un thriller fantascientifico in soli sette minuti. (Vanity Fair, su YouTube)

Animali

In tutti gli esemplari di gamberetti esaminati nelle aree rurali del Suffolk, in Inghilterra, sono state trovate tracce di cocaina. Anche ketamina e pesticidi sono state trovati in una certa concentrazione. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.