in copertina, foto del Salto, via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Mentre i giornali hanno dato enorme risalto alla manifestazione dei “sì Tav” a Torino, che sono scesi in piazza “senza bandiere di partito” ma con l’adesione di Pd, Forza Italia e anche della Lega, sono state quasi del tutto ignorate — e lo sono tutt’ora, se vi fate in giro sulle homepage dei principali quotidiani — le altre due piazze di protesta della giornata di ieri. (la Repubblica Torino)

A Roma erano circa 10 mila — meno delle attese — i manifestanti che hanno partecipato a #Indivisibili, la protesta nazionale contro il decreto “sicurezza” e il razzismo istituzionale. In testa al corteo, l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano. (Roma Today)

Qui c’è un coro semplice e orecchiabile che potete scandire quando vi sentite giù di morale. (Local Team / Facebook)

La polizia ha fermato decine di autobus di manifestanti diretti nella capitale, perché non resistevano al desiderio di leggere il contenuto degli striscioni. (Fanpage)

In 100 mila secondo gli organizzatori, il corteo è partito alle 14.30 da piazza della Repubblica ed è arrivato a San Giovanni attorno alle 18. “Oggi mi sento uno di voi — ha detto Mimmo Lucano – È giusto essere qui oggi. Sono sicuro che esiste un’umanità differente dal clima di barbarie e disumanità che oggi c’è in Italia. Rifarei tutto mille volte per la causa dei rifugiati che sono i nuovi poveri, i proletari. Bisognerebbe eliminare la parola clandestino dal vocabolario.” (Dinamo Press)

Contemporaneamente, si sono tenute in tutta Italia manifestazioni contro il disegno di legge Pillon, la cui visione della famiglia e della donna sembra essere uscita da un blog di sedicenti attivisti per i diritti maschili. (Rai News)

Perché il ddl Pillon è, per usare un eufemismo, problematico? Se non avete seguito il dibattito, ve lo spiega Claudia Torrisi su Valigia Blu.

Pillon su Facebook ha comunicato di aver scelto la linea del “silenzio stampa.” Alle manifestazioni hanno partecipato figure del partito democratico e della varie sigle di sinistra, ma gli organizzatori hanno chiesto di non esporre nessun simbolo di partito. (HuffPost)

A Milano, nonostante il brutto tempo, il presidio in piazza della Scala è stato molto affollato. (la Repubblica Milano)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

100 anni dalla fine della Prima guerra mondiale

In tutto il mondo si svolgeranno oggi eventi e manifestazioni per commemorare il centenario della fine della Prima guerra mondiale. (BBC News)

L’epicentro delle commemorazioni sarà Parigi, dove circa 70 capi di stato di tutto il mondo — da Trump a Putin, passando per Kenyatta — si riuniranno per ricordare l’armistizio. (France24)

È l’occasione per ricordare anche i due milioni di soldati africani che morirono durante il conflitto, reclutati a forza dalle potenze coloniali — Francia in prima fila. (DW)

In Polonia, invece — dove la fine della Grande guerra coincide con l’indipendenza nazionale — i leader del partito di governo PiS (Legge e Giustizia) marceranno a fianco dell’estrema destra neofascista nella marcia prevista per oggi a Varsavia, che il sindaco della città aveva cercato di bandire. (euronews)

L’ex presidente dell’eurogruppo Donald Tusk, tornato a fare politica attiva in Polonia, ha definito il governo del PiS “moderni bolscevichi.” (Politico.eu)

Ma cosa è successo l’11 novembre 1918? Segui gli aggiornamenti ora per ora sul Telegraph, in diretta da 100 anni fa. (dietro paywall).

Mondo

Dopo alcune tensioni assolutamente fasulle, Emmanuel Macron ha concordato con Donald Trump, in visita all’Eliseo, che l’Unione Europea deve aumentare le proprie spese per la difesa. L’altro ieri Trump aveva definito il progetto di un esercito europeo “estremamente insultante.” (Reuters)

Il segretario di stato della Florida Ken Detzner ha ordinato un riconteggio dei voti in tre elezioni nello stato, tra cui anche le corse per governatore e per un posto al Senato di Washington. Il riconteggio dovrà terminare entro il 15 novembre, e potrebbe permettere ai democratici di ribaltare il risultato di due elezioni. (Quartz)

Gif di Jacquelin Jing Li.

È salito a 23 il conto delle vittime causate dal gigantesco incendio divampato in California. Le fiamme hanno quasi completamente distrutto la città di Paradise: il numero dei dispersi è altissimo, 110. (CBS News)

La Turchia ha annunciato di aver inviato agli Stati Uniti e ad altri paesi occidentali la registrazione audio dell’assassinio di Jamal Khashoggi. Secondo gli ufficiali l’audio dimostra che l’omicidio del giornalista era premeditato. (NPR)

Il ministro degli affari europei del governo romeno si è dimesso, a pochi mesi dal turno di presidenza del Consiglio europeo. (Balkan Insight)

Le forze saudite hanno preso il controllo del più grande ospedale di Hodeidah, mentre i bombardamenti continuano a scuotere la città portuale. (Al Jazeera)

12 persone sono morte e 29 ferite in una improvvisa alluvione in Giordania, causata da fortissime piogge torrenziali. È la seconda alluvione in meno di tre settimane. (the Jordan Times)

L’alluvione ha colpito la regione circostante alla città storica di Petra. Le autorità della città di Maan hanno annunciato l’apertura di rifugi per le vittime. (Arab News)

I media della Corea del Nord hanno lanciato una campagna per chiedere al Sud del paese di non rispettare le sanzioni imposte dalle Nazioni Unite. (the Korea Herald)

Internet

Anche quest’anno il Single Day ha fatto registrare numeri altissimi per il gigante dell’ecommerce Alibaba: i consumatori cinesi hanno speso circa 3 miliardi di dollari in cinque (5!) minuti. (South China Morning Post)

Italia

La sindaca di Roma, Virginia Raggi, è stata assolta dall’accusa di falso ideologico per aver mentito sulla nomina di Raffaele Marra, fratello del suo ex braccio destro Raffaele, a direttore del dipartimento comunale del turismo. “Il fatto esiste ma non costituisce reato.” (la Repubblica Roma)

I vertici pentastellati se la sono presi con i giornalisti, a loro dire causa di tutti i mali della giunta Raggi, con una virulenza inedita anche per gli standard desolanti del partito. Alessandro Di Battista ha definito la categoria “pennivendoli puttane” e Luigi Di Maio “infimi sciacalli.” Nota bene: le sparate di Di Maio sono ancora più gravi, dato che vengono da un ministro della Repubblica. (la Repubblica)

Ora Raggi dovrà dimostrare di governare bene la città — compito non facile, e fino a qui non granché riuscito, con grande disagio dei vertici del partito. (HuffPost)

A proposito di Roma: oggi è il giorno del referendum consultivo, voluto dai Radicali, sulla messa a gara di Atac, l’azienda municipale dei trasporti pubblici. Ma privatizzare i servizi pubblici aiuta davvero a farli funzionare meglio? Ci sono molti esempi contrari. (Jacobin Italia)

Questioni di genere

Nella maggioranza dei paesi occidentale, pagare una donna meno di un uomo per la stessa mansione è illegale. Eppure tra le donne e gli uomini continuano a esserci notevoli differenze di retribuzione — un fenomeno chiamato gender pay gap. Ieri nel Regno Unito si è tenuto lo ”Equal Pay Day,” per sensibilizzare i lavoratori a riguardo. (the New York Times)

Per la prima volta dopo 37 anni, circa 500 donne hanno potuto assistere allo stadio di Teheran alla finale della Champions League asiatica. Gli attivisti e le attiviste sperano sia un primo passo verso la fine del divieto. (the Independent)

Milano

Sala e la retorica dell’uomo nordico lavoratore: prima da un convegno all’università Bicocca poi si è lasciato andare a un commento dal retrogusto razzista sulle chiusure domenicali “le facessero ad Avellino,”, poi, giusto per non far mancare niente allo stereotipo del bauscia criptoleghista, ha pubblicato questo tweet:

Cult

Non c’è niente da fare, a Ennio Morricone proprio non piacciono i film di Tarantino. Il compositore, ormai novantenne, l’ha ribadito in un’intervista a German Playboy chiamando “trash” i film del regista pulp. (the Playlist)

Questa è facile: prima o poi gli stunt di attori professionisti verranno rimpiazzati da programmi di computer grafica gestiti da intelligenze artificiali. (Inverse)

Un trailer conferma la presenza di Winnie the Pooh nel tanto atteso Kingdom Hearts III. L’uscita del videogame è prevista per il 29 gennaio 2019. (YouTube)

Animali

In sette nuovi sarcofagi aperti nel sito archeologico di Saqqara, a sud del Cairo, sono stati trovati decine di gatti e di scarabei mummificati. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani!

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via