in copertina, Luigi Di Maio a ripetizioni, via Facebook

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Sul condono “manipolato” lo scontro interno alla maggioranza è andato avanti per tutta la giornata di ieri. La Lega, per bocca del viceministro Garavaglia e poi dello stesso Salvini, ha ridicolizzato le dietrologie di Di Maio, ribadendo che il decreto era così com’è quando è uscito dal Consiglio dei Ministri. Per cercare di risolvere l’impasse, Conte ha convocato un nuovo Cdm per sabato mattina, ma la Lega sembra intenzionata a boicottarlo. (la Repubblica)

Salvini aveva inizialmente rifiutato l’invito di Conte dichiarando che sabato aveva impegni di campagna elettorale in Trentino, e che domenica non si sarebbe potuto occupare d’altro perché sarebbe stato in “clima derby.” (il Post)

Poi si è accorto di aver esagerato, forse, dichiarando da un comizio elettorale della Lega a Bolzano: “Ancora non è stato convocato il Consiglio, ma se serve che Salvini ci sia, Salvini ci sarà.” (Sì, parlando in terza persona.) (il Sole 24Ore)

Addirittura il presidente del Consiglio, accorgendosi di contare quanto il due di briscola, avrebbe minacciato le dimissioni per riportare all’obbedienza i due alleati in conflitto. (AGI)

Non è chiaro comunque a cosa potrebbe servire una nuova riunione del Cdm, dato che la Lega è compatta a insistere che il testo non si tocca. Ricordiamolo: questa vicenda non dimostra soltanto la totale incompetenza — o la totale ipocrisia — del Movimento 5 Stelle, ma anche la continuità della Lega con il peggior centrodestra del nostro paese in materia fiscale. (Rai News)

Nel disperato tentativo di dare un senso all’exploit grillino Beniamino Pagliaro ha messo insieme una cronologia della spaccatura di governo, facendo un lavoro di fact checking minuto per minuto. (la Repubblica)

A mood:

Intanto, martedì arriverà la decisione finale di Bruxelles sulla manovra, ma è già chiaro che sarà una sonora bocciatura: Pierre Moscovici ha consegnato al ministro dell’Economia una lettera della Commissione europea in cui si parla di una “deviazione senza precedenti.” (HuffPost)

Potete leggere qui il testo completo della lettera.

Lo spread nel frattempo ha chiuso a 327, il massimo da cinque anni. Secondo Di Maio lo spread sale “perché i mercati pensano che questo governo non sia più compatto.” (Reuters)

Il caos nel governo forse per la prima volta si riflette nel consenso elettorale, pur sempre altissimo. L’ultimo sondaggio di Demopolis registra una lieve flessione di M5S e Lega, mentre risale il Pd. (Termometro Politico)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati subito alla newsletter.

* * *

Mondo

Il caso Khashoggi continua a riservare dettagli sempre più truci. Mentre le autorità turche hanno perquisito alcuni boschi nei dintorni di Istanbul in cerca dei resti del giornalista, Trump si è finalmente detto convinto che Khashoggi sia morto, grazie ad informazioni dell’intelligence americana. (the New York Times)

(Lo stesso giorno in cui ha dichiarato di temere la morte di un giornalista ucciso da un dittatore amico, Trump ha anche preso le parti del parlamentare repubblicano Greg Gianforte, congratulandosi con lui per aver assalito un giornalista.) (Deadline)

Intanto uno dei 15 membri del commando saudita che avrebbe assassinato Khashoggi nel consolato di Istanbul è morto, in patria, in un misterioso incidente d’auto. Tutti sono sicuri che si tratti di una coincidenza. (AGI)

Il segretario di Stato statunitense Pompeo ha annunciato che il paese chiuderà il consolato di Gerusalemme — che serviva i palestinesi — e ne sposterà tutte le attività nella nuova ambasciata. (Reuters)

Malgrado le rassicurazioni degli Stati Uniti — che si tratti di una misura solo per migliorare l’efficienza della missione statunitense nel paese — è evidente che si tratti di un ulteriore allontanamento della Casa bianca dalla causa palestinese. (Times of Israel)

In un clima di violenze e continui attacchi terroristici da parte dei talebani, domenica si terranno le elezioni parlamentari in Afghanistan. Un po’ di numeri: 2000 seggi elettorali sono già stati chiusi per l’alto rischio di attacchi, 10 candidati sono stati assassinati negli ultimi due mesi. (CBS News)

Ma ci sono anche elementi positivi, come l’alto numero di candidate donne. (France24)

Il centro-sinistra ha vinto in Bhutan: secondo gli exit poll gli 800 mila elettori del piccolo stato himalayano hanno confermato una maggioranza di quasi due terzi al partito progressista Druk Nyamrup Tshogpa. I risultati ufficiali sono attesi in giornata. (Al Jazeera)

Decine di migliaia di cittadini canadesi potranno effettivamente fare domanda per vedersi condonare i reati minori legati al possesso di cannabis, ora che la cannabis è legale. Ma i dettagli dell’operazione sono ancora da definire, e ci saranno dei paletti. (CBC)

La popolarità del governo di Angela Merkel non è mai stata così bassa, mentre continuano a crescere i consensi dell’estrema destra, ma anche dei Verdi. (DW)

Internet

Facebook ha mostrato a un gruppo di giornalisti la propria “war room” con cui prevede di controllare le campagne di influenza psicologica per le elezioni in tutto il mondo. Ma non ha dato ai giornalisti i dettagli su cosa facciano esattamente le persone che lavorano nella “war room.” (the Guardian)

Nel frattempo, buone (?) notizie: l’ultimo grande hack di Facebook, in cui sono stati compromessi i dati personali di 30 milioni di persone, non è stato ad opera di agenti di uno stato, sostiene l’azienda. Si tratterebbe “soltanto” di spammer. (Mashable)

Nelle foto della war room di Facebook si vede più di una bandierina brasiliana, per indicare a quali tavoli si fermino i dipendenti che lavorano sull’imminente secondo turno nel paese. Ma agli esperti di Facebook sembra essere sfuggita un’“industria guidata da 156 imprenditori” dedicata a produrre fake news poi diffuse principalmente su Whatsapp, denuncia uno dei più grandi quotidiani locali, il Folha de São Paulo. (the Guardian)

Italia

L’ennesimo caso di aggressione razzista si è registrato a Morbegno, in provincia di Sondrio, dove nella notte di sabato scorso un senegalese di 28 anni è stato insultato e picchiato da un gruppo di ragazzi mentre si recava al lavoro, in un panificio della città. (la Repubblica Milano)

A Trento, invece, una donna di quarant’anni si è messa a urlare contro un ragazzo di colore che aveva osato avere il posto di fianco al suo su un autobus Flixbus, perché voleva che si sedesse in fondo al bus, “sei di un altro colore.” La donna ha strepitato finché il ragazzo, 25 anni, dipendente di un’azienda che monta forni, è scoppiato a piangere. Flixbus ha condannato l’episodio. (la Repubblica)

Stiamo cercando di tenere traccia di tutti i casi di violenza razzista che si verificano dal 4 marzo in poi in questa pagina. Se hai qualche caso da segnalare, scrivici attraverso il form che trovi in fondo alla pagina.

“Dal generale Nistri uno sproloquio contro chi ha rotto il muro dell’omertà.” Così Ilaria Cucchi commenta l’incontro dell’altro ieri con il generale dell’arma dei Carabinieri. La ministra della Difesa Trenta ha difeso Nistri, ma è evidente ci sia un disegno per punire chi ha rotto il silenzio. (HuffPost)

Per la prima volta dalla formazione del governo sembra che sia la Lega ad adeguarsi a una posizione del Movimento 5 Stelle, sostenendo l’opportunità di fermare gli appalti per la Tav. Durerà fino alla fine della settimana? (la Repubblica Torino)

Per la prima volta parla Daniela Cantamessa, ex dipendente di alto livello della Lega, ex segretaria di Umberto Bossi, che rivela: “Salvini sapeva dei 49 milioni spariti, ma non fece nulla.” L’esclusiva di TPI. (TPI News)

Mimmo Lucano ha accolto l’invito di De Magistris: andrà a Napoli, e insieme stanno pensando di costituire una lista per le elezioni europee. (il manifesto)

Milano

Due giorni dopo il sondaggio IPSOS secondo cui il 60% dei milanesi sarebbe soddisfatto dell’amministrazione Sala, bisogna leggere, questa intervista rilasciata dal sindaco a Marco Damilano, direttore dell’Espresso. (Corriere della Sera / l’Espresso)

Parlando dei recenti roghi di rifiuti a Milano, l’assessore all’ambiente Granelli ha dichiarato che “chi si occupa del trattamento di rifiuti deve agire nelle regole, non c’è nessuno spazio per i furbi.” Secondo la Regione Lombardia, le percentuali di diossina sprigionatesi nell’incendio sarebbero fortunatamente inferiori a quelle di altri casi simili. (ANSA)

Questioni di genere

Malgrado l’avanzata del movimento #MeToo, la condizione della donna in India è ancora borderline. La corte suprema indiana aveva soppresso lo scorso mese il divieto d’accesso per le donne in età fertile al tempio di Sabarimala, ma quando una donna e un uomo — entrambi giornalisti del New York Times — hanno provato a visitare la collina sacra sono stati assaliti dalla folla inferocita, che ha anche lanciato sassi contro di loro pur di fermare la giornalista. (the New York Times)

Cult

Il botta e risposta tra Antonio Scurati e Ernesto Galli Della Loggia a proposito degli errori storici contenuti in M. Il figlio del secolo, l’ultimo romanzo di Scurati su Mussolini. (il Post)

Questa insegnante di inglese corregge i compiti appiccicando sticker con dei meme per tenere attenti i propri studenti. (Twitter Moments)

General Motors vuole vendervi auto che vi spiino, per farvi vedere pubblicità più rilevanti ai vostri interessi mentre siete alla guida. (the Verge)

In un talk show in Cina Jet Li ha spiegato perché ha rifiutato di partecipare ai lavori di coreografia di Matrix: la superstar delle arti marziali sarebbe stato preoccupato che “i computer gli rubassero le mosse.” Immaginiamo si riferisse ai sistemi di motion capture, ma ci piace pensare stesse parlando dell’agente Smith. (Abacus)

Ambiente

Ecosocialismo o barbarie. (Motherboard)

Segni dell’imminente fine del mondo: confusi dal clima caldo portato dai tifoni, i ciliegi giapponesi stanno fiorendo in autunno invece che in primavera. (Quartz)

Animali

Cosa succede quando muore un animale domestico che è anche un influencer di Instagram? Il caso di Chloe, un bulldog francese con 180 mila follower. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —