in copertina: il presidente iraniano Rouhani insieme al presidente statunitense Trump

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani ha avvertito gli Stati Uniti: “L’America dovrebbe sapere che la pace con l’Iran è la madre di tutte le paci, e la guerra con l’Iran sarebbe la madre di tutte le guerre.” Una minaccia sconsiderata ma possibilista, che avrebbe dovuto ricordare agli Stati Uniti che i lavori per una distensione negli anni scorsi erano stati molto proficui. (Reuters)

La risposta del genio stabile degli Stati Uniti è arrivata in tarda sera, ovviamente via Twitter. E che tweet che è:

Ma l’opinione pubblica statunitense non è andata a dormire temendo di svegliarsi in guerra con l’Iran: il tono aggressivo e irresponsabile di Trump non è una novità, e il paese si è abituato che raramente ci siano fatti e conseguenze alle parole del presidente. (Mother Jones)

Da prendere più seriamente sono i report dell’avviamento di una campagna di comunicazione da parte degli Stati Uniti per fomentare proteste e sollevazioni contro il governo iraniano. (Middle East Eye)

In un intervento alla Ronald Reagan Library di Simi Valley, California, Mike Pompeo ha direttamente invitato i cittadini iraniani a ribellarsi, paragonando le loro difficoltà alla Guerra d’indipendenza americana. (the Washington Examiner)

Le dichiarazioni di Pompeo, che non potevano essere più reaganesche, ignoravano completamente che la crisi economica iraniana sia interamente dovuta alla decisione unilaterale degli Stati Uniti di uscire dall’accordo nuclearecon il paese. (Axios)

Cosa c’è di vero: il governo iraniano sta rispondendo alle incessanti proteste con violenza spropositata, e con pene severissime. Sono molti gli studenti che, facendo attivismo pacifico, si sono trovati arrestati e poi condannati a fino a 8 anni di carcere per “propaganda contro lo stato.” (Human Rights Watch)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

La prima petizione ufficiale contro la discussa legge che ha trasformato ufficialmente Israele nello “Stato-nazione del popolo ebraico” è stato depositata all’alta corte israeliana da alcuni parlamentari, alcuni appartenenti alla minoranza religiosa drusa. (Haaretz)

Un altro attentato ha scosso il Pakistan, solo quattro giorni prima delle elezioni di mercoledì. È stato ucciso nell’attacco Ikramullah Gandapur, un candidato locale del partito di centrodestra Pakistan Tehreek-e-Insaf, guidato dall’ex star del cricket Imran Khan. (Reuters)

L’attacco al candidato del PTI va letto ricordando come, con l’ex Primo ministro Nawaz Sharif in prigione per corruzione, Imran Khan potrebbe davvero strappare una vittoria alle prossime elezioni. (Al Jazeera)

Le carceri irachene sono strapiene di persone arrestate con accuse di terrorismo. Osservatori di Human Rights Watch hanno ricevuto il permesso di visitare uno dei centri di detenzione del National Security Service — centri che fino a pochi mesi fa il governo negava esistessero. (Arab News)

Un uomo ha aperto il fuoco verso un ristorante in una strada di Toronto, nel distretto di Greektown, uccidendo una donna e ferendo 13 persone, di cui una è ora in condizioni critiche. Il sospetto è stato ucciso dalle forze dell’ordine. (BBC News)

Una ragazza indonesiana di 15 anni è stata condannata a 6 mesi di carcere per aver abortito dopo aver subito violenza da parte del fratello maggiore, di 18 anni. Il fratello dovrà scontare due anni per sesso con un minore. (Associated Press)

Altre undici persone sono morte nell’ondata di caldo che sta travolgendo il Giappone. In molte città si stanno registrando le temperature più alte di sempre. (the Japan Times)

Il campione tedesco di origine turca Mesut Özil ha deciso di lasciare la maglia della nazionale in seguito alle polemiche su una sua foto con Erdogan. (la Repubblica)

Italia

Sergio Marchionne è in ospedale a Zurigo in terapia intensiva, in condizioni irreversibili. (ANSA)

Le reazioni della stampa e della politica: dal silenzio rispettoso a “chi non dimentica” la sua politica ultraggressiva verso i diritti dei lavoratori FIAT, in un sottofondo di generale cordoglio — con venature di piaggeria. (HuffPost)

Lunedì mattina partirà il primo concorso pubblico per la scelta di nuovi dirigenti scolastici da sette anni a questa parte. La maggioranza degli aspiranti presidi sono donne, con un’età media di 49 anni, e ne passeranno 2.425 su 34.580. Auguri. (HuffPost)

Milano

Dentro l’inquietante racket milanese dei sacchetti della spesa non regolamentari. (Il Giorno)

Ehi, avete voglia di partecipare a questa maratona di lettura della Bibbia? Uhm. (la Repubblica Milano)

Cult

La serie TV Supergirl ha ingaggiato Nicole Maines, attivista transgender, per un ruolo di supereroina — sarà la prima eroina transgender in tv. (TV Line)

Ristoranti con camerieri robot, macchine per leggere il pensiero e intelligenze artificiali per gestire bagni pubblici. La Cina è travolta da un’ondata di tecnologia “del futuro,” e anche se raramente queste macchine funzionano è una bella esuberanza. (the New York Times)

È online l’Aurora Award Bundle 4, un pacchetto di 10 libri tra i finalisti dell’Aurora Award canadese, che premia i migliori testi di fantascienza del paese. Il prezzo lo fate voi. (Boing Boing)

Promemoria: no, il vostro telefono non usa i microfoni per spiarvi. Torna sull’argomento Kara Swisher, in una conversazione con i ricercatori della Northeastern University Christo Wilson e David Choffnes. (Recode)

I poster pubblicitari dei circhi sovietici erano super psichedelici. (the Outline)

Ambiente

Secondo i rilievi di Arpav alcuni pozzi esaminati in Veneto risultano contenere una sostanza inquinante denominata Genx. Per Greenpeace si tratterebbe di sversamenti causati da Miteni.

Il commercio online su Amazon ha determinato l’aumento dei camion in circolazione per consegnare i prodotti, e quindi più emissioni climalteranti. Inoltre c’è un problema di accumulo di rifiuti derivante dai materiali di imballaggio.
(Buzzfeed News)

L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea ha tra i suoi effetti collaterali quello di indebolire la salvaguardia dei delfini e degli uccelli marini della Manica. (the Guardian)

Fondo del barile

In Australia c’è un festival biennale di gente che usa delle fette di cocomero come sci. (Atlas Obscura)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —