In copertina: foto di Marco Rotunno per UNHCR Italia, via Twitter.

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Alla fine c’è voluto il Presidente della Repubblica per sbloccare l’impasse dello sbarco della nave Diciotti. L’annuncio l’ha dato il presidente del consiglio Conte dopo una telefonata con Mattarella. Salvini ha accettato apparentemente di buon grado la decisione, ma fonti interne al Viminale parlano di “stupore.” (la Repubblica)

Ieri le organizzazioni umanitarie presenti sul molo di Trapani avevano espresso profonda preoccupazione per lo stallo delle operazioni di sbarco, soprattutto per la presenza a bordo di donne e bambini:

Salvini dovrà farsi una ragione del fatto che, come sottolineato dalla procura di Trapani, non c’erano elementi sufficienti per arrestare nessuno. I due migranti additati come “facinorosi” sono indagati per violenza privata, ma non per “dirottamento,” come si era paventato inizialmente, e restano quindi a piede libero fino alla conclusione delle indagini. Gli inquirenti sospettano anche che si tratti di due scafisti. (Rai News)

Anche perché l’equipaggio del rimorchiatore Vos Thalassa ha parlato di minacce e di tensione a bordo, ma nessuna violenza e nientemeno tentativi di dirottamento della nave. (Corriere della Sera)

Avvenire stamattina esce in edicola con un titolo abbastanza eloquente:

È abbastanza grave che ci sia voluto l’intervento del Quirinale non solo per liberare i 67 naufraghi bloccati senza nessuna ragione, ma soprattutto per svegliare il presidente del Consiglio Conte e ricordargli di esistere. (la Repubblica, dietro paywall)

Mentre tutto questo teatro assurdo è stato montato sulla pelle di 67 persone, Medici Senza Frontiere ha stimato che solo nelle ultime quattro settimane siano morte nel Mediterraneo circa 600 persone. Difficile non mettere in relazione l’aumento dei naufragi con l’allontanamento delle navi delle Ong dalle aree di soccorso. (MSF)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Dopo lo spettacolo messo in scena alla NATO, un gioco della tensione costruito ad hoc per costringere gli alleati a sbilanciarsi sulle spese per la difesa, continua la vacanza il viaggio di Trump in Europa, con una tappa nel Regno Unito. (the New York Times)

Trump non si sente più “benvenuto” a Londra a causa delle proteste contro la sua visita. Che era poi lo scopo delle proteste. (the Hill)

Nella stessa intervista al Sun (sì, al Sun), Trump scarica il fallimento dei lavori sulla Brexit su May, poche ore prima di incontrarla — e commenta la situazione delle migrazioni in Europa da vero suprematista bianco: “Permettere che le migrazioni avvenissero in Europa è stato un vero peccato. Ha cambiato la stoffa dell’Europa, e se non vi date una mossa non sarà mai più quello che era un tempo — e non lo dico in maniera positiva. Credo che aver lasciato arrivare milioni e milioni di persone in Europa sia molto, molto triste. State perdendo la vostra cultura.” (the Sun)

Gif di Desus & Mero.

Nel frattempo negli Stati Uniti si è tenuta ieri la deposizione alla Camera di Peter Strzok, agente dell’FBI accusato di non essere stato obiettivo nelle indagini sull’allora candidato Trump. È stata una corsa sulle montagne russe con alti e bassi. (Boing Boing)

Il nostro momento preferito è questo:

Il portavoce del governo del Camerun ha chiamato “fake news” un video circolato su Twitter dove si vedono dei soldati assassinare due donne e due bambini perché “membri di Boko Haram.” Il presidente Biya ha annunciato l’apertura di un’indagine, mentre Amnesty testimonia che “ha raccolto le prove che si tratti di soldati del Camerun.” (Reuters)

Anche un team del sito di giornalismo investigativo bellingcat è al lavoro per cercare di geolocalizzare il video:

Dopo tre mesi di proteste, non c’è una fine in vista per le violenze in Nicaragua, costate finora la vita di 260 persone. Mariana Sanchez di Al Jazeera racconta quella che è stata la settimana più violenta dall’inizio degli scontri. (Al Jazeera, video)

Una corte turca ha condannato all’ergastolo 72 persone collegate con la morte di 30 civili sul ponte sul Bosforo di Istanbul, durante il tentativo di colpo di stato del 15 luglio 2016. (Arab News)

Amnesty ha pubblicato un report sulle torture sistematiche operate dalle forze degli Emirati Arabi sui prigionieri Houthi nella guerra in Yemen. (Middle East Eye)

I ribelli siriani si sono arresi nella città meridionale di Daraa, che torna sotto il controllo delle forze di Assad. Proprio a Daraa nel 2011 scoppiarono le prime proteste sfociate poi nella guerra civile. (PBS Newshour)

La demolizione di Khan al-Ahmar, il villaggio beduino circondato da bulldozer la scorsa settimana dalle forze israeliane è sospesa almeno fino al mese prossimo. La Corte suprema israeliana ascolterà il caso presentato dagli attivisti palestinesi che pretendono lussi come non avere la propria casa distrutta. (the Times of Israel)

L’ex governatore catalano Carles Puigdemont potrà essere estradato in Spagna: l’ha stabilito una corte tedesca, negando la validità dell’accusa di “sedizione,” ma facendo valere quella per malversazione. (the Local Es)

Intervistato da France24, il presidente ucraino Poroshenko si è detto sicuro che la posizione ufficiale degli Stati Uniti sulla Crimea è che appartenga all’Ucraina, e che Trump non negozierà questa posizione nel prossimo summit a Helsinki con Putin.

Johnson & Johnson dovrà pagare più di 4 miliardi di dollari in risarcimento a 22 donne che hanno sviluppato un tumore alle ovaie in seguito all’uso del talco commercializzato dall’azienda, che sarebbe stato contaminato da asbesto. (TIME)

Internet

Facebook ha invitato un gruppo di giornalisti mercoledì pomeriggio per presentare il proprio nuovo piano d’attacco contro fake news e propaganda. Ma il piano d’attacco… non c’è. Facebook continua a essere istituzionalmente incapace di affrontare la necessità di prendere decisioni sul tipo di contenuto che ospita sul proprio sito. (BuzzFeed News)

Il piano di Facebook, quello di limitare la circolazione di post di dubbia veridicità, invece di lavorare per capire se una pagina sta pubblicando propaganda neonazista o meno, è spiegabile solo attraverso incompetenza, o connivenza. Quando Oliver Darcy di CNN ha chiesto al responsabile del News Feed John Hegeman come mai, se Facebook sta combattendo le fake news, perché permette al sito di cospirazioni Infowars di pubblicare sulla piattaforma, Hegeman ha risposto che Infowars resta in una zona grigia, senza mai cadere dichiaratamente nel falso. Infowars solo la settimana scorsa sosteneva che i democratici fossero pronti a lanciare una guerra civile, letteralmente, lo scorso 4 luglio, ed è fonte centrale delle cospirazioni che negano i massacri nelle scuole, sostenendo siano false flag, messe in scena con attori professionisti. (CNN / the Submarine, archivio)

Italia

Il Movimento 5 Stelle ha festeggiato in piazza con lo champagne la “fine del privilegio” dei vitalizi. Vi lasciamo rileggere questa frase una seconda volta. (Corriere della Sera)

Dietro la coltre della propaganda trionfalistica del Movimento 5 Stelle, bisogna specificare che si tratta solo di un ricalcolo dei vitalizi maturati dagli ex-parlamentari, che passano dal metodo retributivo a quello contributivo. Il taglio sarà effettivo solo da gennaio 2019 — lasciando tutto il tempo agli interessati per presentare ricorso. (il Sole 24 Ore)

Confermando la condanna inflitta a un 45enne per concorso in lesioni ai danni di due stranieri, la Cassazione ha riconosciuto che dire “andate via” a cittadini extracomunitari può costituire odio razziale. (HuffPost)

Questioni di genere

I repubblicani statunitensi hanno approvato un emendamento che permette alle agenzie di adozione, anche quelle finanziate con fondi pubblici, di negare le adozioni alle famiglie LGBTQ su obiezione religiosa. (LGBTQ Nation)

Cult

Il laboratorio IceCube del Polo Sud ha osservato per la prima volta un neutrino che potrebbe provenire da un blazar — un getto di plasma che viaggia alla velocità della luce espulso da un buco nero, solitamente al centro di una galassia. La scoperta spiegherebbe per la prima volta la provenienza dei raggi cosmici ad altissima energia che a volte bombardano il pianeta. (Science)

Gif di ptrzykd.

Tutte le nomination agli Emmy Awards di quest’anno: c’è tanto, troppo Game of Thrones, ma c’è anche Queer Eye. (BuzzFeed)

Nuove ricerche sul corpo mummificato di Ötzi fanno luce sulla dieta degli abitanti delle Alpi di 5000 anni fa: ricca di grassi e spesso accompagnata da carne di cervo e ibice. (DW)

A proposito di mummie, un nuovo sarcofago mai aperto prima e risalente al periodo tolemaico è stato ritrovato ad Alessandria d’Egitto. (TIME)

Ambiente

Secondo il Fatto Quotidiano il ministro dell’ambiente Sergio Costa avrebbe definito la struttura di missione Italiasicura un “ente inutile”.

Italiasicura era una delle poche glorie del governo Renzi (forse l’unica) e costituiva un lavoro scientifico di altissimo livello nel contrasto al rischio idrogeologico. Il fatto che sia stata chiusa è inspiegabile, scrive il professor Renzo Rosso. (il Fatto Quotidiano)

Ve li ricordate i dischetti di plastica che avevano invaso le spiagge del mar Tirreno ad aprile? Hanno raggiunto il litorale francese. (Legambiente)

Europe overshooting day, versione pescato: L’Europa è rimasta senza pesce per il resto del 2018. Fino a dicembre sarà costretta alle importazioni. (Lifegate)

L’anno scorso nella città di Phoenix (Arizona) le ondate di calore hanno causato oltre 150 decessi. (NPR)

Animali

Una famiglia di marmotte ha mangiato l’auto di Paul Ryan, speaker repubblicano alla Camera dei rappresentanti. A quanto pare, non è una cosa così rara. (NPR / the Verge)

Fondo del barile

Prima della cena di gala durante il vertice NATO a Bruxelles Jean-Claude Juncker non riusciva praticamente a reggersi in piedi. Il presidente della commissione europea ha poi negato di essere ubriaco, dando la colpa ai suoi problemi di sciatica. “Avrei preferito essere ubriaco.” (Politico)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —