in copertina: foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

L’assemblea nazionale del Partito democratico è stata un disastro. Renzi è tornato sul palco, dichiarando di accettare ogni responsabilità per la sconfitta, per poi elencare tutte le colpe che non erano sue ma di altri. Insomma: anche questa volta l’analisi della sconfitta è finita con la certezza che è colpa degli altri. (Corriere della Sera)

Il discorso di Renzi, forse per la prima volta, è stato accolto da molti brusii nella platea. L’ex segretario è stato scosso dalla mancanza di rispetto, ed è arrivato a strepitare: “Continuate così, ci vediamo al Congresso, perderete di nuovo e come sempre comincerete a criticare chi ha vinto. Ma così segate il ramo su cui siete seduti.” Renzi ha portato sul palco tantissime idee innovative, citando nuove fonti di ispirazione, come Tony Blair. (adnkronos)

L’intervento di Renzi ha colto il partito di sorpresa, con Martina costretto ad abbandonare il proprio discorso e a improvvisarne un altro. L’ex segretario ha trovato lo spazio anche per attaccare Gentiloni, rimasto forse l’ultimo politico in vista non impopolare nel partito. L’ex premier ha poi commentato il discorso definendo Renzi “veramente imbarazzante.” (il manifesto)

L’assemblea ha eletto Maurizio Martina Dylan Dog segretario del partito, ma solo fino al congresso, “in una fase di riprogettazione.” Martina progetta dichiaratamente un partito che sappia riaprirsi alla sinistra e alle parti della società civile che si è alienato in questi anni, ma finché ci saranno dirigenti che minacciano chi non è d’accordo con loro, sarà una missione impossibile. (Rai News)

Secondo Cuperlo il problema non è necessariamente quello di un “Pd senza Renzi,” ma la necessità di “ricostruire una comunità.” (la Stampa TV)

All’oltranzismo isolazionista di Renzi ha risposto ai margini dell’assemblea Zingaretti, dato come nuovo wonder boy del Partito. “Non dobbiamo confondere l’orgoglio del partito con la presunzione del partito.” (Corriere della Sera)

Zingaretti è l’unico nome sicuro delle prossime primarie: la corrente renziana non ha ancora un candidato, mentre cerca di convincere Delrio. E ci sarà un terzo candidato, Emiliano o Boccia. (HuffPost)

* * *

L’unico nome sicuro delle vostre mattine è Hello, World! Se ti piace la nostra rassegna stampa, sostienici e abbonati subito alla newsletter: la riceverai direttamente in inbox, con tanto di contenuti extra.

* * *

Mondo

Il primo incontro tra Stati Uniti e Corea del Nord per definire un accordo per la denuclearizzazione è andato malissimo. È stato un incontro “spiacevole,” hanno dichiarato i diplomatici nordcoreani, perché “gli Stati Uniti hanno avanzato proposte da gangster.” (BBC News)

C’è ancora qualche scandalo su Scott Pruitt che deve emergere: è in vista di quelle notizie che la Casa bianca avrebbe chiesto al capo dell’EPA di dimettersi. (Bloomberg)

Putin si sta giocando tutte le carte possibili — sì, anche quelle del “deep state” e delle fake news — per apparire amichevole con Trump, in vista dell’imminente incontro con il presidente degli Stati Uniti. (the Washington Post)

È iniziata la missione per salvare i 13 ragazzi intrappolati in una grotta in Thailandia. Se tutto andrà secondo i programmi i primi ragazzi dovrebbero emergere per le quattro di oggi pomeriggio. (BBC News)

Potete seguire gli aggiornamenti della missione di soccorso in diretta sul Guardian.

Le manifestazioni di massa palestinesi continuano senza sosta, senza nessun segno da parte di Israele di cercare di disinnescare la situazione. Negli ultimi due giorni sono state ferite dalle forze israeliane 396 persone, e una uccisa: un ragazzo di 22 anni, Mohammad Jamal Abu Halima. (Al Jazeera)

Piogge torrenziali, frane e alluvioni stanno imperversando da diversi giorni sul Giappone centrale e occidentale: al momento si contano più di 60 morti e dozzine di feriti. (Japan Times)

Un aumento dei prezzi del carburante ha causato un’ondata di violente proteste ad Haiti, costringendo il primo ministro ad annunciare uno stop all’impennata. (CNN)

Per un possibile rischio di contaminazione da Listeria, Findus e Lidl stanno ritirando dal commercio lotti di minestrone surgelato in tutta Europa. (ANSA)

Gif di Headexplodie

Migliaia di persone hanno manifestato a Berlino e in altre città tedesche contro la criminalizzazione delle Ong che svolgono attività di soccorso nel Mediterraneo. (DW)

Internet

Amazon è ancora pieno di rivenditori che vendono parafernalia nazista, perché ovviamente Amazon vende prodotti per nazisti. (the Verge)

Italia

Salvini ha ironizzato sull’iniziativa delle magliette rosse per ricordare i bambini morti in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa. Non male, per uno che scrive “da ministro e da papà” ogni volta che ne ha l’occasione. (HuffPost)

Ma le esternazioni di fastidio, arrivate anche da Meloni e Di Battista — secondo cui chi ha indossato una maglietta rossa è “un lacché di Napolitano,” lol wtf — confermano soltanto che l’iniziativa è andata benone: le adesioni sono state numerosissime. (il manifesto)

Il rosso è stato il colore dominante anche al Pride di Bologna, che si è svolto ieri con la partecipazione di circa settemila persone. (Bologna Today)

No, non c’è nessuna invasione di immigrati e no, gli africani non vogliono venire tutti in Europa. (il Post)

Tutta la comunicazione di Salvini su questo tema si riduce a una contraddizione di fondo: fare il razzista fingendo di non esserlo. (Rivista Studio)

Milano

La strana storia della sede fantasma della Lega. (Corriere della Sera Milano)

Una nuova sperimentazione sulle zone 30: questa volta per tutelare il Cenacolo vinciano, in Santa Maria delle Grazie. (la Repubblica Milano)

Cult

Xiaomi voleva essere la Apple cinese. Ma in qualche modo è finita per essere la Muji cinese, che forse è anche meglio. (Quartz)

La storia del servizio di annunci che per mezzo di 150 altoparlanti copre tutti i 15 chilometri del litorale di Rimini per aiutare a ritrovare i bambini (e non solo) che si perdono in spiaggia. (la Stampa)

Elon Musk, sempre impaziente di trasformare qualsiasi cosa in un’occasione di marketing per se stesso e per le proprie aziende, ha annunciato la costruzione a tempo record di un “sottomarino a misura di bambino” per liberare i 13 ragazzini intrappolati in Thailandia. Ma non sembra che l’imprenditore sia stato coinvolto nelle operazioni di soccorso appena cominciate, quindi probabilmente sta facendo tutto da solo. (Ars Technica)

L’uso di “smart drugs” è in crescita in tutto il mondo, con un incremento particolarmente elevato in Europa: in Regno Unito dal 2015 al 2017 si è passati dal 5% ale 23%. (Scientific American)

Ambiente

Reggetevi forte: Secondo un il rapporto New Energy Outlook 2018 realizzato da Bloomberg l’Italia sarà alimentata al 90% da fonti rinnovabili già dal 2030. Sarebbe un’incredibile bruciatura di tappe che porterebbe benefici enormi. (il Sole 24Ore)

Secondo una ricerca infatti non è un problema anche per l’Italia arrivare al 100% di energia rinnovabile. Ma serviranno grossi investimenti nel settore del “bioidrogeno”. (the Submarine, archivio)

A proposito, volete mettere i pannelli solari ma non avete spazio sul tetto? No problem, è nato il fotovoltaico da balcone. (Lifegate)

Secondo l’Enea, l’innalzamento del livello del mare espone a rischio esondazione sette nuove aree costiere italiane: Pescara, Martinsicuro (Teramo e la foce del Tronto), Fossacesia (Chieti), Lesina (Foggia), Granelli (Siracusa), Valledoria (Sassari) e Marina di Campo sull’Isola d’Elba. (ANSA)

In California è iniziata la stagione degli incendi. La situazione è già preoccupante, e le temperature sono ancora relativamente basse. (Grist)

Giornalismi

Oh no, Mentana vuole lanciare un nuovo giornale online. (il Post)

Animali

Le dighe costruite dai castori provocano benefici a lungo termine all’ecosistema circostante. Bravi, castori. (JSTOR Daily)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via