in copertina: foto CC Robert Sharp / englishpen

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il segretario per la Brexit David Davis e due suoi sottoposti, il vice Steve Baker e Suella Braverman, si sono dimessi, perché contrari alla possibilità di una “soft Brexit” accordata tra gli altri ministri venerdì scorso. Theresa May dovrà lavorare a un rimpasto di governo, mentre anche la sua stessa leadership è messa in dubbio. (the Guardian)

Il testo della lettera, durissima fino all’ultimo paragrafo:

Theresa May ha risposto con un’altra lettera, elencando i tanti supposti successi del proprio governo nel portare a termine il mandato della Brexit. (Politico Eu)

Nigel Farage si è congratulato con l’ormai ex ministro Davis, perché se la Brexit deve bruciare il Regno Unito, lo deve bruciare tutto:

Secondo Davis infatti il “regolamento comune” commerciale con l’Unione Europea costringerebbe il Regno Unito a seguire troppo le norme comunitarie, e lascerebbe il paese in una posizione di debolezza nel commercio con il resto del continente. (the Independent)

Il paese dovrebbe abbandonare l’Unione Europea tra soli otto mesi, e la soluzione della “soft Brexit” era la prima soluzione pragmatica che il governo May fosse riuscito a mettere insieme finora. Con le dimissioni di Davis e la crisi di governo, però, i lavori sono di fatto azzerati. (the Guardian)

Secondo Jeremy Corbyn, May ha dimostrato di non aver più nessuna autorità, e sarebbe “incapace di portare a termine la Brexit.”

(Ma la posizione del Labour di Corbyn sulla Brexit è tutto tranne che chiara.)

La soft Brexit, che per la destra dei Tories della Brexit “aveva solo il nome,” era una soluzione economica non isolazionista per il Regno Unito. A meno di un anno dall’uscita del paese dal blocco, pretendere un accordo che conceda ulteriori libertà al Regno Unito sembra impossibile. (Euractiv)

Anzi, la verità è l’esatto contrario: la proposta per una soft Brexit probabilmente non sarebbe stata sufficiente nelle proprie concessioni all’Unione Europea. Ma il governo dei Tories è troppo scosso da “ideologi euroscettici che conservano una nostalgia patetica per la sovranità del diciannovesimo secolo, quando la Britannia governava i mari,” scrive la redazione dell’Observer. (the Guardian)

Se il Regno Unito e l’Unione Europea non dovessero trovare un accordo entro il marzo 2019, il paese si troverebbe costretto ad un’uscita volontaria ma senza privilegi, quella “no–deal Brexit” che finora è stata dipinta come l’apocallisse per l’economia britannica. (CNN)

* * *

Potete evitare l’apocalisse per l’economia di the Submarine: basta cliccare qui e abbonarsi alla newsletter di Hello, World!.

* * *

Mondo

Una corte del Myanmar ha confermato formalmente le accuse per i due giornalisti di Reuters colpevoli di aver scoperto una fossa comune dove l’esercito stava ammassando vittime Rohingya. I due giornalisti sono in carcere già da sette mesi. La seduta di oggi avrebbe potuto concludere la loro prigionia, invece, si procederà con un processo completo. (Al Jazeera)

I primi 4 ragazzini intrappolati nella grotta in Thailandia sono stati salvati. Ma l’operazione per salvare tutta la squadra potrebbe richiedere ancora giorni. (the New York Times)

Dawn Sturgess, la 44enne esposta all’agente nervino novichock ad Amesbury, nello Wiltshire, è morta in ospedale. Resta in condizioni critiche il marito. Non è ancora chiaro come i due siano rimasti esposti al novichock, né se siano stati un bersaglio intenzionale o casuale. (BBC News)

Almeno 24 persone sono morte in un incidente ferroviario nel nord-ovest della Turchia. Il governo ha diramato un divieto di pubblicare aggiornamenti sulla notizia. (Hurriyet Daily News)

L’ex presidente brasiliano Lula continua ad essere nel fuoco incrociato delle sentenze giudiziarie: domenica pomeriggio un giudice d’appello aveva disposto la sua scarcerazione, ma il presidente della corte ha annullato la decisione, rimettendo la questione a un altro giudice. (teleSUR)

Il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali nel Giappone occidentale è salito oltre i 100, mentre si stanno svolgendo le operazioni di soccorso per recuperare decine di dispersi. (Japan Times)

È stato un abbraccio storico quello tra Abiy Ahmed e Isaias Afwerki, leader rispettivamente di Etiopia e Eritrea: dopo 20 anni di conflitto, i due paesi hanno ristabilito legami diplomatici, e la delegazione del governo etiope ad Asmara è stata accolta festosamente. (NPR)

Da neanche 9 giorni alla presidenza di turno dell’Unione europea, l’Austria ha già pronto il proprio piano per sigillare i confini dell’Unione e far sì che tutte le richieste di protezione internazionale siano processate al di fuori dei confini. (la Stampa)

Sovranisti uniti nella sorte: un tribunale francese ha disposto il sequestro di due milioni di euro del Rassemblement National di Marine Le Pen, dietro l’accusa di aver usato illecitamente dei finanziamenti europei. Senza questi soldi, ha detto Le Pen, “il partito sarà morto entro la fine di agosto.” (DW)

Italia

Salvini vorrebbe bloccare i porti italiani anche le navi delle missioni militari internazionali, ma la ministra della difesa Trenta gli ha ricordato che non è sua competenza. Il piccolo scontro interno al governo si è verificato dopo lo sbarco a Messina di 106 migranti a bordo di una nave militare irlandese della missione Eunavformed. (la Repubblica)

BLOCCARE:

Oggi intanto il ministro dell’Interno avrà l’occasione di fare la propria piazzata al Quirinale, anche se non è chiaro che cosa voglia dire a Mattarella (a parte che “decidono gli italiani,” okay). (ANSA)

A Forlì nel giro di pochi giorni ci sono stati due casi di immigrati di origine africana feriti a colpi di pistola ad aria compressa. (Next Quotidiano)

Milano

I gestori del Ligera in viale Padova hanno denunciato un tentativo di estorsione. “È da qualche mese che un paio di personaggi arrivano e ci chiedono denaro.” (Corriere Milano)

Cult

L’obiettivo è il governo algoritmico.” Lo dice Martin Chorzempa a proposito della intelligenza artificiale che rende possibile (più o meno) lo stato di sorveglianza cinese, in una lunga inchiesta di Paul Mozur. (the New York Times)

foto Gilles Sabrie via New York Times

Il mini-sottomarino di Elon Musk da impiegare nelle operazioni di soccorso in Thailandia è pronto davvero. (Inverse)

Da Magneto a Gandalf: sulla soglia degli 80 anni, Ian McKellen riflette sulla propria vita e sulla propria carriera da attore in un nuovo documentario. (Ars Technica)

Nel futuro su internet potrebbero esserci soltanto bot e nessun essere umano. (Singularity Hub)

Ambiente

Le cooperative energetiche europee hanno buone ragioni per festeggiare la nuova direttiva UE sulle energie rinnovabili. (Energy Transition)

Idea: Una rete di alveari dislocata in punti strategici di Roma per monitorare la qualità dell’aria nella capitale. (ANSA)

La campagna di monitoraggio di Cittadini per l’Aria sul biossido di azoto aveva rivelato il pericolo allarmante cui si trova esposta la capitale, e ci sono buone ragioni per credere che anche il particolato risulti oltre la soglia di legge. (the Submarine, archivio)

L’Italia non è al passo con i tagli alle emissioni climalteranti e anche i cittadini devono fare la loro parte: più condivisione dell’automobile privata, più riqualificazioni energetica dei condomìni e meno sprechi. (la Stampa)

Un nuovo studio ha rivelato che la maggior parte della plastica che finisce negli oceani arriva da 10 corsi d’acqua, la maggior parte dei quali è in Asia. (Lifegate)

Oltre alla struttura di missione Italiasicura è stata smantellata anche Scuolesicure, il progetto mirato alla messa in sicurezza delle scuole dal rischio idrogeologico. È una pessima idea. (Avvenire)

Shell ha chiesto al Regno Unito di sbrigarsi a fissare la data per lo stop alle vendite di automobili a diesel e benzina al 2040. Il colosso petrolifero ha bisogno di sapere al più presto quali obiettivi dovrà rispettare nel lungo periodo in modo da distribuire in modo efficiente i propri investimenti. (Business Insider)

Sei cose terribili che potrebbe fare Andrew Wheeler come nuovo capo dell’EPA. (Inside Climate News)

Okay, chi è che ha ricominciato a utilizzare questo gas dannoso per l’ozono? Probabilmente la Cina. (BBC News)

* * *

Gif di Panic! At The Disco

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via