Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Per riuscire a catalizzare su di sé l’intera attenzione mediatica e politica, il ministro dell’Interno Salvini è costretto a spingere sempre più in là l’asticella del razzismo: stavolta l’ha fatto annunciando un “censimento” dei rom e aggiungendo che “quelli italiani purtroppo ce li dobbiamo tenere.” Poi ha cercato di correggere il tiro giocando con il dizionario dei sinonimi e dei contrari: non sarà un censimento ma solo una “ricognizione,” non una schedatura ma “un’anagrafe.” (la Repubblica)

Di Maio ha apprezzato la smentita del collega, ribadendo che una cosa del genere — un censimento su base etnica — è incostituzionale. (il Fatto Quotidiano)

“Ieri i rifugiati, oggi i rom, domani le pistole per tutti,” ha scritto su Twitter Paolo Gentiloni, nel tentativo forse di esagerare, senza accorgersi che è esattamente il programma della Lega, anche un po’ moderato. (HuffPost)

“In Italia 80 anni fa cominciammo così.” È impossibile non vedere i parallelismi con le persecuzioni fasciste, da cui Salvini chiaramente trae diretta ispirazione. Su Tg La7 Mentana ha mandato in onda un esempio di schedatura di “appartenenza alla razza ebraica” del 1939. (Corriere della Sera, video)

Anche il premier Conte avrebbe reagito con malumore alle dichiarazioni di Salvini, mentre si fa largo il sospetto di una strategia di quest’ultimo per destabilizzare il governo. (la Stampa)

Si potrebbero liquidare affermazioni del genere come sparate fatte solo per solleticare gli odi più profondi del proprio elettorato e monopolizzare i titoli dei giornali del giorno dopo, ma il problema è che si accompagnano a una crescita preoccupante del razzismo in tutta Italia: il nuovo dossier dell’associazione Lunaria documenta 169 casi di violenza razzista solo nei primi tre mesi del 2018. (Lunaria)

Il razzismo contro i rom è un problema sociale che l’Italia non ha mai affrontato faccia a faccia, lasciando che ribollisse, cavalcata prima da CasaPound e ora dalla Lega nera di Salvini. Nel 2014 Diritti Globali intervistava Dijana Pavlovic e Paolo Cagna Ninchi che prescienti commentavano: “l’egoismo leghista coglie un’evoluzione culturale di una società malata.” (Diritti Globali, da Rapporto sui Diritti Globali 2014)

Che contro i rom si fosse vicini al punto del non ritorno si era già osservato lo scorso anno dalle reazioni dell’opinione pubblica alla morte di tre sorelle rom — due bambine — nel rogo del loro camper. (Globalist, 12 maggio 2017)

La popolazione rom dovrebbe essere coperta dagli strumenti vincolanti che garantiscono protezione dei diritti alle minoranze a livello europeo. È difficile guardare all’Unione Europea con speranza su questo fronte, ma una regolamentazione comunitaria a riguardo c’è, seppur tremebonda, e l’Italia è tenuta a rispettarla: si tratta di diritti umani, un concetto chiaramente alieno al governo di Movimento 5 Stelle e Lega. (Centro per i diritti umani “Antonio Papisca” dell’Università degli Studi di Padova)

* * *

Hello, World! è anche una newsletter: se ti piace il nostro lavoro, abbonati subito, costa come tre caffè al mese ma permette a the Submarine di sopravvivere.

* * *

Mondo

Come sempre quando messo all’angolo, Trump ha deciso che è assolutamente a favore delle politiche di chiusura dei confini. “Potrebbero essere assassini e ladri o qualsiasi altra cosa. Vogliamo una nazione sicura, e per averla si inizia dai confini, è così e basta.” Trump insiste che i responsabili delle separazioni tra figli e genitori sono i democratici, che starebbero facendo ostruzionismo. Ma in questo momento i repubblicani hanno la maggioranza in entrambe le Camere, e anche alla Corte suprema. (the New York Times)

Il presidente poi ha ovviamente provato a spostare il discorso, di nuovo, come fa sempre, annunciando la formazione di una “Space Force,” per proteggere gli Stati Uniti dallo Spazio. (the Verge)

Ginger Thompson di ProPublica ha ottenuto una registrazione dei bambini che piangono e gemono dopo essere stati separati dalle proprie famiglie. Nella registrazione si sente distintamente la voce di un agente del Border Patrol — l’agenzia federale che respinge i migranti — scherzare “Beh, abbiamo proprio un’orchestra qui. Manca solo un direttore.” (ProPublica, la registrazione è sconsigliata a un pubblico sensibile)

La Cina ha espanso e aggiornato tecnologicamente il proprio arsenale nucleare, portandolo a un totale di 280 testate. È una notizia terribile, ma è importante notare, per prospettiva, che gli Stati Uniti ne hanno 6450. (South China Morning Post)

Un traghetto è affondato nel lago Toba nella Sumatra Settentrionale, Indonesia. Degli ottanta passeggeri sono state salvate finora soltanto 18 persone. (Reuters)

Il nuovo governo spagnolo vuole spostare i resti del dittatore Franco dal mausoleo dove si trovano attualmente, per trasformarlo in un vero “luogo di riconciliazione” e non di “apologia della dittatura.” (the Guardian)

Una soluzione pratica per ridurre le denunce di abusi di violenza da parte dell’esercito israeliano, sempre confermate da testimonianze video? Smettere di girare video delle operazioni militari ovviamente. È quello che propone un ddl proposto dal governo Netanyahu. (Al Jazeera, video)

Internet

Un giudice californiano ha dato il via libera alla causa del neonazista Jared Taylor contro Twitter, che ha messo al bando il suo profilo. Troll su internet negli Stati Uniti stanno festeggiando senza sosta. (the Verge)

Una funzionalità dei prodotti Google Home e Chromecast avrebbe permesso a chiunque di identificare la posizione precisa della residenza di uno specifico utente. Quando segnalato come bug da Craig Young, il ricercatore che ha scoperto la falla, Google ha risposto che si tratta del “comportamento previsto” dei prodotti. Ora che la notizia è sui giornali, Google promette che un aggiornamento, in arrivo a luglio, correggerà il bug. (Krebs on Security)

La demo di Young:

Italia

Com’è andato l’incontro fra Conte e Merkel? Sulla gestione delle migrazioni i due leader avrebbero raggiunto un’intesa: più stretta collaborazione tra Italia e Germania, “superare” Dublino, “potenziare” Frontex. (Sky Tg 24)

Nel braccio di ferro con il proprio ministro dell’Interno Seehofer Angela Merkel è riuscita almeno a guadagnare tempo, per la precisione 14 giorni: non molto per raggiungere un nuovo accordo europeo sulla gestione delle politiche d’asilo. (DW)

Milano

Fabrizio Butà, il 47enne calabrese che ha assassinato il senegalese Assane Diallo sabato scorso a Corsico, ha detto di averlo fatto perché l’uomo “infastidiva” lui e la sua compagna con continue richieste di soldi. I giornali tengono a precisare l’assenza di “qualsiasi forma di razzismo,” ma Butà sarà processato per omicidio volontario aggravato da “futili motivi.” (la Repubblica Milano / la Stampa)

Questioni di genere

Raramente le donne nei film vengono rappresentate nell’atto normalissimo di mangiare. Fortunatamente Ocean’s 8 — la versione di Ocean’s 11 con protagonisti femminili — fa eccezione. (Eater)

Cult

Dopo il proprio incontro con Donald Trump, Kim Kardashian sta valutando la possibilità di lanciarsi in politica. (Vulture)

Qualcuno ha sparato per strada al rapper statunitense Jahseh Onfroy, in arte XXXTentacion, uccidendolo. Il rapper aveva solo 20 anni, e doveva affrontare una serie di accuse per violenza domestica. (BBC News)

È stata presentata ieri a Londra la nuova installazione di Christo, The London Mastaba: è formata da più di 7500 barili galleggianti impilati su una piattaforma galleggiante sul Serpentine Lake di Hyde Park, e sarà visibile fino al 23 settembre. (il Post)

Giocando sull’incapacità degli occidentali di distinguere tra volti orientali, la squadra di calcio della Corea del Sud ha giocato le partite amichevoli mescolando le magliette dei giocatori, per confondere gli avversari. (Quartz)

Animali

È morto a 62 anni Puan, l’orangotango più vecchio del mondo, ospite dello zoo di Perth dal 1968. Lascia 11 figli e un totale di 54 discendenti sparsi in tutto il mondo. (BBC News)

Musica

Everything is Love di Beyoncé e Jay Z è uscito finalmente anche sui servizi di streaming veri. (the Verge)

Fondo del barile

Ora il figlio di Gianni Morandi è davvero un rapper e questo è il suo esordio. (via Noisey)

Oh no, adesso anche la gendarmeria vaticana è dotata di taser. (ANSA)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —