Come combattere il sessismo quotidiano dell’editoria

Benvenut* a Chiamando Eva, una conversazione quindicinale su donne, femminismo e la vita.

Per la tredicesima puntata di Chiamando Eva abbiamo fatto una chiacchierata con due italiane che si sono fatte strada nel mondo dell’editoria, su quanto il genere influisca (o non influisca) nei mestieri della cultura, sulle minigonne di finta pelle e sulle nuove autrici di narrativa e fumetto.

Alessandra Sternfeld è la fondatrice, direttrice, capo supremo dell’agenzia letteraria Am-Book, nata nel 2014 con sede a Brooklyn. Am-Book si occupa principalmente di graphic novel e fumetti: vendita e negoziazione dei diritti all’estero, merchandise e adattamento televisivo. Molti dei suoi autori hanno scritto libri che sono stati Best Seller del New York Times, e recentemente due dei libri venduti da Alessandra hanno ricevuto nomination agli Eisner, gli Oscar del mondo dei fumetti.

Carlotta Colarieti lavora come scout letteraria per il mondo dell’editoria italiana ed è junior editor di Effe – periodico di Altre Narratività, un’antologia semestrale di racconti e illustrazioni a cura di Flanerì e 42 Linee. “Effe” è una delle poche riviste letterarie italiane, con uno stile che può ricordare il Paris Review o McSweeney’s, e si concentra sulla pubblicazione di racconti di autori esordienti.

Shownotes

AM-BOOK la trovate anche su Facebook e Instagram

EFFE la trovate anche Facebook e Tumblr

My New York Diary di Julie Doucet

Virus Tropical di Power Paola (Paola Gaviria)

Someone please have sex on me di Gina Wynbrandt

Il frutto della conoscenza di Liv Strömquist

Brave con la lingua. Come il linguaggio determina la vita delle donne

* * *

Ai microfoni Bianca Giacobone (New York) e Francesca Motta (Milano).
Prodotto da Francesca Motta e Bianca Giacobone
Supporto tecnico a cura di Marco Ferrè

Segui Chiamando Eva su Facebook

* * *

Ascolta le puntate direttamente su Apple Podcasts o su smartphone Android con l’applicazione di Spreaker.

— FIN —