Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet.
Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Dopo le lunghe pressioni diplomatiche, il Senegal ha annunciato che le proprie truppe stanno entrando in Gambia per costringere Yahya Jammeh, che ha perso le elezioni, ad abbandonare la presidenza del paese. (the Washington Post)

Il nuovo presidente, Adama Barrow, ha giurato già ieri… in Senegal. (BBC News)

Lo scontro potrebbe durare molto poco: Jammeh potrebbe provare a schierare l’esercito, ma dichiarazioni anonime ad AFP dicono che l’esercito non sarebbe disposto a seguirlo: il capo dell’esercito sarebbe in questo momento in Senegal, dopo aver partecipato ai festeggiamenti per l’elezione di Barrow. (AFP / Yahoo News)

Ma sono già decine di migliaia gli sfollati verso il Senegal, per la maggior parte donne e bambini: l’allarme di Save the Children. (Melting Pot Europa)

Mondo

Turchia. Grossi passi verso l’approvazione del pacchetto riforme per il presidenzialismo fortemente voluto da Erdogan: non per niente, gli permetterebbe di governare praticamente incontrastato fino al 2029. (Reuters)

El Chapo, il signore della droga messicano, è stato estradato negli Stati Uniti. Nel 2015 Guzmán era riuscito a scappare dalla prigione messicana dove era imprigionato senza nessuna difficoltà. (the New York Times)

Un grafico interattivo mostra il potenziale di crescita di quasi tutti gli stati del mondo in termini di progresso scientifico e garanzia dei diritti umani. (Quartz Creative)

La Cina ha diffuso i dati del Pil relativi al 2016 — ma sono veri? Sono truccati? E come si fa a capirlo? (BBC)

Ieri sera è stato trasmesso il terzo dibattito televisivo per le primarie del centrosinistra in Francia. Le pagelle di Libération. (Sta andando tutto male) (Libération)

L’intelligence statunitense sarebbe in possesso di intercettazioni russe che potrebbero incriminare Trump, il suo ex presidente di campagna Manafort e altri ufficiali dell’amministrazione. (the New York Times)

Oggi è il grande giorno dell’inaugurazione: si sono già verificati i primi scontri tra dimostranti e supporter del neo-presidente. (the Washington Post)

Italia

È successo ai dipendenti di Maire-Tecnimont, L’Orèal, Ibm e altri, trasferiti da Torino a Milano, diventati pendolari “dell’alta velocità,” perché non c’è nessuna alternativa per viaggiare quotidianamente tra le due città. Il costo dell’abbonamento: 400 euro mensili, contro stipendi spesso di non più di 1500 euro. (la Repubblica)

Continuano le ricerche dei 25 dispersi all’hotel Rigopiano, sommerso da una slavina due giorni fa. (la Stampa)

Milano

Molestare dei cadaveri esposti in una mostra potrebbe non essere senza conseguenze giudiziarie. (MilanoToday)

Ambiente

Quando parlate di cambiamento climatico, la conoscenza generica non basta: bisogna citare fonti, numeri e grafici, soprattutto se state discutendo con degli scettici. Quanto ne sapete? Mettetevi alla prova con il Climate Quiz del Guardian!

Il 2014 è stato l’anno più caldo di sempre. (La Repubblica)
Il 2015 è stato l’anno più caldo di sempre. (Corriere della Sera)
Il 2016 è stato l’anno più caldo di sempre. (La Stampa)

Tutto ciò non è per niente normale.

Queste fotografie dell’Artico bellissime e mozzafiato ci ricordano quanto sia disastroso lo scioglimento dei ghiacci. (the Guardian)

Non che l’Antartide se la passi meglio. (BBC)

Cult

È morto Miguel Ferrer, protagonista di NCIS: Los Angeles e comprimario di Crossing Jordan. (Deadline)

Il film dei Power Rangers continua a essere una cosa che succederà. Eh.

Il comitato Unicode sta prendendo in considerazione come aggiungere emoji con i capelli rossi. (The Verge)

Netflix ha annunciato una nuova serie di documentari su lavoro e processo creativo di otto grandi designer. In onda su Netflix dal 10 febbraio.

Animali

 

Seguendo i passi di Obama, abbiamo il primo animale chiamato in onore di Donald Trump. È una falena dalla faccia cattivissima, col ciuffo giallastro. (Reuters)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. Grazie!

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via