fbpx
 

Il disgelo tra Biden e Xi al G20

https://i0.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2022/11/President_Biden_met_with_President_Xi_Jinping_of_the_PRC_at_the_margins_of_the_2020_G-20_Bali_Summit.jpg?fit=1125%2C750&ssl=1

Per gli Stati Uniti è un cambio di passo politico notevole: in questi due anni Biden non aveva fatto molto per allentare le tensioni con Pechino ereditate da Trump

Joe Biden e Xi Jinping si sono incontrati per la prima volta di persona da quando Biden è presidente, ai margini del G20 a Bali, che si apre ufficialmente oggi. Durante l’incontro i due leader hanno discusso di Taiwan, di collaborazione e competizione tra Cina e Stati Uniti, e di diritti umani. Al termine dell’incontro gli uffici di entrambi i governi hanno confermato lo spirito di cooperazione. Per gli Stati Uniti si tratta di un drastico cambio di passo: Joe Biden ha ereditato la Casa bianca in un momento di gelo tra i due paesi, e in questi due anni non ha fatto molto per allentare le tensioni. Ieri, parlando con la stampa, Biden ha dichiarato: “Non dico che siamo al kumbaya, ma non credo ci sia bisogno di preoccuparsi di una nuova Guerra fredda.” Xi ha detto che la collaborazione “farà bene a entrambi i paesi e a tutto il mondo.”

Tra i punti di accordo tra le due potenze, citato esplicitamente nel comunicato della Casa bianca, è che “una guerra nucleare non dovrebbe essere mai combattuta e non può essere vinta.” Entrambi i leader “hanno sottolineato la loro contrarietà all’uso e alla minaccia dell’uso di armi nucleari in Ucraina.” Il presidente indonesiano Joko Widodo spera che il summit porti a sviluppi concreti sul conflitto ucraino, e per mesi ha cercato — senza riuscirci — di orchestrare un incontro tra Vladimir Putin e i leader occidentali a Bali. Nel proprio discorso d’apertura Widodo si è concentrato sulla necessità da parte degli stati di essere “responsabili” — “Essere responsabili qui significa anche che dobbiamo mettere fine alla guerra […] Non dovremmo dividere il mondo in parti. Non dobbiamo lasciar cadere il mondo in un’altra Guerra fredda.”

Al posto di Vladimir Putin parteciperà al G20 il ministro degli Esteri Sergej Lavrov. Al suo arrivo ci sono stati momenti di confusione: secondo Associated Press Lavrov avrebbe avuto bisogno di andare immediatamente all’ospedale per un problema al cuore non appena arrivato. Il governatore di Bali I Wayan Koster ha confermato a Reuters che il ministro ha fatto una breve visita in un ospedale per “un controllo” ma che è risultato in buona salute. La portavoce del ministero, Marija Zacharova, prima ha smentito la notizia e poi ha pubblicato un video in cui il ministro chiede ai giornalisti occidentali di “essere più onesti,” e di “scrivere più spesso la verità.”

Per l’apertura del G20 c’è stato anche un discorso in videoconferenza del presidente ucraino Zelenskyj in videoconferenza, ripetendo le condizioni per la pace secondo l’Ucraina e confermando la volontà di ristabilire l’integrità territoriale del paese e di voler formare un tribunale che persegua i crimini di guerra compiuti dall’esercito russo.


In copertina: foto di dominio pubblico, Ufficio del presidente degli Stati Uniti

Sostieni the Submarine: abbonati per ricevere la nostra newsletter quotidiana. La prima settimana è gratis. 

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link
Powered by Social Snap