fbpx
 

La pace secondo Mario Draghi

https://i1.wp.com/thesubmarine.it/wp-content/uploads/2022/05/trappist-155-wide.png?fit=1200%2C630&ssl=1

in copertina, foto CC-BY-NC-SA 3.0 IT presidenza del Consiglio dei ministri

La Russia ha respinto il piano di pace di Di Maio e Draghi, ma qualcuno ci ha creduto? Mentre il governo parla di pace e condizionatori, l’Italia ha quadruplicato le proprie importazioni di petrolio russo

Il “Piano italiano per la pace” offerto a Russia e Ucraina è stato malamente snobbato dal vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Medvedev, secondo cui “sembra preparato da politologi locali che hanno letto molti giornali di provincia.” Il portavoce del Cremlino Peskov ha poi stemperato, dicendo che il piano non è stato ancora esaminato. La proposta, in quattro punti, è stata definita da Di Maio come un lavoro “ancora embrionale.” Anticipato da Repubblica la settimana scorsa, il piano ha avuto una gestazione tortuosa e non molto chiara, estranea ai canali diplomatici tradizionali

Nel mondo reale, però, la situazione è molto più complessa. Ad esempio, l’Italia questo mese ha importato 450 mila barili di greggio dalla Russia — ben quattro volte più che a febbraio. Questo aumento è dovuto alla necessità di mantenere in funzione la raffineria Lukoil di Priolo, in provincia di Siracusa, di proprietà dell’omonima azienda russa e che — come conseguenza indiretta delle sanzioni — utilizza ora unicamente petrolio russo per le proprie attività. E la raffineria è troppo grande per essere chiusa — lavora il 13% del petrolio greggio che arriva in Italia e dà lavoro a circa mille dipendenti più indotto. L’aumento delle importazioni dalla Russia, però, stride con la politica del governo, che a parole parla di ridurre la propria dipendenza energetica dalla Russia — la quale finanzia il proprio apparato militare soprattutto con le esportazioni di petrolio.

Sostieni l’informazione indipendente di the Submarine: abbonati a Hello, World! La prima settimana è gratis

Con Stefano Colombo e Alessandro Massone
Editing di Federico Cuscunà

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017).
DIRETTORE RESPONSABILE: ALESSANDRO BRAGA
© Undermedia S.r.l.s. 2021. Tutti i testi e le immagini presenti su questo sito web, dove non diversamente indicato, sono coperti da copyright, e ne è vietata la riproduzione anche parziale senza esplicita autorizzazione.

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Copy link
Powered by Social Snap