La richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki è stata respinta

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2020/02/EQXaybGUYAAZHES-1280x960.jpg

in copertina, foto dalle proteste a Bologna, via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

* * *

Dal 29 febbraio Hello, World! sarà disponibile solo per gli abbonati alla newsletter. Seguici fino in fondo: clicca qui per abbonarti subito al prezzo di lancio.

* * *

La madre di Giulio Regeni ha attaccato l’opportunismo politico del ministro Di Maio, definendo “vergognoso” il suo atteggiamento di fronte al caso di Patrick Zaki. “Andate a vedere che cosa ha detto Di Maio nel 2016 su Giulio quando era all’opposizione e che cosa dice in questi giorni da ministro su Zaki.” Secondo il padre del ricercatore ucciso quattro anni fa, la politica italiana ha rinunciato a cercare la verità: “Manca il passo decisivo, il mettere davanti al governo egiziano una posizione ferma, il nostro governo è un po’ ballerino su da che parte stare.” (Sky TG 24)

L’Egitto sa che può farsi tranquillamente beffa delle timide pressioni della comunità internazionale. Così, il presidente della Camera dei rappresentanti del Cairo Ali Abdel-Al ha attaccato il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, definendo “inaccettabili” le sue parole su Zaki. “L’Egitto ha già respinto più volte in maniera categorica le accuse di organizzazioni maligne che sono motivate da posizioni politiche e hanno l’interesse di fornire un’immagine distorta del paese.” (Agenzia Nova)

Per oggi è attesa la prima udienza che dovrà decidere sulla scarcerazione del 27enne. Nella speranza che l’esito sia positivo, la manifestazione prevista oggi pomeriggio a Milano è stata sospesa. (Facebook)

Dopo il suo trasferimento dalla stazione di polizia di Mansoura a quella di Talkha, la famiglia ha potuto vederlo per un solo minuto. Se dovesse essere rigettato il ricorso di oggi, ci sarà una nuova udienza il 22 febbraio, in cui i giudici dovranno decidere se prolungare la custodia cautelare di 15 giorni. (Fanpage)

Aggiornamento, 12:25: “Sono uno studente. Studio a Bologna, in Italia, per il mio master. Voglio solo tornare a studiare.” La richiesta di scarcerazione di Patrick Zaki è stata respinta. Il ricercatore resterà in arresto almeno fino alla prossima udienza, fissata per il 22 febbraio, quando i giudici decideranno se prolungare la sua “custodia cautelare.”  Francesca Caferri sta seguendo gli sviluppi per Repubblica. La sospensione del presidio a Milano in viale Sondrio è stata revocata. Ci vediamo alle 18.

Il governo italiano, sulla vicenda, ha scelto di tenere il profilo più basso possibile: se andate sul profilo Facebook del ministro Di Maio, l’ultimo post su Patrick Zaki risale al 12 febbraio, e riguarda due interviste rilasciate al Corriere e a Repubblica, in cui sostanzialmente si mettono le ragioni della realpolitik davanti a quelle del rispetto dei diritti umani. Secondo il ministro, in sintesi, “con l’Egitto dobbiamo parlare,” e l’ambasciata italiana al Cairo non avrebbe contattato la famiglia di Zaki perché — nonostante studiasse a Bologna — “il ragazzo è egiziano.” (Corriere della Sera / la Repubblica dietro paywall)

Intanto, è già stato rimosso il murale che rappresentava Giulio Regeni e Patrick Zaki sul muro di cinta di Villa Ada, a Roma, a pochi passi dall’ambasciata egiziana. Non sembra che l’iniziativa sia stata presa dal Comune, perché sul muro sono rimaste altre scritte. (Roma Fanpage)

Mondo

Nel corso della giornata di ieri sono stati confermati 2641 nuovi casi di Covid-19. 139 persone sono morte a causa della malattia, e sono state dimesse perché guarite 1375 persone. La Cina ha aperto nove rifugi medici d’emergenza dove trattare i pazienti che hanno sintomi solo modesti. Il dispiego di forze ha superato quello che era stato necessario in seguito al terremoto di Wenchuan nel 2008. Nel frattempo, è stato confermato il primo caso in Egitto. (South China Morning Post)

Il gruppo di prevenzione per la diffusione del virus di Pechino ha indicato che tutte le persone che sono rientrate in città dal 14 febbraio devono rispettare due settimane di quarantena auto–imposta, per ridurre il rischio di trasmissione di Covid-19. Anche a Honghu, una città–contea nella provincia dello Hubei, è stata posta sotto controllo “da zona di guerra,” con controlli di tutte le persone che entrano nelle strutture abitative o nei singoli villaggi. Finora la quarantena a Wuhan e nella provincia dello Hubei si è rivelata una misura efficace nell’impedire ulteriore diffusione del virus. (the Straits Times)

Ci sono almeno 21 persone morte, o disperse, dopo un attacco a Ogossagou, un villaggio nel Mali centrale. Fonti governative locali raccontano dell’assalto di un gruppo di uomini armati, che hanno bruciato case, rubato bestiame, e “sparato a qualsiasi cosa che si muoveva.” Ogossagou era stato già colpito da un episodio di grave violenza lo scorso marzo, quando furono uccisi più di 150 civili, nella strage con più vittime degli ultimi anni nel paese. (Al Jazeera)

Un altro aereo militare del governo siriano è stato abbattuto mentre volava sopra il governatorato di Idlib. Si tratta del secondo incidente di questo tipo — a inizio settimana era stato colpito un elicottero delle forze di Assad. In entrambi i casi nessuna forza si è identificata come responsabile dell’attacco, ma secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani si tratterebbe di un’operazione turca. (Al–Araby Al–Jadeed)

Il ministro degli Esteri iraniano Javad Zarif ha dichiarato che il paese sarebbe disposto a tornare a rispettare i termini dell’accordo nucleare del 2015 se Germania, Francia, Regno Unito, Cina e Russia fossero pronti a reistituire i benefit economici previsti dall’accordo. L’annuncio di Zarif è arrivato durante il suo intervento alla Conferenza di Monaco sulla sicurezza. Finora l’Iran aveva risposto alle aggressioni statunitensi allargando i propri target nucleari. (DW)

Caitlin Dickerson e Zolan Kanno-Youngs rivelano sul New York Times che il Border Patrol, la forza di polizia addetta al contrasto dell’immigrazione, invierà squadre “tattiche,” paragonabili agli SWAT e dotati di armi da esercito, in nove città “santuario,” le cui autorità locali hanno rifiutato di cooperare con il governo federale nel consegnare le persone minacciate di deportazione. I militari collaboreranno con l’ICE, l’altro braccio armato delle operazioni razziste della Casa bianca, per dare la caccia alle persone. (the New York Times)

Da prima dell’inizio della propria presidenza Trump ha aiutato a costruire la narrazione che qualsiasi suo fallimento, qualsiasi indagine contro di lui, fosse parte di un complotto del “deep state,” una cabala radicata nelle istituzioni statunitensi che voleva fermarlo. Ieri, però, il dipartimento di giustizia ha archiviato le indagini nei confronti dell’ex vicedirettore dell’FBI Andrew McCabe — uno dei personaggi principali della teoria del complotto. Trump e i suoi sostenitori dovranno fare i salti mortali per giustificare l’evento. (CNN)

Dopo le dimissioni di Kramp-Karrenbauer da leader della CDU, il partito è nel caos completo: i tre candidati più papabili sono per ora completamente fermi, in attesa di osservare come si consumerà la crisi — con il rischio che si possa estendere anche per mesi. Ma il ruolo della CDU è a dir poco centrale nella politica tedesca, e un vuoto di potere prolungato potrebbe tradursi in un indebolimento della Germania a livello europeo. (the Guardian)

Benjamin Griveaux, il candidato di Macron per la città di Parigi, si è ritirato dalle elezioni dopo che il sito di un artista russo (…) ha pubblicato estratti da sex tape e messaggi coloriti del candidato. Griveaux ha annunciato che si ritirava per proteggere la propria famiglia, ma ha ricevuto attestati di supporto da tutta la politica parigina e francese. (France 24)

Cédric Villani, matematico e politico di En Marche! che si era candidato con una lista civica alle amministrative di Parigi, ha commentato l’attacco al suo rivale dicendo che si tratta di “una minaccia grave alla nostra democrazia” (Twitter)

Italia

L’opposizione nel consiglio comunale di Macomer, in Sardegna, ha attaccato la sindaca facente funzioni Rosanna Ledda dopo le voci di episodi di violenza e aggressioni all’interno del Cpr aperto in città da tre settimane. La prefettura di Nuoro, da cui dipende il centro di detenzione, non nega né conferma, ma secondo Arturo Uleri, un consigliere dimessosi a gennaio perché contrario all’apertura del Cpr, “è lei che deve informarsi dalla Prefettura e dire con chiarezza e trasparenza cosa sta succedendo.” (ANSA / La Nuova Sardegna)

Due giorni fa, Ledda ha criticato duramente le notizie che “hanno solo l’obiettivo di spargere contaminazioni negative e mettere in cattiva luce la nostra comunità,” ribadendo che il Cpr è stato “un’opportunità irrinunciabile” anche per quanto riguarda la ricaduta economica. (Cronache Nuoresi)

Renzi è tornato ad attaccare il governo sulla prescrizione con un post su Facebook che promette sarà l’ultimo sull’argomento, e speriamo che sia vero. Secondo il leader di Italia Viva, “Questa per noi è una battaglia culturale. Non molleremo di un solo centimetro,” e “se il Premier vuole cacciarci, faccia pure: è un suo diritto!” (Facebook)

Ma il piano di Conte sarebbe un altro: sfilare almeno 6 senatori a Italia Viva, in modo da garantirsi una maggioranza al Senato anche senza il partito di Renzi. (la Repubblica, dietro paywall)

Tramontata la possibilità di un intervento di salvataggio di Ryanair — smentito categoricamente due giorni fa — i 1450 dipendenti di Air Italy rischiano il licenziamento collettivo. Le lettere dovrebbero partire nei prossimi giorni, ma i liquidatori hanno detto che intendono adottare “misure di sostegno al reddito per i lavoratori.” Come? Forse con un intervento della Regione Sardegna, incluso un possibile ingresso negli assetti societari della compagnia. (AGI / il Fatto Quotidiano)

A Malpensa e Olbia molti dipendenti della compagnia hanno protestato davanti ai check in di Air Italy e Qatar Airways, che detiene circa la metà del capitale dell’ex Meridiana. (Varese News)

Milano

Il Comune sta pensando di istituire sette domeniche senza auto, in corrispondenza delle varie maratone che si tengono in città e in occasione dell’arrivo del Giro d’Italia. L’idea è di un consigliere comunale del Pd, ma per il momento è solo una proposta. (Corriere della Sera Milano)

Cult

I robot sessuali sono una minaccia “psicologica e morale” per la società e gli individui? È la preoccupazione di alcuni ricercatori statunitensi, che hanno affrontato l’argomento al meeting annuale dell’American Association for the Advancement of Science. (BBC News)

Ieri abbiamo linkato al primo screen test di Robert Pattinson in costume da Batman. In occasione dell’ennesima trasposizione cinematografica del supereroe, però, non ci si può far mancare una retrospettiva. La maschera di Batman, tradizionalmente, copre quasi l’intero volto dell’attore lasciando recitare solo fessure per gli occhi, e la bocca, scoperta. Per cui sì, insomma, questa è una classifica delle migliori labbra dei Batman cinematografici. (io9)

Se non l’avete ancora visto, qui c’è il primo teaser trailer di Stranger Things 4,dalla Russia con amore.” (Instagram)

Gif di Netflix

Giornalismi

L’Agcom ha multato la Rai per 1,5 milioni di euro, per aver violato i principi di indipendenza, imparzialità e pluralismo. La decisione riguarda anche il mancato rispetto dei principi di “non discriminazione e trasparenza” in relazione al prezzo degli spazi pubblicitari. L’emittente pubblica si è detta “stupita.” (Adnkronos)

Ma in che modo sarebbero avvenute queste violazioni? Il Corriere della Sera cita il caso del servizio del Tg2 in cui si parlava del “fallimento” del modello svedese di integrazione sociale, una battuta di Tiberio Timperi ritenuta offensiva nei confronti dei calabresi (sic), ma anche una puntata de L’Approdo di Gad Lerner, dedicata alla Lega ma “senza contraddittorio.” (Corriere della Sera)

* * *

Gif di Stabilo

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Questo articolo è stato aggiornato alle 12:25 del 15 febbraio.

Related

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017)

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via