Non ci stiamo preoccupando abbastanza di Giorgia Meloni

La popolarità di Giorgia Meloni e del suo partito post-fascista sono in crescita costante: eppure nessuno sembra essere davvero preoccupato. Altre cose gravi ignorate: secondo EUROSTAT i salari italiani sono in stagnazione drammatica, e i lavoratori italiani sono tra i più a rischio povertà dell'UE.

in copertina, elaborazione da foto via Facebook

La popolarità di Giorgia Meloni e del suo partito post-fascista sono in crescita costante: eppure nessuno sembra essere davvero preoccupato. Altre cose gravi ignorate: secondo EUROSTAT i salari italiani sono in stagnazione drammatica, e i lavoratori italiani sono tra i più a rischio povertà dell’UE.

Bentornat* a TRAPPIST, il podcast a rischio di povertà.

Giorgia Meloni non è solo un meme: è anche capa di FdI, un partito con una storia di diretta continuità con il fascismo, e in fase di forte ascesa negli ultimi sondaggi e nelle ultime prove elettorali, come quella emiliana. Cerchiamo di capire meglio perché non bisogna ridere, ma preoccuparsi dell’avanzata di Meloni, che nei giorni scorsi è andata a Washington al grande evento del National Prayer Breakfast.

I problemi del nostro paese ovviamente non si limitano ai rigurgiti fascisti: secondo un rapporto Eurostat, i lavoratori italiani sono tra i più a rischio di povertà dell’intera UE, e tra i più colpiti da precariato, part-time involontario e stagnazione dei salari.

Show notes

In questa puntata sono con voi: Stefano Colombo @stefthesub e Sebastian Bendinelli @sebendinelli
Per non perderti nemmeno un episodio di TRAPPIST, abbonati su Spotify e Apple Podcasts.

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017)

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via