fbpx
 

Gli Stati Uniti iniziano a riconoscere che il terrorismo antisemita è una cosa seria

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/12/EM_N9nxXUAU6HLf-1280x835.jpg

in copertina, centinaia di persone si sono riunite sotto la pioggia per celebrare insieme l’ultima notte di Hanukkah e ricordare le vittime della violenza antisemita a New York, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Vi siete già iscritti al nostro canale Telegram? E alla nostra nuova newsletter settimanale gratuita?

Il governatore di New York Cuomo ha definito l’aggressione alla festa per l’Hanukkah dell’altroieri, nella casa di un rabbino chassidico, come un episodio di “terrorismo interno.” Nelle ultime settimane a New York ci sono stati 13 attacchi antisemiti. Cuomo ha promesso che un numero maggiore di poliziotti sarebbe stato assegnato ai quartieri che ospitano comunità ebraiche. Ma secondo il repubblicano della Louisiana John Kennedy la polizia non è la soluzione contro l’antisemitismo perché (reggetevi forte) “la libertà ha il suo prezzo.” (Bloomberg)

Dei cinque feriti, uno resta ancora in condizioni critiche. (CNN)

Il movente e la dinamica dell’aggressione non sono ancora chiari. Dopo essere fuggito dalla casa del rabbino, l’aggressore ha cercato di raggiungere di corsa la vicina sinagoga, ma non è riuscito a entrare perché era stata barricata dall’interno. L’uomo è stato arrestato e dovrà affrontare cinque accuse di tentato omicidio, di cui si è dichiarato innocente. (NBC News)

Trump ha commentato l’accoltellamento su Twitter, dicendo che gli Stati Uniti devono “combattere, confrontare e distruggere la piaga dell’antisemitismo.”

(Trump fa regolarmente uso di retorica antisemita per attaccare i fondamenti dell’accusa di impeachment — e non si tratta di un fronte isolato, dalla diffusione di teorie del complotto su Soros al definire gruppi neo–nazisti come “persone molto brave,” Trump è irrimediabilmente compromesso su questo fronte.) (the Intercept, 4/10/19 / Twitter / the Atlantic, 15/08/17)

Episodi di estremismo e violenza antisemita sono sempre più frequenti in tutti gli Stati Uniti. Secondo i dati della Anti–Defamation League, nel corso del 2018 sono stati 1879. Nel 2019, finora, 4889. Nel corso di quest’anno, nella sola città di New York, è stato misurato un aumento dei crimini di natura antisemita del 21%. (the Washington Post)

L’ADL offre due strumenti online per visualizzare la crisi: un ticker che raccoglie gli episodi di antisemitismo in ordine cronologico e una mappa che permette di visualizzarne la diffusione. (ADL)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

L’esercito degli Stati Uniti ha condotto degli “attacchi difensivi” (sic) contro diverse basi delle brigate Kata’ib Hezbollah in Iraq e Siria, in risposta all’uccisione dell’appaltatore statunitense, avvenuta due giorni fa in una base militare irachena. Negli attacchi sono stati uccisi, secondo fonti della sicurezza irachena, almeno 25 miliziani, di cui quattro comandanti di Kata’ib Hezbollah. (Al Jazeera)

Altri attacchi aerei sono stati condotti, in collaborazione con il governo somalo, contro basi militari di al-Shabab in Somalia, come risposta all’attentato che ha causato almeno 79 morti due giorni fa a Mogadiscio. Secondo fonti militari statunitensi, negli attacchi sono stati uccisi “4 terroristi.” (the Guardian)

Centinaia di attivisti iracheni hanno bloccato gli accessi al giacimento petrolifero di Nassiriya e disattivato la corrente elettrica nella stazione di controllo, costringendo lo stabilimento alla chiusura per la giornata. Il campo petrolifero produce 82 mila barili di petrolio al giorno, e la sospensione anche di un solo giorno costituisce un danno economico rilevante. (Al–Araby Al–Jadeed)

In un altro passo verso il ripristino della pace nella regione, il governo ucraino e i separatisti pro–russi hanno scambiato un totale di 200 prigionieri. Lo scambio era stato accordato il mese scorso a Parigi, nel primo incontro tra Zelensky e Putin, mediato da Macron e Merkel, e si è tenuto a un checkpoint vicino alla cittadina industriale di Horlivka. Ad attendere i prigionieri c’erano molti loro familiari. (Reuters)

Un uomo ha aperto il fuoco in una chiesa vicino a Fort Worth in Texas, uccidendo una persona e ferendone una seconda, prima che un gruppo di volontari della “security” della chiesa non lo uccidessero, aprendo a loro volta il fuoco. Il movente dell’attacco non è ancora stato confermato, ma secondo il governatore Abbott si tratta di un “cattivo atto di violenza” per cui tutto a posto. Chissà quante armi c’erano in quel momento in quella chiesa in Texas. (NBC News)

Eric Lipton, Maggie Haberman e Mark Mazzetti firmano la ricostruzione più completa finora pubblicata delle vicende che hanno portato al congelamento dei sussidi militari statunitensi per l’Ucraina. Il dietro le quinte descrive come la richiesta di Trump abbia agitato profondamente la Casa bianca e il Pentagono, creando spaccature profonde anche tra i ranghi più alti dell’amministrazione. (the New York Times)

Rebecca Long-Bailey, la segretaria ombra per gli affari economici del Labour, ha effettivamente ufficializzato la propria candidatura alla leadership del partito in un editoriale del Guardian in cui promette di trovare “soluzioni trasformative” al crollo degli standard della qualità della vita e alla crisi climatica — ma parla anche di “patriottismo progressista,” un’espressione che fa venire i brividi per il futuro dei laburisti britannici. (the Guardian)

Francia. Al venticinquesimo giorno di sciopero consecutivo le difficoltà economiche per molti lavoratori iniziano a farsi sentire, e in molti sono tornati a lavorare — ma sindacati e organizzazioni da settimane raccolgono denaro per costituire “fondi di sicurezza” che vadano ai lavoratori che continuano nella mobilitazione. (France 24)

Dobbiamo preoccuparci? Nel corso di una riunione plenaria del comitato centrale del suo partito, Kim Jong-un ha chiesto alle forze armate e diplomatiche nordcoreane di preparare non meglio specificate “misure offensive” per proteggere la sovranità e la sicurezza del paese. L’annuncio arriva a un giorno dalla scadenza imposta a Washington — e già liquidata dalla Casa bianca come “artificiale” — per nuove concessioni nelle trattative, ancora in stallo, sulla denuclearizzazione. È probabile che Kim annunci un nuovo cambio di politica nel corso del tradizionale discorso di fine anno. (the New York Times)

Crisi climatica

La situazione in Australia continua ad essere emergenziale: nelle ultime ore sono stati emessi 16 messaggi di allerta per gli incendi del bush, di cui undici in Victoria. Il Guardian sta seguendo gli sviluppi in diretta. (the Guardian)

Italia

Sono sbarcati ieri mattina a Pozzallo i 32 migranti libici soccorsi dalla nave Alan Kurdi. A parte una donna all’ottavo mese di gravidanza e suo figlio, ricoverati in ospedale, gli altri sono stati tutti trasferiti nell’hotspot della città, dove saranno trattenuti indefinitamente in attesa delle “procedure di ricollocamento” avviate dalla Commissione europea. (la Repubblica Palermo)

Stefano Bonaccini, affiancato dal sindaco di Milano Sala, ha presentato all’autodromo di Imola le sei liste che lo appoggeranno alle elezioni del 26 gennaio e il programma elettorale (qui una sintesi dei punti principali). “Se vinciamo qui, parte una riscossa per l’Italia,” ha detto senza mezzi termini il governatore uscente dell’Emilia Romagna. Secondo i sondaggi, Bonaccini è in lieve vantaggio sulla sfidante leghista Borgonzoni. (il Resto del Carlino / Piacenza Sera)

Anche Salvini era in Emilia per una riunione organizzativa del suo partito, dove ha promesso di essere in “almeno 100 piazze” nelle prossime settimane, “almeno due volte in ogni provincia.” Parlando in conferenza stampa, l’ex ministro non ha risparmiato attacchi a Conte (“è una persona che vive male, è ossessionato da me”) e ha definito l’attuale governo “una tragicommedia.” (ANSA / Sky TG 24)

Intanto per il presidente del Consiglio si avvicina il momento della “verifica” a gennaio, con un percorso a ostacoli che inizierà con il nodo della prescrizione, su cui le varie forze della maggioranza sono quanto mai distanti. E non è l’unico: in queste ore si sta consumando un nuovo scontro tra la ministra renziana Bellanova e l’ex ministra per il Sud Lezzi (M5S), che ha invitato la prima a dimettersi se “le fa schifo” il reddito di cittadinanza. (Bellanova aveva detto che “quelle risorse vanno indirizzate in modo più proficuo.”) (ANSA / Fanpage)

Milano

Un 25enne ha denunciato di essere stato aggredito in quanto gay da una decina di persone, la notte scorsa in zona Ticinese. Il ragazzo è stato portato in ospedale con una ferita alla testa e un trauma al torace, ma fortunatamente non è in gravi condizioni. (ANSA)

Cult

C’è Persone normali di Sally Rooney, ma anche un saggio sul capitalismo della sorveglianza: è la lista dei libri preferiti di Barack Obama nel 2019 (qui invece quella dei film). (Instagram)

Le copertine di fumetti americani che si ispirano alla Pietà di Michelangelo sono sorprendentemente numerose. (Fumettologica)

Scienza

Vi ricordate di He Jiankui, lo scienziato cinese diventato famoso in seguito a un controverso esperimento di “editing genetico” su due gemelle? Un tribunale di Shenzhen l’ha condannato a tre anni di reclusione e a una multa di 3 milioni di yuan, insieme ad altri due ricercatori del suo team, con l’accusa di aver “violato deliberatamente le norme nazionali in materia di ricerca scientifica e trattamenti medici.” (the Guardian)

I licheni sono ottimi rilevatori dell’inquinamento atmosferico. (JSTOR Daily)

Giornalismi

Luca Misculin ha smontato punto per punto un editoriale di Antonio Polito sul Corriere della Sera in cui, tra le altre cose, si elogiava l’operato di Salvini al governo, attribuendogli il merito di aver risolto “l’emergenza” immigrazione. Misculin sottolinea come il calo degli sbarchi sia da attribuire soprattutto agli accordi siglati da Minniti con la Libia — al prezzo di gigantesche violazioni dei diritti umani — e smentisce, numeri alla mano, la retorica dei “porti chiusi.” A giudicare dalla sua risposta su Facebook, non sembra che Polito abbia capito il punto. (il Post / Facebook)

* * *

Gif di Cats

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Related

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

logo-footer
TESTATA REGISTRATA AL TRIBUNALE DI MILANO (N. 162 DEL 11/05/2017)

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.