in copertina, foto via Facebook

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Ma insomma, si fa questo governo sostenuto da Movimento 5 Stelle e Partito democratico. No. Oppure sì, insomma. Si fa qualcosa, basta che non si va a votare che si perde: è l’unico sottotesto che è possibile leggere nel post con cui Beppe Grillo dice che si “eleverà per salvare l’Italia dai nuovi barbari,” perché “non si può lasciare il paese in mano a della gente del genere.” Vi linkiamo qui il post, che vi sconsigliamo di leggere se non siete abituati all’esperienza sensoriale di leggere i blogpost di Beppe Grillo.

(La “gente del genere,” per la cronaca, è quella che “quando dice una cosa la mantiene, che è una cosa rara.” Almeno così Grillo descriveva Salvini nel marzo 2018, a proposito di coerenza.) (Adnkronos, 25/03/2018)

Anche Matteo Renzi, che all’opposizione è quello che ha più da perderci ad andare al voto, perché vedrebbe azzerata la propria corrente, ha smentito che ci siano stati “accordi segreti” con il M5S. Ma invece se si fa la stessa identica cosa ma lo si chiama “governo di transizione,” allora per i renziani andrebbe bene, a quanto pare. (il manifesto)

In un’intervista confusissima al Corriere Renzi riesce a dire che vuole che si voti con un “governo di garanzia elettorale,” ma allo stesso tempo vuole anche che ci sia un governo che vari una finanziaria, e, perché no, che porti a casa anche il taglio dei parlamentari del Movimento 5 Stelle, perché contrastare la deriva autoritaria e ridurre la rappresentanza politica sono cose che si fanno a tempo molto facilmente. (Corriere della Sera)

Più ragionata, se bisogna fare un governo, è la posizione di Dario Franceschini (cosa ci tocca scrivere), che invece spinge per un vero governo di legislatura, che con l’attuale composizione delle Camere possa tirare fino all’elezione del nuovo presidente della Repubblica, nel 2022. (il Messaggero)

Contro entrambe le possibilità sembra esserci “solo” la segreteria del Partito democratico. Paola De Micheli, sottosegretaria del Partito, sottolinea come la prossima sarà una manovra da 23 miliardi, così imponente da richiedere “un chiaro mandato popolare,” salvo ovviamente rimettere la scelta che dipende dal presidente della Repubblica. Anche Orlando si è espresso a sfavore di un governo con i 5 Stelle: “le parole di Di Maio in queste ore provano che non c’è attualmente nessuna consapevolezza della gravità della situazione.” (HuffPost)

Intanto il tour estivo delle spiagge di Salvini non potrebbe andare peggio. A Policoro l’ancora ministro è stato accolto da un coro di “Bella ciao” e si è preso anche un gavettone in faccia, a Soverato durante il comizio qualcuno gli ha tagliato luci e amplificazione, e durante il blackout i contestatori ce l’hanno salutato. (la Stampa / il Messaggero / Twitter)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Mosca. Decine di migliaia di persone sono scese in strada per manifestare la propria vicinanza all’opposizione, a cui è stato impedito di presentarsi alle elezioni locali. Si tratta della più grande manifestazione in Russia negli ultimi otto anni. Secondo un gruppo secondo un gruppo di monitoraggio avrebbero manifestato 60 mila persone, secondo la polizia, 20 mila. (Reuters)

Lyubov Sobol, la trentunenne diventata protagonista delle proteste dopo che la commissione elettorale ha fermato la partecipazione del partito di Navalny alle elezioni, non era presente alla manifestazione: è stata di nuovo fermata dalla polizia. (DW)

Il tifone Lekima è arrivato sulle coste cinesi, uccidendo 28 persone — ma sono almeno altri 20 i dispersi. Mentre il tifone colpiva la città di Wenzhou una frana ha bloccato il corso di un fiume, facendo salire il livello dell’acqua di dieci metri in dieci minuti. (the Guardian)

Le manifestazioni a Hong Kong si stanno trasformando in guerriglia urbana, con piccoli scontri tra contestatori e polizia in tutto il nord della città. Il numero di persone che protesta sembra essere sceso negli ultimi giorni, ma le proteste si sono fatte più sparse e imprevedibili, mancando una vera coordinazione e guida tra chi manifesta. Intanto, continua la protesta pacifica all’aeroporto internazionale. (South China Morning Post)

Yemen. I secessionisti del Consiglio di Transizione del Sud hanno preso il controllo di Aden, spezzando il fronte “governativo” yemenita, e contrapponendo Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti. I separatisti mirano a ricostruire la Repubblica Araba dello Yemen, presente nel sud del paese dal 1967 al 1990. (Middle East Eye)

Un uomo armato di una pistola e un fucile ha aperto il fuoco in un centro islamico a Bærum, città in periferia di Oslo. Fortunatamente non ci sono stati morti, ma solo un ferito, di cui però non sono state rese pubbliche le condizioni. I fedeli presenti nel centro sono riusciti a fermare l’uomo armato, che è stato poi arrestato dalla polizia norvegese. (Al–Araby Al–Jadeed)

Jeffrey Epstein, accusato di sfruttamento della prostituzione, si è suicidato in carcere. Il finanziere aveva già provato a togliersi la vita lo scorso 23 luglio, ma era stato rimosso dalla sorveglianza anti–suicidio solo una settimana dopo. (the New York Times)

Epstein si è tolto la vita solo un giorno dopo la pubblicazione di documenti relativi a una caso del 2015, in cui veniva coinvolto nello scandalo anche il principe Andrea, figlio della regina Elisabetta. (BBC News)

Ovviamente la morte di Epstein ha immediatamente acceso il fuoco sotto le teorie del complotto più disparate, tra teorie e accuse incrociate. Se c’è chi evoca ipotetiche responsabilità russe, la teoria che si diffonderà di più è quella che collega la morte di Epstein alla già vasta teoria che immagina una cabala economico–politica di criptopedofili che orbita attorno ai Clinton. (Politico)

Ovviamente Trump ha retwittato un tweet di Terrence Williams che accusava assolutamente senza prova i Clinton:

Ovviamente Elizabeth Warren ha “un piano” per affrontare l’emergenza delle armi negli Stati Uniti, con l’obiettivo di ridurre i casi di morte per colpi d’arma da fuoco dell’80%. Come altre proposte della candidata alle primarie democratiche, non è una proposta “emozionante,” ma è ambiziosa e realistica. (NPR)

Guarda Joe Biden cadere in una trappola dell’organizzazione giovanile di destra Turning Point USA e rispondere “Almeno tre” a una giovane donna che gli ha chiesto quanti generi ci sono. Poi, agitato, l’ex vicepresidente ha afferrato l’attivista — di cui non conosceva ovviamente la provenienza politica — per dirle di essere stato il primo a supportare il matrimonio per tutti. (the New York Post)

Gif di Lowi

Italia

Tra venerdì e sabato la nave della ONG Open Arms ha salvato altre 39 persone dall’annegamento nel Canale di Sicilia. Il giorno precedente ne avevano salvate 85. Nonostante la situazione emergenziale, il governo italiano ha negato lo sbarco. Il governo maltese invece ha avuto l’ottima idea di consentire lo sbarco, ma solo ai naufraghi del secondo salvataggio — una posizione chiaramente inaccettabile per la ONG, che rimane in mare. (Il Post)

Sulla nave è salito a dare una mano anche l’attore Richard Gere, che sta cercando di far valere il proprio peso mediatico facendosi portavoce di quelle che ha definito “storie orribili di uomini, donne e bambini.” Il ministro dell’Interno, dalla spiaggia, lo ha invitato a “portarli a Hollywood.” (la Repubblica)

Anche Ocean Viking, la nave di SOS Mediterranee e Medici Senza Frontiere, è stata protagonista di un doppio salvataggio: ieri ha raccolto dal mare 85 uomini, in gran parte sudanesi, dopo averne salvati 80 l’altro ieri. Tutto questo testimonia come ci sia un disperato bisogno di mezzi di soccorso adeguati in quel tratto di mare, che la guerra dei governi europei alle ONG ha contribuito a rendere un cimitero. (AGI)

La polizia ha effettuato “una piccola carica” per allontanare un gruppo di contestatori, di cui parlavamo sopra, che a Soverato (CZ) stava urlando “buffone” al comizio di Salvini, notoriamente un reato gravissimo. (la Repubblica)

L’amministrazione di Arcelor Mittal avrebbe riconosciuto un premio di 500 euro in busta paga agli operai che si sono astenuti dallo scioperare in seguito alla morte di un proprio collega. Serve dire altro? (Corriere economia)

Cult

In centinaia hanno partecipato al concerto di solidarietà per i Mashrou’ Leila a Biblo, dove al gruppo è stato vietato di esibirsi per le critiche mosse dalla comunità cristiana. I Mashrou’ Leila non hanno partecipato alla manifestazione — che ha sostituito la data in Libano che avrebbe dovuto segnare i 10 anni di attività del gruppo — durante la quale un cast di artisti e musicisti ha celebrato l’indipendenza e la libertà delle arti. (AFP)

Questi vestiti confondono le telecamere a circuito chiuso che tracciano le targhe. (Boing Boing)

Sette trailer da guardare questa mattina: dalla seconda stagione di Mindhunter a Honey Boy, il nuovo film di Alma Har’el e Shia LaBeouf in cui esordirà sul grande schermo FKA twigs. (the Verge)

Milano

Durante gli scavi della M4, vicino a San Vittore, è stata ritrovata una necropoli preromana di grande interesse storico, con circa 250 scheletri, tra cui quello di un cavallo e del primo fortunato milanese ad aver contratto la tubercolosi. I reperti sono stati portati via dal cantiere per essere catalogati e studiati. (AGI)

* * *

Gif di Fluffy Friends

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.