Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Gianluca Savoini, l’uomo di Salvini al centro dello scandalo sulle trattative con la Russia per i finanziamenti illeciti alla Lega, è indagato dalla procura di Milano nell’ambito di un’inchiesta che, come si è appreso ieri mattina, è stata aperta dopo la ricostruzione della vicenda pubblicata dall’Espresso a febbraio. L’ipotesi è di corruzione internazionale, e i magistrati dovranno verificare se questi soldi sono mai arrivati o no. (la Repubblica Milano)

(Come abbiamo scritto ieri, potrebbe trattarsi comunque di un reato.)

Per la presidente del Senato Casellati, però, si tratta soltanto di “pettegolezzi giornalistici”: con questa giustificazione ieri ha impedito che si modificasse l’ordine dei lavori a Palazzo Madama per discutere della vicenda, scatenando le proteste del Pd. (TGCOM 24)

Siamo sicuri che è soltanto un caso: pochi giorni dopo l’incontro del Metropol Hotel, tra gli emendamenti leghisti al decreto “Spazzacorrotti” ne è spuntato uno per eliminare il reato di finanziamento ai partiti da parte di uno stato estero. (la Repubblica, dietro paywall)

Ma le coincidenze non finiscono qui: nel mezzo dello scandalo più serio da quando si trova al governo, Salvini ha ricevuto una credibilissima busta con un proiettile, di cui ha pubblicato le foto sui social. Era successo anche dopo la figuraccia dello sbarco della Sea Watch appreso in diretta televisiva: insomma, ogni volta che girano cattive notizie su di lui, Salvini riceve un proiettile. (AGI / Next Quotidiano)

I capigruppo del Pd Marcucci e Delrio hanno annunciato che “nei prossimi giorni” presenteranno una proposta di legge per una commissione parlamentare d’inchiesta che indaghi sulle trattative tra la Lega e la Russia. Una richiesta che Salvini ha subito bollato come “ridicola,” ma a cui il Movimento 5 Stelle ha offerto, a suo modo, mezza spalla: chiedendo che sia fatta non solo sulla Lega ma sui finanziamenti di tutti i partiti. (il Fatto Quotidiano)

Intanto, senza ammettere niente, la Lega e Salvini stanno cercando di prendere il più possibile le distanze da Savoini, “derubricato al rango di appestato,” scrive Carlo Bonini. Ma la relazione tra Salvini e Savoini è lunga vent’anni, sottolinea Alberto Nardelli, autore dello scoop su BuzzFeed News, in un thread su Twitter. (la Repubblica, dietro paywall / Twitter)

Intanto la stampa conservatrice non trova riposo: chi ha fatto uscire questa registrazione? Daniele Raineri sul Foglio sospetta un’ingerenza statunitense, ricordando anche la visita di Salvini a Washington del mese scorso. Secondo Maurizio Belpietro, ovviamente, c’è dietro Renzi. (il Foglio / la Verità)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Dopo tre anni si è conclusa l’esperienza dell’hotel City Plaza, la più importante occupazione abitativa per migranti e rifugiati ad Atene. Occupato nel 2016, poco dopo la firma dell’accordo tra l’Unione europea e la Turchia, nel pieno della “crisi” migratoria in Grecia, l’hotel è stato in questi anni un punto di riferimento per accoglienza, solidarietà ed emancipazione sociale. Leggi il comunicato completo su Facebook e le storie di alcuni degli ospiti della struttura, raccolte da Eleonora Camilli nell’estate del 2016. (Facebook / Internazionale)

La giunta militare del Sudan ha annunciato di essere riuscita a fermare un tentato colpo di stato. Sono stati arrestati 12 militari, e ora le forze di sicurezza stanno indagando per individuare il mandante. Secondo il generale Jamal Omar, membro del consiglio militare, l’azione arrivava per fermare la collaborazione con i civili, confermata solo la settimana scorsa. (Al–Araby Al–Jadeed)

Mentre le condizioni di migranti e rifugiati restano allarmanti, la Turchia ha iniziato di fatto a vendere la cittadinanza turca, rivela Ragip Soylu. Dallo scorso settembre, depositando 500 mila dollari in una banca turca e impegnandosi a lasciarla ferma per tre anni, o comprando una proprietà dal valore di più di 250 mila dollari, è possibile accedere direttamente alla cittadinanza turca. Dall’inizio del programma è stata rilasciata a 1000 persone, e altre 1700 sono in attesa. (Middle East Eye)

A cosa servono i campi di concentramento senza i rastrellamenti? I raid dell’ICE alla ricerca di migranti senza documenti iniziano domenica in tutte le grandi città statunitensi — perché i migranti senza documenti che lavorano come braccianti negli stati repubblicani per ora vanno ancora bene. (the New York Times)

Trump ha annunciato che smetterà di cercare di inserire una domanda sulla cittadinanza sul censimento del 2020. Ma non è una vittoria: la lotta per la schedatura dei migranti negli Stati Uniti continua, e l’amministrazione cercherà di ottenere i dati che voleva attraverso i documenti del dipartimento della Sicurezza Nazionale e l’amministrazione della sicurezza sociale. (CNN)

Il cantante R. Kelly è stato arrestato con accuse di pedopornografia e ostruzione alla giustizia. Non sono le prime accuse di questo tipo verso Kelly, che era già accusato di violenze sessuali ai danni di quattro donne, di cui tre, sottolinea l’accusa, erano minorenni al tempo dei crimini. (the New York Times)

Un’inchiesta del giornale francese Mediapart (dietro paywall) rivela che il ministro dell’Energia e dell’Ambiente francese François de Rugy si concedeva lussi “da famiglia reale” pagati con soldi pubblici, invitando ospiti suoi e di sua moglie a cenare con aragoste e bottiglie di vino incredibilmente care. (Mediapart / France 24)

Molti Tories si stanno preparando all’ulteriore slittamento verso destra che arriverà con l’elezione di Johnson, di fatto presentandosi come candidati a ministri del nuovo governo. Tra gli altri c’è anche Amber Rudd, segretaria di stato per il lavoro e le pensioni, una delle voci più critiche della Brexit no–deal, che invece ora le andrebbe bene — soprattutto se rimanesse anche segretaria di stato. (the Guardian)

Italia

Dopo gli interventi di febbraio, marzo e aprile, con una nuova operazione di demolizione è stato smantellato circa il 25% degli insediamenti informali di Borgo Mezzanone, vicino a Foggia, una baraccopoli spontanea nata nei pressi di un centro d’accoglienza e abitata da molti braccianti impiegati nelle campagne della zona. (il Fatto Quotidiano)

Alcuni abitanti si sono opposti alla demolizione, salendo sui tetti delle abitazioni per cercare di evitare almeno la distruzione dei servizi igienici. La polizia avrebbe risposto alle proteste con cariche e lacrimogeni, denuncia su Facebook il Comitato lavoratori delle campagne.

Carola Rackete e i suoi legali presenteranno oggi alla procura di Roma una querela contro Matteo Salvini, per diffamazione aggravata e istigazione a delinquere. Nelle pagine della querela vengono riportati 22 insulti rivolti dal ministro alla capitana della Sea Watch — sbruffoncella, fuorilegge, complice dei trafficanti, potenziale assassina, etc. — e si chiede di sequestrare i suoi profili Twitter e Facebook, in quanto mezzi per la diffusione del suo linguaggio d’odio. (la Repubblica)

Che fine hanno fatto, intanto, i migranti sbarcati più di dieci giorni fa dalla Sea Watch 3? Si trovano ancora detenuti arbitrariamente all’interno di vari “hotspot,” senza nessuna idea di quale potrà essere il loro destino. “Questa vicenda palesa l’urgenza di interrogarsi su quanto avviene a seguito degli sbarchi. Dopo l’approdo sulla terraferma, infatti, si apre una fase di sostanziale invisibilità, nel corso della quale vengono spesso violati i diritti fondamentali dei cittadini stranieri, a cominciare dal diritto alla libertà personale e dal diritto di asilo,” denunciano le associazioni del progetto In Limine. (Open Migration)

All’ultimo vertice a Palazzo Chigi si è consumato uno strappo tra Lega e M5S sull’autonomia delle regioni. Tra i punti più contestati c’è la proposta leghista di re-introdurre le “gabbie salariali”, un provvedimento discriminatorio che, almeno per ora, il Movimento 5 Stelle giudica inaccettabile. (Adnkronos / Quotidiano.net)

Altro nodo cruciale riguarda la regionalizzazione della scuola: “Un bambino non sceglie in quale regione nascere, non è giusto che in una regione con più soldi i bambini abbiano più diritto all’istruzione,” ha sintetizzato Di Maio. (LaPresse)

Conte ha stemperato, dicendo di non aver assistito a “nessuno strappo” e rassicurando di aver posto dei “paletti” sulle trattative per l’autonomia, per evitare che l’Italia “si slabbri”: ammettendo implicitamente che il progetto della Lega è esattamente questo. (ANSA)

Cult

Questa intelligenza artificiale sviluppata da Facebook nei laboratori della Carnegie Mellon University è in grado di battere a poker anche i giocatori umani professionisti. (the Verge)

Fate il pieno di imbarazzo di seconda mano guardando i momenti salienti del “social media summit” organizzato dalla Casa bianca. (Splinter)

Il nostro momento preferito è stato quando Trump si è complimentato con i propri ospiti youtuber dicendo “le cazzate che vi vengono in mente sono incredibili!”

La recensione del remake “realistico” del Re leone da leggere è quella di David Ehrlich, per IndieWire. Ehrlich descrive il film come “il deepfake più lungo e meno convincente del mondo,” un autoritratto di un conglomerato avido. (IndieWire)

Musica

Perché Louis Armstrong sembrava sempre così felice? La risposta, secondo Gwen Thompkins, sta in questo video muto di 8 secondi, girato nel 1915, dove si vede probabilmente un giovanissimo Armstrong nei panni di un venditore di giornali. (the New Yorker)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.