fbpx
 

C’erano una volta i porti chiusi

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/07/D-04c6bWsAAXkbI.jpeg

in copertina, foto di Mediterranea, via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Nel pomeriggio di ieri, la nave Alex di Mediterranea ha dichiarato lo stato di necessità, forzando il blocco e attraccando nel giro di un’ora nel porto di Lampedusa, senza incontrare ostacoli. Lo sbarco però non è stato autorizzato fino a tarda notte, quando la Guardia di Finanza ha disposto il sequestro dell’imbarcazione. La cronaca della giornata dagli inviati di Repubblica e Avvenire.

Oltre al sequestro della nave, come al solito, al capitano è stata notificata l’indagine per favoreggiamento dell’immmigrazione clandestina. Non risulta indagato il resto dell’equipaggio. (Twitter)

Uno dei dettagli più squallidi della trattativa con il governo maltese, che spiega bene perché non sia stato possibile per Mediterranea fare rotta verso La Valletta, è la richiesta, da parte del governo italiano, di arrestare l’equipaggio. Per questo le autorità italiane e maltesi non hanno accettato che i migranti fossero trasportati al sicuro su mezzi militari: si voleva che fosse proprio la Alex a entrare in porto, così da avere un appiglio giudiziario.

E proprio verso Malta ha deciso di fare rotta in serata la nave Alan Kurdi di Sea-Eye, con 65 naufraghi a bordo. “Ora si vedrà se i governi europei seguono la stessa linea di quello italiano. Le vite umane non sono merce di scambio,” scrivono su Twitter.

Messo di fronte alla palese inefficacia del “decreto sicurezza” dai casi Sea Watch e Mediterranea, Salvini ha annunciato “emendamenti per aumentare le multe fino al milione di euro e rendere più semplici i sequestri dei mezzi.” (Twitter)

Il ministro non è riuscito però a trovare una sponda nell’omologo tedesco Seehofer, che ha risposto alla sua lettera invitandolo a riconsiderare la politica dei porti chiusi. (Adnkronos)

Ricordiamo, comunque, che i migranti fatti sbarcare dalle navi umanitarie come Sea Watch, ma anche quelli che arrivano sulle coste italiane spontaneamente — solo nei giorni scorsi ne sono sbarcati un centinaio — vengono trattenuti negli “hotspot,” strutture detentive senza chiari contorni di legge, in attesa dell’identificazione. Dopodiché, se viene respinta la loro richiesta d’asilo, vengono ulteriormente reclusi nei CPR in attesa del rimpatrio. (RaiNews)

Le condizioni di questi centri sono spesso molto precarie: nell’hotspot di Contrada Imbriacola (Agrigento) ci sono 157 persone a fronte di una capienza di 96, mentre nei CPR sono frequenti rivolte e gesti di autolesionismo. (Agrigento Notizie)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

L’Iran ha annunciato che supererà il livello di arricchimento dell’uranio rispetto a quanto stabilito dall’accordo del 2015 stracciato da Trump. Il paese inizierà ad arricchire l’uranio oltre il limite del 3,67% — il tentativo è di forzare la mano ai paesi europei che sono ancora nell’accordo e che vogliono evitare a tutti i costi di porre sanzioni contro Teheran. L’Iran chiede maggior supporto economico dall’Europa ora che gli Stati Uniti sono usciti dall’accordo. (Al Jazeera)

Non è ancora chiaro fino a quanto l’Iran spingerà l’arricchimento dell’uranio, ma un consigliere di Khamenei ha indicato che l’obiettivo potrebbe essere il 5% — comunque lontanissimo dal 90% necessario per costruire armi atomiche. Macron si è definito preoccupato dall’escalation iraniana, ma Parigi e Teheran “esploreranno entro il 15 luglio le condizioni per riaprire il dialogo tra tutte le parti.” (France 24)

Le proteste in Sudan della settimana prossima sono state cancellate come segno di fiducia nei confronti dell’accordo siglato da rappresentanti dei civili e giunta militare. Ma nel movimento popolare molti, più vicini alle posizioni dei gruppi ribelli, guardano all’accordo con lo stesso sospetto che riservano all’esercito. (Al–Araby Al–Jadeed)

Secondo il Syrian Network for Human Rights sono almeno 544 i civili che sono stati uccisi dall’assalto russo alla provincia di Idlib. Tra i morti ci sono 130 bambini. Il numero feriti sarebbe a 2000. Secondo il presidente del SNHR Fadel Abdul Ghany “l’esercito russo e il suo alleato siriano stanno deliberatamente colpendo civili.” (the Guardian)

Il Daily Mail ha messo le mani su email riservate di Kim Darroch, l’ambasciatore britannico negli Stati Uniti, in cui definisce Trump come un “inetto,” e descrive la Casa bianca come “particolarmente disfunzionale.” Secondo Darroch la carriera politica del presidente degli Stati Uniti potrebbe finire in “disgrazia.” Ma soprattutto, Darroch scrive preoccupato che Trump potrebbe davvero attaccare l’Iran. Il governo britannico ha definito il leak “dannoso,” ma non ha negato la veridicità delle mail. (the Daily Mail)

Jeffrey Epstein, il finanziere miliardario di New York che un decennio fa aveva scansato una condanna per aver molestato una dozzina di ragazze, tra cui minori, è stato arrestato e accusato di sfruttamento della prostituzione. (the New York Times)

Una lotta di potere all’interno di Alternativa per la Germania, il partito di estrema destra tedesco, potrebbero portare il gruppo ancora più a destra. Da un confronto a una conferenza del gruppo federale della Renania Settentrionale-Vestfalia la crisi si è allargata a tutto il partito, portando alla dimissione di nove dei 12 membri della leadership. (DW)

Deutsche Bank potrebbe annunciare il taglio di 20 mila posti di lavoro, per la maggior parte nella City di London e a Wall Street: l’operazione di ristrutturazione globale del colosso bancario lascerà a casa in totale un quinto della sua forza lavoro. (BBC News)

Un milione e mezzo di persone sono scese in strada per celebrare il Pride a Londra. La manifestazione è stata aperta dal sindaco Sadiq Khan, che ha attaccato Boris Johnson per aver in passato usato linguaggio omofobo. Dopo le controversie dello scorso anno l’organizzazione è stata particolarmente attenta a dare spazio alle persone trans e di minoranze etniche. (the Guardian)

Guarda la galleria di foto della parata selezionate dal Guardian.

Italia

Giornata di Pride anche a Monza, dove migliaia di persone sono scese in piazza nella prima edizione della manifestazione in città. (il Giorno)

Migliaia di persone anche a Cagliari e a Pisa, dove l’amministrazione leghista non ha patrocinato l’evento. Prima volta anche ad Asti, dove in piazza c’erano circa 8mila persone. (Sardinia Post / la Repubblica Firenze / La Nuova Provincia)

Virginia Raggi ha pubblicato un video davanti a uno degli impianti di trattamento rifiuti che, in base all’ordinanza della Regione, dovrebbero aumentare la propria operatività fino al massimo della capienza. Secondo la sindaca, “l’ordinanza non funziona, Zingaretti ha preso in giro tutti i romani,” ma secondo la Regione quello specifico impianto di trattamento non era contemplato dall’ordinanza. (il Fatto Quotidiano)

Il problema comunque è serio: l’azienda che gestisce il TMB di Aprilia ha rifiutato ufficialmente di conformarsi all’ordinanza, a causa dell’impossibilità di gestire la combustione di tutti i rifiuti, data “l’attuale saturazione della capacità di Acea-San Vittore.” (Roma Today)

Altre società private starebbero meditando di ricorrere al Tar contro l’ordinanza, per cui è veramente difficile immaginare che in 7 giorni la situazione si risolva. Dalle parti del M5S qualcuno ipotizza la dichiarazione dello stato di emergenza, in modo da poter conferire alla sindaca poteri straordinari come commissaria. (il Fatto Quotidiano)

Intanto per strada continuano i roghi dei cassonetti. A Roma non esistono impianti temporanei per stoccare rifiuti in caso di guasto agli impianti principali — per questo è molto facile che si verifichino emergenze del genere. (RaiNews / Avvenire)

Cult

È morto a 88 anni João Gilberto, uno dei maestri della bossa nova. (NPR)

È inutile che ci proviate: non batterete mai questo robot a bowling. (Twitter)

L’organizzazione neonazista Proud Boys ha organizzato una protesta a Washington contro l’inesistente censura da parte della Silicon Valley del pensiero conservatore. Ma il momento topico della protesta è stato sostanzialmente questo tizio che è salito sul palco per lamentarsi di essere stato bannato da Tinder. (Gizmodo)

Ambiente

Il protrarsi della siccità in una città da 20 milioni di abitanti come Nuova Delhi evidenzia la spaccatura tra i ricchi, che per pochi dollari al mese possono avere acqua corrente illimitata, e i poveri, che pagano cara ogni tanica. (Reuters)

Animali

Le tartarughe vanno matte per l’anguria:

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.