fbpx
 

Le trattative per la presidenza della Commissione europea sono bloccate dai veti incrociati

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/07/D-XkpApWkAAs0wz.jpg
in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Le trattative per le nomine ai vertici delle istituzioni europee — in particolare della Commissione, il primo e più importante nodo da sciogliere — sono ancora in completo stallo: i capi di stato e di governo dei 28 paesi membri si sono riuniti per tutta la notte senza cavare un ragno dal buco. Nelle ultime settimane sembrava essere tornato favorito lo Spitzenkandidat dei Socialisti, Frans Timmermans, ma i Popolari si sono messi di traverso. Il summit dovrebbe riprendere questa mattina, dopo un nuovo giro di incontri bilaterali. (DW)

Anche ammesso che i Popolari riescano a digerire di nominare un candidato socialista resta l’incognita del voto di Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Italia e Regno Unito. Oltre alle incertezze causate dal governo italiano, è difficile prevedere le dinamiche interne britanniche di fronte al nome di Timmermans, un dichiarato anglofilo che ha spesso attaccato duramente Johnson e che sarebbe a favore di un secondo referendum sulla Brexit. (the Guardian)

Ammesso che Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, e Italia votino compatti contro Timmermans, la preferenza decisiva cadrebbe nelle mani della Prima ministra uscente May. (the Telegraph, dietro paywall)

Dal tramonto all’alba: segui tutti gli aggiornamenti in diretta sul liveblog di Politico.eu.

Giuseppe Conte, che conta quanto il due di picche in Italia quindi figuriamoci a Bruxelles, è apparso a sorpresa in sala stampa alle 7 del mattino, catalizzando l’attenzione dei presenti e commentando con un sibillino “vediamo” l’ipotesi della nomina di Timmermans.

Secondo i retroscena, però, Conte sarebbe imbrigliato dai veti della Lega, che gli impongono di fare blocco con i paesi di Visegrad per fare pressione su Bruxelles, anche come arma di ricatto nella trattativa sulla procedura di infrazione. (la Repubblica, dietro paywall)

Lo stallo totale sulle nomine — tra veti incrociati e evidenti accordi a porte chiuse — rischia di incrinare quel po’ di fiducia che gli elettori hanno accordato ai partiti europeisti, commenta Peter Müller. Il maneggiare di Macron, in particolare, non può che sembrare manipolatorio agli occhi degli elettori tedeschi, che hanno votato in grandi numeri partiti che si erano chiaramente allineati dietro i nomi di Weber e Timmermans. (Spiegel Online)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Come ogni primo luglio, in occasione dell’anniversario del passaggio della ex colonia dal Regno Unito alla Cina, i cittadini di Hong Kong sono scesi in strada per protestare, in continuità con le proteste contro la legge sull’estradizione delle settimane scorse. I contestatori chiedono il completo ritiro della legge e le dimissioni della capa esecutiva Lam. Nel corso della mattinata ci sono stati alcuni scontri con la polizia. Mentre scriviamo i contestatori si sono ritirati al chiuso per proteggersi dal caldo e dall’umidità. (South China Morning Post)

Il governo siriano ha denunciato bombardamenti israeliani sugli stabilimenti militari di Homs e Damasco. Secondo la tv di stato al–Ikhbariya l’attacco è costato la vita di quattro civili, tra cui un bambino. (Al Jazeera)

Sudan. L’esercito continua con la repressione violenta delle proteste, ma malgrado 181 feriti e 7 morti, i contestatori non si sono fatti spaventare, senza mai arretrare nella loro “marcia dei milioni.” (BBC News)

Anche quest’anno la polizia turca ha risposto con violenza alla parata del Pride di Istanbul. La polizia ha aggredito i manifestanti con gas lacrimogeni e cannoni ad acqua. Dal 2014 le manifestazioni per il Pride sono vietate in Turchia, ma quest’anno in diversi distretti controllati dall’opposizione sono stati pubblicati annunci in supporto ai diritti LGBTQI. (Al–Araby Al–Jadeed)

Al termine dell’incontro con Kim Jong-un, Trump ha annunciato che i due paesi riapriranno il dialogo per trovare un accordo sulla denuclearizzazione della Corea del Nord, e che inviterà Kim a visitare la Casa bianca. L’incontro segna una vittoria importante in termini di immagine per Trump, che certamente la userà ampiamente in campagna elettorale. (the New York Times)

Dietro le quinte di un incontro cordiale e sorridente, c’era il caos di un incontro di questo livello organizzato in meno di ventiquattro ore. La security di entrambi i leader era nel panico e i giornalisti non riuscivano ad accedere alle zone di loro competenza. Per far entrare le tv statunitensi nella Casa della libertà, dove si sarebbe poi tenuto l’incontro, la nuova addetta stampa della Casa bianca si è trovata praticamente in una rissa con le guardie di Kim. (Slate)

Avanzi dal G20 di Osaka: guarda Ivanka Trump che cerca di attaccare bottone con Macron, Trudeau, Lagarde e May. (the Guardian su YouTube)

Italia

A riprova del fatto che quella dei “porti chiusi” è pura propaganda, ieri un’imbarcazione con 55 persone a bordo è stata avvistata dalla nave della Ong spagnola Proactiva Open Arms, che ha fornito la prima assistenza e ha allertato le autorità competenti. Una volta entrata nelle acque di competenza italiana, è intervenuta la Guardia costiera, che ha scortato 11 dei migranti a Lampedusa, gli altri 44 a Pozzallo. Tra loro anche 4 bambini e 3 donne incinte. (la Repubblica)

Di questi sbarchi non troverete traccia sui social di Matteo Salvini, che è impegnato alternativamente a:

Oggi pomeriggio intanto si terrà l’interrogatorio di garanzia per Rackete. I pm di Agrigento chiedono la convalida del fermo e il divieto di dimora nella provincia di Agrigento, per cui è probabile che sarà rimessa in libertà. In quel caso, il Viminale ha annunciato un decreto di espulsione. (Corriere della Sera)

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della repubblica tedesco Steinmeier, che ha criticato il comportamento del governo italiano e ha ribadito che “coloro che salvano vite umane non possono essere criminali.” Nella migliore tradizione di “E allora le foibe??”, Giuseppe Conte ha replicato tirando in ballo i dirigenti della Thyssen Krupp, come se il caso di una donna che salva 50 persone in mare e forza un blocco illegittimo per portarle a terra fosse paragonabile con quello dei dirigenti d’azienda condannati per aver causato la morte di sette operai. (HuffPost)

Mentre una nuova raccolta fondi per pagare multe e spese legali, stavolta lanciata da due conduttori televisivi tedeschi, ha sfondato in poco tempo quota 400 mila euro, in tutta Italia continuano a tenersi presidi di solidarietà per la comandante della Sea Watch: a La Spezia c’è stato anche un flash mob sulla zattera con l’ormai famoso Zorro di piazza del Duomo. (AGI / Città della Spezia)

Massimiliano Fedriga ha proposto la costruzione di un muro o comunque di una barriera fisica al confine con la Slovenia, per fermare i migranti che arrivano da Est. Farebbe ridere, se Fedriga non fosse il presidente della regione Friuli Venezia-Giulia e se la proposta non trovasse sostanzialmente d’accordo Matteo Salvini. (il Sole 24 Ore)

Al ballottaggio delle elezioni comunali a Sassari ha vinto il candidato del centrodestra Nanni Campus. Bassissima l’affluenza: 41%, contro il 54,7% del primo turno. (HuffPost)

La relazione della commissione nominata dal ministero dei Trasporti sul ponte Morandi apre la strada alla possibilità di una revoca unlilaterale della concessione ad Autostrade Spa: a giustificarla sarebbe il “grave inadempimento” della “mancata restituzione del bene” che la società concessionaria avrebbe dovuto conservare integro. Per il partito di Di Maio, impegnato in una nuova campagna sul tema per cercare di recuperare qualche consenso, è un’ottima notizia. (il Fatto Quotidiano)

Cult

È morto a 86 anni il disegnatore argentino Guillermo Mordillo Menéndez. Mordillo aveva raggiunto fama mondiale grazie alle proprie illustrazioni umoristiche dense di personaggi e per il proprio tratto morbido, con personaggi rotondi. (Fumettologica)

Cosa fate oggi? Secondo noi giocate tutto il giorno con Learning Synths un gioco per browser di Ableton che sarà educativo ma è soprattutto divertente. (Learning Synths, via the Verge)

Gif di Visual Shits

Cosa leggete oggi? Dovete solo scegliere tra i libri che vi intrigano di più tra gli appena annunciati vincitori dei Locus Awards. (Locus Magazine)

Secondo l’Hollywood Reporter Netflix avrebbe firmato un accordo con Warner Bros. per portare in TV Sandman, la graphic novel di culto di Neil Gaiman. La serie sarà guidata da Allan Heinberg. (the Hollywood Reporter)

Giornalismi

Ieri il Corriere della Sera ha pubblicato quella che a tutti gli effetti sembra un’intervista a Carola Rackete. Peccato che, come ha specificato l’Ong, Rackete non abbia rilasciato nessuna intervista. Solo in seguito è apparsa in cima all’articolo una specie di fumosa giustificazione, secondo cui i contenuti dell’intervista sarebbero ricostruiti “attraverso i suoi avvocati.” (Corriere della Sera)

Animali

Il Giappone ha ricominciato a cacciare balene per scopi apertamente commerciali, per la prima volta in trent’anni. L’anno scorso il paese ha lasciato la Commissione internazionale per la caccia alle balene, facendo cadere la necessità di continuare a usare il pretesto della “ricerca scientifica.” (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! ?

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via