in copertina, foto via Facebook

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Facebook ha annunciato Libra, una criptomoneta “stabile” — che quindi non dovrebbe avere le oscillazioni da montagne russe come Bitcoin — sostenuta da un ampio consorzio di aziende, che mira a sostituire il sistema monetario e bancario internazionale, partendo dai paesi in via sviluppo. Il progetto si ispira evidentemente alla centralizzazione dei pagamenti realizzata da WeChat in Cina. (TechCrunch)

Ma annunciare una criptomoneta non è esattamente come annunciare un sistema di pagamento, e infatti l’annuncio ha allarmato non pochi commentatori e politici. Negli Stati Uniti, Maxine Waters, democratica alla guida del comitato ai Servizi finanziari della Camera, ha invitato Facebook a sospendere del tutto il progetto, finché la politica non abbia esaminato la proposta, e produca leggi a riguardo. (Reuters)

Facebook dice di non essere interessato a controllare Libra, che dovrebbe essere amministrata da una associazione no-profit. La mossa dell’azienda è invece Calibra, un portafoglio digitale che sarà integrato in WhatsApp e Messenger e che permetterà agli utenti di inviarsi denaro e pagare negozianti. (the Verge)

A differenza di Bitcoin e delle criptomonete che conosciamo oggi, la creazione di nuova moneta — che, in gergo, si “mina,” come una risorsa preziosa — non è aperta a tutti, ma sarà centralizzata solo alle aziende che prendono parte alla Libra Association. Secondo la Libra Association questo renderà la moneta stabile, ma rende di fatto le aziende che ne fanno parte una gigantesca banca centrale senza uno stato. (Libra.org)

L’organizzazione promette che questa fase di centralizzazione dovrebbe durare solo cinque anni, giusto il tempo perché la moneta si stabilizzi — ma finora nessuna criptomoneta è passata da centralizzata a decentralizzata, e la transizione non presenterà solo problemi tecnici, ma anche politici, sottolinea Russell Brandom. E il mondo è pronto a fidarsi ancora di Facebook? (Libra.org, the Verge)

Secondo Matt Stoller di Open Markets, Libra è “una follia”: è “come un Fondo Monetario Internazionale privato, gestito da techbro.” (Twitter)

Facebook ha scelto il nome ispirandosi alle monete dell’antica Roma e per assonanza al francese libre. Ma Libra è anche il nome della marca di assorbenti più diffusa in Australia. Non il miglior inizio per una moneta che vorrebbe essere mondiale. (Quartz)

In un’intervista radiofonica, il ministro delle Finanze francese Bruno Le Maire ha espresso i propri dubbi sull’operazione, e ha chiesto ai funzionari del G7 di preparare un report per mese prossimo. Secondo Markus Ferber, europarlamentare del PPE, bisogna impedire a Facebook di diventare una “banca ombra che si muova in un nirvana regolatorio.” (Bloomberg)

Di seguito invece riportiamo le dichiarazioni del governo italiano in merito:

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Chi ha ucciso l’ex presidente egiziano Morsi? Dopo sei anni di detenzione solitaria, Morsi sarà anche morto di cause naturali, ma semplificare la storia dando la colpa ad al–Sisi senza cercare di capire cosa è successo è solo fare un favore al regime egiziano. David Hearst sottolinea che l’Occidente non ha fatto nessuna pressione per richiedere condizioni più dignitose per l’ex presidente, e tratta l’Egitto sostanzialmente come un “quartiere poco rispettabile.” (Middle East Eye)

Intanto l’Egitto sta facendo tutto il possibile per far finire questa storia in fretta: il corpo di Morsi è già stato sepolto, chiudendo la possibilità di indagini approfondite, in una cerimonia segreta, alla presenza di solo pochi familiari, in un cimitero del governo Cairo, e non nel cimitero della propria città natale, Sharqia, dove il regime sta vietando l’accesso anche ai giornalisti. (Al–Araby Al–Jadeed)

Le Nazioni Unite hanno chiesto sia indetta un’inchiesta per chiarire il trattamento di Morsi durante i sei anni di prigionia. (Al Jazeera)

Trump ha inaugurato a Orlando la propria campagna per le elezioni del 2020 con un discorso arrabbiatissimo, contro la stampa, la “persecuzione” di Mueller, e contro i democratici, le cui idee progressiste costituirebbero una minaccia grave agli Stati Uniti. (Vox)

Elliot Hannon sottolinea quanto sia assurdo che gli Stati Uniti si lamentino che l’Iran minacci di non rispettare l’accordo sulla produzione nucleare quando sono stati loro a infrangere lo stesso accordo, dando inizio all’attuale crisi. L’amministrazione Trump, ancora senza un segretario alla Difesa, deve assumere rapidamente una posizione chiara sul futuro del Medio Oriente. (Slate)

Il governo canadese ha approvato l’estensione dell’oleodotto Trans Mountain, nonostante l’opposizione delle comunità indigene che abitano lungo il tracciato. L’oleodotto sarà strategico per aumentare le esportazioni di petrolio verso l’Asia. (the Guardian)

L’annuncio, da parte di Justin Trudeau, è arrivato solo poche ore dopo che la Camera dei Comuni aveva approvato una mozione per dichiarare l’emergenza climatica. (Globalnews)

Si è tenuto sulla BBC un nuovo dibattito tra i candidati alla leadership Tory e quindi al posto di Primo ministro britannico. Questa volta Johnson c’era, ed è stato uno spettacolo agghiacciante, completamente slegato dalla realtà. Il livello di alienazione è stato attestato dalla risposta di Michael Gove a una domanda sul perché non scartassero una Brexit no–deal, che causerebbe danni ingenti all’economia britannica: “Perché dobbiamo assolutamente uscire.” (the Independent)

Il governatore della BCE Mario Draghi ha annunciato una nuova serie di misure procicliche e espansive, tra taglio dei tassi e acquisto di nuovi titoli, con l’obiettivo di aumentare in maniera controllata l’inflazione verso il 2%. Draghi è stato criticato su Twitter da Trump, per gli effetti che queste politiche potrebbero avere sul cambio euro/dollaro. (il Sole 24 Ore)

Angela Merkel è stata colpita da un tremore, dovuto probabilmente al caldo, durante la visita ufficiale del neo-presidente ucraino Zelenskiy. (BBC News)

Alle prese con una crisi abitativa senza precedenti, la città di Berlino ha proposto uno stop all’aumento degli affitti per 5 anni a partire dal 2020, e l’imposizione di un tetto massimo legale. Ma i proprietari hanno già intenzione di aumentare gli affitti prima che una misura simile possa entrare in vigore. (DW)

Negli ultimi anni a Berlino gli affitti sono cresciuti incontrollatamente, sull’onda della gentrificazione di quartieri un tempo “popolari.” Pochi giorni fa su Popula è uscito un lungo articolo che racconta la campagna dal basso per espropriare decine di migliaia di appartamenti ai grandi gruppi immobiliari. (Popula)

* * *

Antifood è il nostro primo numero di carta: lo presentiamo giovedì 27 giugno al Rob de Matt, a Milano. Clicca sull’immagine per l’evento!

antifood-evento

* * *

Italia

Sono stati identificati i quattro sospetti autori del pestaggio ai danni dei ragazzi del Cinema America a Trastevere: alcuni di loro sarebbero membri di Blocco Studentesco, l’associazione giovanile di CasaPound. (il Messaggero)

Sì, la Sea Watch 3 è ancora bloccata al limite delle acque territoriali di Lampedusa, a ormai sette giorni dal salvataggio, con 43 naufraghi a bordo.

L’Ong aveva presentato un ricorso al Tar del Lazio contro il divieto di sbarco, ma i giudici amministrativi l’hanno respinto, mentre la Procura di Agrigento, come al solito, ha aperto un fascicolo contro ignoti per “favoreggiamento all’immigrazione clandestina.” (Fanpage)

Sembra destinato a rimanere inascoltato, quindi, l’appello del Consiglio d’Europa, che per bocca della commissaria dei diritti umani Dunja Mijatovic ha chiesto l’indicazione di un porto sicuro per la nave umanitaria, escludendo che questo possa essere in Libia. (Avvenire)

Continua il battibecco tra Salvini e Tria sui minibot: secondo il ministro dell’economia si tratta di uno “strumento pericoloso, illegale e non necessario.” Il vicepremier l’ha attaccato: “Chi vuole fare il ministro dell’economia deve tagliare le tasse.” Stamattina ci sarà un vertice di governo, per decidere le misure da adottare per evitare la procedura d’infrazione. (la Repubblica)

Milano

Centinaia di pesci morti sono stati avvistati nel Lambro, da Monza a Monluè. Ancora ignota la causa della morìa. (Milano Today)

Questioni di genere

Vi ricordate dell’Università di Medicina di Tokyo, che era stata colta a manipolare i risultati dei test di ammissione per ostacolare l’accesso alle donne? Ora che i risultati sono pesati come i candidati uomini, in percentuale sono ammesse più donne che uomini. Lo scandalo conferma che il problema del sessismo istituzionale sul lavoro e nella politica è particolarmente grave in Giappone. (the Guardian)

Cult

La storia di come decine di account su Instagram fingono di sostenere progetti umanitari a sostegno del Sudan, ma in realtà puntano solo a guadagnare follower. (the Atlantic)

I virus hanno una vita sociale più sviluppata della vostra. (Nature)

Gif di kirun

Vi ricordate di Boaty McBoatface, il sottomarino di ricerca senza pilota con il nome più bello del mondo? ha fatto una scoperta importante sul legame tra i venti antartici e l’aumento delle temperature degli oceani. (CNN)

Ambiente

Il permafrost nell’artico canadese si sta sciogliendo settant’anni prima del previsto. È un’ulteriore prova di quanto la catastrofe climatica stia procedendo rapidamente. (Reuters)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.