Continua la crociata contro l’aborto negli Stati Uniti

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/05/D7MS_ibXoAQUEBq-1280x960.jpeg

in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

In Louisiana una cordata bipartisan ha approvato un’altra legge retrograda sull’aborto, vietandolo dal momento in cui è misurabile un battito cardiaco — attorno alla sesta settimana, quando molte donne ancora non sanno nemmeno di essere incinte. La legge sarà firmata dal governatore democratico John Bel Edwards. (NPR)

Malgrado il percorso verso sinistra del partito democratico negli ultimi anni, la presenza di politici non allineati sul tema dell’aborto non è una novità. E in Louisiana la religione viene molto prima dell’appartenenza politica. (the Washington Post)

Edwards difende la propria posizione sottolineando come “la stragrande maggioranza” dei cittadini della Louisiana sia pro-life e che il numero di interruzioni di gravidanza sia già in calo. Ma è farla un po’ troppo semplice — secondo i dati del Dipartimento della salute locale lo scorso anno ci sono state più di 8000 operazioni, e ovviamente la quasi totalità sarebbe illegale con la nuova legge. (the New York Times)

Il problema delle infiltrazioni pro-life nel partito democratico è solo uno dei fronti di una battaglia ogni giorno più complessa. Vox ha pubblicato un editoriale in cui S.E. Smith descrive l’oggettificazione nei confronti delle persone disabili rappresentata dalle proposte di leggi che proibiscono l’aborto in caso di diagnosi di anomalie del feto o del sesso del feto, utilizzate dai politici pro-life per mettere in difficoltà chi difende il diritto d’aborto. (Vox)

Negli Stati Uniti iper-corporativi di oggi una delle poche speranze rimaste alle donne resta nelle pressioni che le grandi aziende private possono praticare sui governi locali. Negli anni di Trump molte grandi aziende hanno preso posizioni contro il governo in materia di migrazioni e diritti LGBTQIA — adesso è il momento di combattere per il diritto d’aborto, scrive Amy Everitt. (BuzzFeed News)

Qualcosa in questo senso si sta muovendo: l’altro ieri Netflix per prima ha rotto il silenzio, annunciando che potrebbe “riconsiderare” gli investimenti in Georgia se dovesse essere applicata la legge firmata lo scorso 7 maggio. Ieri, in una dichiarazione a Reuters, l’ad di Disney Bob Iger ha dichiarato che sarà “difficile” che il colosso continui a girare film nello stato, la cui industria cinematografica è uno dei pilastri dell’economia. (Variety / Reuters)

Amanda Marcotte, partendo da una recente opinione del giudice della Corte suprema Clarence Thomas, mette le cose in chiaro: se i conservatori riescono a vietare l’aborto, il passo successivo è naturale: vietare anche la contraccezione. (Salon)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Netanyahu non è riuscito a formare una coalizione che supportasse il proprio governo. L’ammucchiata di partiti di destra è esplosa sulla proposta di legge per estendere l’obbligo di leva anche agli studenti ultra-ortodossi, un fronte su cui Netanyahu era pronto a concedere la vittoria ai partiti religiosi — ma per l’ultranazionalista Lieberman non se ne parlava. La Knesset ha votato per sciogliersi: si tornerà al voto il 17 settembre. (Haaretz)

Secondo un report del Syrian Network for Human Rights nell’ultimo mese le forze governative e russe hanno bombardato 24 ospedali nella provincia di Idlib. Nel corso della giornata di ieri sono state uccise altre 14 persone nei bombardamenti. Dalla firma del “cessate il fuoco,” secondo il report, sono stati uccisi nella provincia almeno 701 civili. (Al–Araby Al–Jadeed)

Sono morte almeno sette persone, ma 19 sono disperse, in un incidente sul fiume Danubio a Budapest. Un’imbarcazione turistica si è scontrata contro un’altra nave che viaggiava lungo il fiume ed è affondata. (DW)

Dopo quasi due anni al centro della scena, ma dietro le quinte, Robert Mueller ha parlato in pubblico del proprio report sul Russiagate. Il procuratore speciale ha cercato di spiegare che il documento non assolve Trump, ma che, secondo la propria interpretazione rigida della costituzione, non poteva essere lui ad accusare il presidente. Ma nel tentativo di rimanere “istituzionale,” Mueller ha parlato in modo bizantino — la redazione del New York Times ha provato a decodificarlo. (the New York Times)

Malgrado l’incredibile mancanza di polso di Mueller, la posizione dei democratici contrari a procedere con l’impeachment di Trump si fa sempre meno difendibile. Mueller è stato chiaro che l’unica autorità che possa accusare Trump di ostruzione alla giustizia è il Congresso — lui ha semplicemente fornito degli argomenti. I democratici, ovviamente, non hanno i numeri al Senato per ottenere davvero un impeachment — ma l’operazione costringerebbe il partito repubblicano a fare i conti con il proprio supporto cieco al presidente. (CNN)

I toni tra Cina e Stati Uniti restano piuttosto accesi: secondo un diplomatico cinese, le provocazioni commerciali di Washington sono “puro terrorismo economico.” (CNBC)

Italia

Nel pomeriggio di ieri l’aereo di ricognizione Moonbird della Ong Sea-Watch ha avvistato un’imbarcazione in difficoltà con almeno 80-90 migranti a bordo, al largo della Libia. Poco lontano, una nave militare italiana, che però non è intervenuta: la marina si è limitata a mandare un elicottero da ricognizione. (Fanpage)

Sea-Watch ha perso i contatti con il gommone alle 15.15, ma in serata la Ong Alarm Phone è stata contattata dai migranti a bordo. Imbarcando acqua e con diversi bambini a bordo, i migranti sono rimasti alla deriva per tutta la notte e sono ancora in balia del mare. Il thread di Alarm Phone che segue la situazione:

Sistematiche omissioni di soccorso di questo genere, che si concludono spesso con l’intervento della guardia costiera libica e la deportazione dei migranti, avvengono praticamente tutti i giorni, e spesso non c’è nessuno a documentarle.

Pochi giorni fa, Moonbird ha filmato il momento in cui un gommone ha iniziato a sgonfiarsi, causando la morte per annegamento di un migrante. Anche in quel caso si trovava nelle vicinanze una nave della marina militare italiana. (la Repubblica / video)

Continuano i presìdi e le agitazioni dei lavoratori lasciati improvvisamente a casa dal fallimento di Mercatone Uno. Oggi si terrà il tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico per decidere quali tutele approvare per i lavoratori, a partire dalla cassa integrazione. (ANSA / Italia Oggi)

Il fallimento della catena di arredamento è stato un disastro anche per le aziende fornitrici che non sono mai state pagate, ma ci sono anche circa 20mila clienti che hanno pagato acconti per mobili mai consegnati. (Business Insider / la Repubblica)

Il presidente del Consiglio Conte ha incontrato i due propri vice e poi si è recato al Quirinale. “Ho chiesto a entrambi i vicepresidenti di accelerare i confronti e le valutazioni che sono in atto nell’ambito di ciascuna forza politica, in modo da poter ripartire già nei prossimi giorni con chiarezza di intenti e determinazione di risultati,” come dire: “Fatemi sapere che devo fare, oh.” (Rai News)

Tutti si dicono ottimisti sulla possibilità di proseguire l’esperienza di governo. Ma l’incontro a tre e il Consiglio dei Ministri sono stati rimandati al risultato del voto su Rousseau per rinnovare la fiducia a Di Maio. Gli iscritti potranno votare dalle 10 alle 20, e sarà prevedibilmente un plebiscito. (Adnkronos)

Gad Lerner tornerà sulla Rai e il ministro dell’Interno se ne lamenta in una diretta Facebook, chiedendo all’amministratore delegato della televisione pubblica se “questo è il cambiamento.” Tutto normale. (la Repubblica)

Cult

I colossi tecnologici statunitensi e cinesi come IBM e Huawei si fanno pochi problemi a vendere tecnologie per il riconoscimento facciale a regimi liberticidi come gli Emirati Arabi Uniti. (BuzzFeed News)

Pur non potendo offrire nessuna prova certa di un rapporto di causa-effetto, un nuovo studio pubblicato su una rivista specialistica di psichiatria ha individuato una correlazione tra la messa in onda della serie tv 13 e un aumento del tasso di suicidi tra gli adolescenti. È il secondo studio in ordine di tempo che individua una simile correlazione. (the Verge)

Se hai bisogno di parlare con qualcuno, o conosci qualcuno che ha pensieri suicidi, puoi contattare gratuitamente il Telefono Amico al 199 284 284 (anche via internet) o la Onlus Samaritans al 800 86 00 22.

Avete visto il trailer di lancio (di otto minuti!) di Death Stranding, il nuovo videogioco di Hideo Kojima con Norman Reedus, Guillermo del Toro, e Léa Seydoux? Ci avete capito qualcosa? Joshua Topolsky e Drew Millard hanno provato a capirci qualcosa — ma, come tutti, sono un po’ in difficoltà. (the Outline)

Animali

Il kakapo è un bizzarro pappagallo neozelandese a un passo dall’estinzione, ma forse la tecnologia potrà salvarlo. (Quartz)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.