Come siamo arrivati a questo punto della guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/05/1024px-President_Trump_Talks_Trade_with_the_Vice_Premier_of_the_People’s_Republic_of_China_Liu_He_2018_27309127577.jpg

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Come preannunciato, Trump ha innalzato i dazi su 200 miliardi di beni provenienti dalla Cina, riaccendendo l’escalation della guerra commerciale con Pechino dopo il mancato raggiungimento di un accordo. Molto probabilmente il governo cinese risponderà con contromisure dello stesso segno. (the New York Times)

Le nuove tariffe sono arrivate dopo il fallimento dei negoziati con il vice–premier cinese Liu He, che si era recato a Washington per cercare di fermare l’innalzamento dei dazi all’ultimo minuto. Prima di entrare alla Casa bianca Liu aveva dichiarato che “le economie di Cina e Stati Uniti sono una catena interconnessa. Entrambi i paesi saranno danneggiati, e non dovremmo permettere che ne paghino le conseguenze gli innocenti.” (South China Morning Post)

La decisione di Trump arriva dopo il passo indietro della Cina sugli accordi raggiunti il mese scorso. In un cablogramma diplomatico inviato venerdì scorso, Pechino proponeva modifiche al trattato concordato con gli Stati Uniti che eliminavano sostanzialmente tutte le concessioni che inizialmente la Cina aveva accettato. (Reuters, 08/05/2019)

La scommessa di Trump è di una semplicità estrema: entrambi i paesi hanno un fitto scambio reciproco di import e export, ma al netto gli Stati Uniti sono il compratore, e la Cina il venditore. Questo, secondo Trump, offre agli Stati Uniti un netto vantaggio nelle contrattazioni. La Cina la settimana scorsa sperava di poter strappare un accordo migliore all’ultimo minuto, ma avrebbe dovuto prevedere la risposta muscolare degli Stati Uniti, scrive James Griffiths. (CNN)

Ma la visione di Trump è ipersemplificata, e se ai massimi sistemi la sua tesi è corretta, l’impatto sulla vita dei cittadini statunitensi è evidente. Secondo uno studio pubblicato dall’Università di Princeton il mese scorso, i dazi già applicati costano a consumatori e aziende 3 miliardi di dollari al mese in tasse. (Princeton)

La differenza tra questi dazi e quelli precedenti è dove arriveranno i rincari. Finora l’aumento dei prezzi si è sentito soprattutto a livello industriale, in particolare su prezzi di acciaio e alluminio per l’industria automobilistica. Queste nuove tariffe faranno aumentare i prezzi di beni invece direttamente ai consumatori che comprano da Target e Walmart, e colpiranno oggetti di arredamento, vestiti, borse, prodotti per la bellezza e anche decorazioni natalizie. (the Washington Post, via Outline.com)

Le borse di Shanghai e Shenzhen stanno tremando da giorni sulla rinnovata tensione tra Stati Uniti e Cina, ma il governo cinese sta rassicurando consumatori e imprenditori, spiegando che l’economia cinese dovrebbe reggere anche l’impatto di queste nuove tariffe. (the Straits Times)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Dopo 62 giorni di prigionia per essersi rifiutata di testimoniare, Chelsea Manning è stata rilasciata. Ma dovrà comparire di nuovo di fronte a un giudice a breve. (the Guardian)

La tattica della Casa bianca per proteggere Trump dagli attacchi dei democratici: alzare la tensione e vedere fino a che punto i democratici sono disposti a bluffare. La minaccia di procedere con l’impeachment, infatti, è abbastanza vuota, perché i democratici non hanno voti sufficienti per ottenere la rimozione del presidente. (the New York Times)

Continua la guerra degli estremisti repubblicani contro l’aborto. La riforma sul diritto all’aborto dell’Alabama, un testo retrogrado che criminalizza la procedura prevedendo fino a 99 anni di prigione per i medici che la praticano e non prevede clausole nemmeno per casi di stupro, è vicina all’approvazione. La legge passerà già probabilmente martedì prossimo, ma dovrebbe essere immediatamente bloccata a livello federale. (CBS News)

Il giornale israeliano Hayom ha pubblicato un report in cui sembra anticipare quello che Trump ha chiamato “l’affare del secolo” per la pace tra Israele e Palestina. Ma il disegno statunitense sarebbe catastrofico per i palestinesi, confermando le ambizioni espansive di Israele e ghettizzando i palestinesi: l’accordo non promette loro soluzioni politiche, ma vaghi sogni di sollievo economico, permettendo loro di lavorare in Israele e costruendo un corridoio tra Gaza e la West Bank. (Middle East Eye)

Un attacco suicida in un mercato a Baghdad ha ucciso otto persone e lasciato ferite più di una dozzina. Le autorità irachene hanno investito tantissime risorse per mettere quanto più possibile in sicurezza la capitale, ma questa volta la violenza si è di nuovo infiltrata nella città. (Al–Araby Al–Jadeed)

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in è riuscito a convincere Trump a permettere alla Corea del Sud di offrire sostegno umanitario al nord della penisola. La Corea del Nord si è recentemente vista costretta a ridurre ulteriormente le razioni per i propri cittadini, una misura drastica a causa delle risorse alimentari limitatissime causate dal peggior raccolto da più di dieci anni. (the Hankyoreh)

Internet

L’idea di smembrare Facebook per ridurre la sua posizione di monopolio non è nuova, ma ora lo dice anche Chris Hughes, co-fondatore del social network insieme a Mark Zuckerberg. “Mark è una bella persona, è gentile. Ma mi fa arrabbiare che la sua concentrazione sulla crescita l’abbia spinto a sacrificare la sicurezza e la civiltà per i click.” (the New York Times)

Italia

Il presidente del Consiglio Conte ha deciso di stroncare le polemiche sul nascere annunciando in serata che i 36 migranti soccorsi dalla marina militare al largo della Libia sbarcheranno nel porto di Augusta. Salvini aveva già cominciato a sbraitare di porti chiusi, rischiando un nuovo caso Diciotti. I naufraghi saranno redistribuiti tra altri paesi europei. (Quotidiano.net)

Più complicato sarà il destino per le 30 persone salvate invece, sempre ieri, dalla nave Mare Jonio di Mediterranea. Tra loro ci sono due donne incinte e quattro minori non accompagnati, ma la richiesta di un porto sicuro si è scontrata contro il muro del Viminale, che ha detto di fare riferimento alle “autorità libiche.” (Adnkronos / Twitter)

Questa mattina la nave è entrata in acque territoriali italiane, a 12 miglia a sud di Lampedusa, dove è stata raggiunta da due navi della Guardia di finanza per un “controllo di polizia”:

Papa Francesco ha incontrato nella basilica di San Giovanni in Laterano la famiglia rom minacciata dai fascisti a Casal Bruciato, esortandola a resistere ed esprimendo la propria vicinanza. “Quando leggo sul giornale qualcosa di brutto, vi dico la verità, soffro. Oggi ho letto qualcosa di brutto e soffro, perché questa non è civiltà.” In mattinata si è svolto in Vaticano, invece, l’incontro con oltre 500 rappresentanti delle comunità rom e sinti. (il manifesto)

Intanto sono partite le prime denunce per quelle che i giornali si ostinano ancora a definire “proteste”: tra gli identificati, anche il militante di CasaPound che ha urlato “ti stupro” a una donna. (il Messaggero)

Di fronte allo stabile di via Satta la situazione sembra essere più tranquilla (il gazebo di CasaPound nel cortile, almeno, è stato smontato), ma la famiglia continua ad essere scortata dalla polizia in tutti gli spostamenti e alcuni giornali riportano che, probabilmente, alla fine sarà costretta ad andarsene dall’appartamento. (Corriere della Sera Roma)

Un emendamento al decreto “Sblocca cantieri” — presentato anche con l’appoggio del Pd — prevede le risorse ai Comuni per installare telecamere di sorveglianza in tutte le aule scolastiche e nelle case di cura per anziani e disabili. Non capiamo cosa c’entri con i cantieri e che cos’abbia nella testa il Pd, ma okay. (la Repubblica)

Ma l’emendamento più grave apportato al decreto in fase di conversione in legge è quello che innalza fino a 150 mila euro la soglia degli appalti per cui non sarà necessario fare una gara, ma solo “consultare” tre operatori economici prima di procedere all’affidamento diretto. Oggi la soglia è 40 mila euro, e va da sé che si tratta di un regalo clamoroso alla criminalità organizzata. (il Sole 24 Ore)

Sì, anche questa maggioranza di governo sta ricalcando i passi di Matteo Renzi nel tentativo di modificare la Costituzione e ridurre il numero dei parlamentari. Ieri il ddl è passato alla Camera senza modifiche, concludendo la prima delle due letture previste. (ANSA)

Anche a Fano Matteo Salvini è stato vittima di un selfie “di protesta” — due ragazze hanno chiesto di farsi una foto con lui e poi si sono baciate, suscitando una reazione visibilmente stizzita. (Twitter)

Cult

Oh no, sulla nuova banconota da 50 dollari australiani c’è un errore di battitura. (Quartz)

Importante: questi ricercatori hanno determinato che Magic: l’Adunanza è il gioco più complesso del mondo. Non è possibile utilizzare un algoritmo per stabilire chi vincerà, e questo ha importanti implicazioni per la teoria dei giochi. (MIT Technology Review)

Questo deep fake di the Fakening, con la faccia di Elon Musk sovrapposta a video del bambino piccolo della star di YouTube Andrew Schrock, è la cosa più spaventosa che vedrete questa settimana. (YouTube)

Spazio

Jeff Bezos ha presentato Blue Moon, il primo lander lunare della sua compagnia spaziale Blue Origin, pensato per una “sostenuta presenza umana sulla Luna.” (Gizmodo)

Ambiente

Le prove scientifiche che connettono l’inquinamento atmosferico all’insorgere di patologie mentali degenerative come demenza e Alzheimer sono sempre di più, e dovrebbero preoccuparci. (Wired)

* * *

Gif di Fleischer Studios

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.