in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Continua l’escalation di violenza tra Hamas e Israele. Dopo il lancio di 200 razzi da parte di Hamas, Israele ha risposto bombardando zone della Striscia di Gaza dove vivevano anche civili, uccidendo una donna incinta e una bambina di un anno. I bombardamenti chiudono un mese relativamente privo di violenze — con l’eccezione delle uccisioni durante i venerdì di protesta — nella regione. (Al Jazeera)

Il portavoce del capo dell’esercito israeliano ha rifiutato la responsabilità dell’uccisione della donna e della bambina, sostenendo al contrario che sarebbero morti a causa di un razzo di Hamas che avrebbe mancato il proprio obiettivo. (the New York Times)

Sotto i bombardamenti sono morte altre quattro persone, tra cui un ragazzo di 22 anni, colpito da uno dei primi bombardamenti, e un uomo di 25 anni, ucciso da un attacco drone mentre si spostava in moto. Secondo i dati della polizia israeliana i razzi di Hamas avrebbero ucciso una persona. (the Guardian)

La deriva securitaria in Israele è tale che anche Haaretz scrive che di fronte al governo israeliano ci sono solo due scelte: una guerra ultraviolenta per distruggere Hamas, o un vero tentativo diplomatico. Le costanti schermaglie, dopo la guerra aperta del 2014, sono servite soltanto a spaventare i cittadini. (Haartez)

I governi di estrema destra, dagli Stati Uniti all’Italia, hanno espresso il proprio supporto a Israele mentre Hamas lanciava i propri razzi, mentre le Nazioni Unite hanno chiesto di de-escalare le violenze di entrambe le parti del conflitto, ritornando alla relativa tregua dei mesi scorsi. (the Jerusalem Post)

Si è espressa in favore degli interventi diplomatici delle Nazioni Unite — e dell’Egitto — anche Federica Mogherini, che ha espresso la richiesta dell’Unione europea a Israele e Hamas di mantenere la calma. (Israel Hayom)

Ma secondo il membro del Knesset laburista Peretz Netanyahu non ha nessun interesse nel far diminuire la tensione — la presente forte di Hamas in Palestina è la migliore scusa che il governo israeliano possa chiedere per non procedere a lavori per una soluzione dei due stati. (the Jerusalem Post)

Sono stati colpiti dai bombardamenti israeliani anche gli uffici dell’agenzia stampa turca Anadolu, scatenando l’ira di Erdogan, che ha parlato furibondo di “terrorismo israeliano” e “atrocità a Gaza e in altre parti della Palestina.” (Anadolu Agency)

Malgrado le violenze a Gaza continuano senza sosta i lavori per l’Eurovision, che quest’anno si terrà a Tel Aviv. Secondo il portavoce dell’evento “Dal nostro punto di vista, è tutto in regola. Continuiamo con la nostra routine. Le prove sono iniziate, e i partecipanti sono stati aggiornati e hanno risposto positivamente. (…) Finché non suonano sirene nel centro del paese, non voglia il cielo, la cosa resta solo sui giornali.” (Haaretz)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Malgrado la forza del ciclone Fani fosse già ridotta quando ha colpito il Bangladesh, la tempesta ha distrutto più di mille case, uccidendo cinque persone e ferendone 63. Il numero delle vittime è relativamente contenuto grazie a uno sforzo titanico di evacuazione della regione colpita dal ciclone — si sono spostate più di un milione di persone. Ora il peggio dovrebbe essere passato. (BBC News)

La polizia ha arrestato Said Bouteflika, il fratello dell’ex presidente algerino Abdelaziz Bouteflika, considerato da molti come vero e proprio presidente ombra nel periodo di malattia di Bouteflika. Sono stati arrestati anche il capo dei servizi segreti e un altro leader dell’intelligence. (Al–Araby Al–Jadeed)

Nel caso non fosse abbondantemente chiaro esattamente da che parte sta Trump, il presidente degli Stati Uniti ha condiviso più di una dozzina di tweet in supporto alle personalità dell’ecosistema neonazista e complottista bannate da Facebook nel corso della settimana. Secondo Trump impedire la circolazione di notizie false e propaganda d’odio, ora che è dimostrato che questa propaganda uccide, è “censura.” (CNN)

Una crociera di Scientology ha preso una brutta piega — anche per gli standard di essere in crociera con Scientology, un “ritiro religioso,” secondo gli organizzatori — quando le autorità di Curaçao hanno deciso mettere la nave in quarantena quando è arrivata sulle coste dell’isola, a causa di un caso di morbillo a bordo. Il personale medico dovrà verificare che le persone a bordo siano vaccinate o abbiano già avuto il morbillo prima di lasciarle scendere dalla nave. (NBC News)

Il giorno della marmotta del Regno Unito non finisce mai. Dopo che le elezioni locali hanno evidentemente punito sia tories che laburisti — favorendo i partiti minori — per il caos dei mesi scorsi, May ha chiesto di nuovo a Corbyn di lavorare insieme a un accordo trasversale per la Brexit. Il dialogo con il Labour sarà duro, ed è iniziato proprio con i migliori auspici, con May che dichiara che “francamente non è quello che volevo nemmeno io.” (the Guardian / BBC News)

Italia

Il Movimento 5 Stelle è tornato all’attacco della Lega contro la resistenza alle dimissioni di Siri. In un post su Facebook Di Maio lamenta dei retroscena pubblicati su tutti i giornali riguardo la possibile caduta del governo. “E tutto questo per cosa? Per una poltrona? Per non mollare un loro indagato per corruzione (che ha il diritto di difendersi ma lontano dall’esecutivo)?” si chiede il ministro del Lavoro. (la Repubblica)

Ma Salvini nega le tentazioni di una crisi di governo subito dopo le europee, e intanto apre a rimandare — di molto — le dimissioni di Siri. Servirebbe infatti, secondo il ministro, “almeno un rinvio a giudizio.” OK? (Corriere della Sera)

Ha provato a smorzare la tensione Conte, sospendendo la prevista conta che doveva esserci settimana prossima in Consiglio dei ministri. Ma cosa si fa ora? ¯\_(ツ)_/¯ (Sky TG24)

Matteo Salvini, cercando disperatamente di cambiare le aperture delle sezioni di politica dei siti di oggi, ha dichiarato che secondo lui a scuola dovrebbero tornare i grembiuli, “perché un paese migliore si costruisce con ordine e disciplina.” Le scuole a pezzi, e gli insegnanti sottopagati invece non sono un problema. (il manifesto)

Ma siamo sicuri che il ministro fosse contento della giornata di ieri, durante la quale ha potuto di nuovo scimmiottare Mussolini, parlando dal balcone del municipio di Forlì. Salvini ci teneva così tanto che ha usato il proprio ruolo da ministro per aggirare i divieti, giocandosi un’altra carta fondamentale del fascismo, sfumare i confini tra il ruolo di partito e quello di stato. (la Repubblica Bologna)

Sembra saranno tantissime — tra 60 e 130 mila — le persone che rifiuteranno il reddito di cittadinanza. Oltre ai casi limite di chi si è visto proporre 40 euro sono moltissime le famiglie che hanno valutato che i controlli oppressivi previsti dal reddito di cittadinanza non valgono i pagamenti bassissimi. (il Messaggero)

Cult

Dall’inizio delle proteste i muri delle strutture attorno al quartier generale dell’esercito sudanese di Khartoum stanno fiorendo di graffiti coloratissimi e ispirati. Guarda le opere d’arte che stanno ispirando le proteste in Sudan, in una serie di foto di Mohanad Hashim. (BBC News)

La casa editrice neofascista Altaforte sarà presente fisicamente, per la prima volta in assoluto, al Salone del Libro. Il caso, che ribolle da giorni, è scoppiato quando ieri il Comitato di indirizzo del Salone è intervenuto in difesa della presenza dello stand invocando l’articolo 21 della Costituzione sulla libertà di pensiero e di espressione 🙄 (il Post)

Se volete farvi male, qui c’è il testo del comunicato. (Facebook)

Il caos è continuato con attacchi pesanti a Christian Raimo, che in un post su Facebook denunciava la presenza di fascisti e razzisti al Salone. Alla fine Raimo ha deciso di dimettersi da consulente del Salone. (il Messaggero)

A Torino si è compiuto un passo ulteriore nell’accettazione delle nuove camicie nere sulla scena politico-culturale italiana,” commenta il collettivo Wu Ming, che annuncia che la presentazione del Fabbro di Oxford di Wu Ming 4, prevista per il 12 maggio al Salone, è stata annullata. (Giap)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.