fbpx
 

Democrazia etero-diretta

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2019/04/casal-eggio.jpg
in copertina, foto via Twitter

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il Garante per la privacy è tornato a colpire Rousseau, la piattaforma per la “democrazia diretta” del Movimento 5 Stelle. Non è la prima volta: in precedenza il Garante aveva bocciato la Casaleggio Associati sulla gestione dei server, ora sulle costanti falle di sicurezza, che avrebbero anche permesso la manipolazione del voto. (Wired)

Ovviamente, secondo l’“Associazione Rousseau” — il post sul Blog delle stelle è firmato così 🙄 — si tratta di un complotto, perché il presidente dell’Autorità garante, Antonello Soro, starebbe facendo un uso politico del proprio potere. Sì, insomma, “pagati da Soro.” (ANSA)

Il Garante denuncia — oltre alla presenza di un database esterno, hostato su server di Wind, con cui l’associazione ha un contratto — che i voti sarebbero ancora riconducibili agli utenti che li hanno espressi. In precedenza, il Garante aveva denunciato che ogni voto era collegato al numero di telefono con cui gli iscritti si erano registrati. Il numero è stato cancellato, ma ogni voto è ancora riconducibile a un “identificativo univoco.” (la Repubblica)

Come sottolinea Gianmichele Laino su Giornalettismo non si tratta di uno problema “tecnico,” o un complotto come il Movimento 5 Stelle cercherà di raccontarlo oggi, ma di uno scandalo che mina lo stesso presupposto del partito di maggioranza nella coalizione — abbastanza grave da far cadere un governo. Ovviamente, non succederà niente. (Giornalettismo)

La difesa dell’Associazione Rousseau è particolarmente debole: Soro starebbe facendo un uso politico del proprio potere, ma tacitamente si accettano le critiche, dato che si sottolinea che il sistema sottostante al voto nel frattempo è cambiato:

La piattaforma è così sicura e i controlli così rigorosi che solo ieri Casaleggio è dovuto andare in procura a Napoli per denunciare una serie di account fasulli realizzati nel 2017 per influenzare il voto delle parlamentarie. Intanto la gestione delle europarlamentarie sfiora il tragicomico. (Next Quotidiano)

Il caso è scoppiato dopo la segnalazione di una donna che ha scoperto di essere stata iscritta al Movimento a sua insaputa. La rete di profili cloni non sarebbe stata sufficiente per portare il suo creatore in parlamento nel 2018, che ci stava riprovando in occasione delle europarlamentarie. (Adnkronos)

* * *

Abbonati a Hello, World!, la piattaforma per la democrazia diretta di the Submarine (cioè la newsletter della rassegna stampa che state leggendo, ma con contenuti extra e gratitudine).

* * *

Mondo

La guerra in Libia sembra vicina a un punto di svolta: il generale Khalifa Haftar (che controlla la Cirenaica) avrebbe ordinato alle proprie truppe di avanzare verso Tripoli, ma “pacificamente.” Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Italia e Emirati Arabi Uniti hanno emesso un comunicato congiunto per chiedere di fermare l’escalation. (Al Jazeera)

Il crescente protagonismo internazionale della Cina ha trasformato i rapporti con Pechino in uno dei temi centrali delle campagne elettorali nel resto dell’Asia — per esempio in Indonesia o Malaysia — dove la sfida spesso è tra candidati filo-cinesi e candidati che cercano di distanziarsene. (CNN)

Secondo Wikileaks, Julian Assange rischia di essere espulso dall’ambasciata ecuadoregna a Londra — dove si trova rifugiato dal 2012 — con l’accusa di aver violato più volte i vincoli dell’asilo politico che gli è stato concesso. Ma per ora i funzionari ecuadoregni negano. (the Sydney Morning Herald)

Dopo una settimana particolarmente agitata su Twitter e alla Casa bianca, Trump ha ritirato la propria minaccia di chiudere il confine con il Messico, spostando le proprie promesse su un altro must: dazi doganali punitivi. (Los Angeles Times)

A proposito di dazi: dopo aver incontrato il vice premier cinese Liu He Trump ha annunciato che Stati Uniti e Cina sono molto vicini a risolvere la guerra dei dazi che ha iniziato lui. Nelle prossime settimane sarà finalizzato un accordo commerciale che Trump ha descritto come “epico.” (the New York Times)

Si terranno oggi in Algeria le prime proteste dopo le dimissioni del presidente Bouteflika. Per i contestatori è un momento fondamentale, per cercare di cementare le manifestazioni in un movimento che possa continuare a fare pressioni sulla politica — i manifestanti, in particolare, non vogliono che sia il governo “di transizione,” strettamente legato a Bouteflika, ad organizzare le elezioni. (Al–Araby Al–Jadeed)

I primi risultati dell’indagine sulla caduta del volo dell’Ethiopian Airlines fanno luce sui tentativi disperati seguiti dai piloti per cercare di tenere l’aereo in quota. I piloti avrebbero seguito le linee guida d’emergenza fornite da Boeing, ma senza successo. (the New York Times)

Italia

Secondo i giudici del tribunale del riesame di Napoli, lo stupro nell’ascensore della Circumvesuviana non è mai avvenuto, o meglio, “non è raggiunta, allo stato degli atti, la soglia della gravità in ordine al dissenso alla consumazione dei rapporti.” Anche il terzo indagato è stato scarcerato, e ora la ragazza che li ha denunciati teme ritorsioni. (la Repubblica Napoli)

A Torre Maura è prevista per oggi una fiaccolata organizzata da Forza Nuova, mentre domani sarà la volta di CasaPound. Ma domani ci sarà anche una manifestazione di Anpi, Arci, Acli e Cgil, che hanno scelto come slogan per contrastare il razzismo dei neofascisti le parole semplici ed efficaci del quindicenne che l’altro ieri li ha fronteggiati in strada. (TGCOM / Askanews)

A proposito: moltissimi siti e telegiornali se ne sono allegramente fregati e hanno diffuso i video di Simone senza oscurare il suo volto (nonostante sia minorenne).

Ieri intanto ci sono state nuove tensioni: i manifestanti hanno continuato a presidiare la struttura da cui i rom stanno venendo lentamente trasferiti, e hanno di nuovo bloccato l’arrivo del pane. (il Messaggero)

La nave Alan Kurdi della Ong tedesca Sea-Eye, con 64 naufraghi a bordo, è al limite delle acque territoriali italiane, diretta verso Lampedusa. A bordo c’è anche una neonata di 11 mesi, ma il ministro Salvini non ha intenzione di permettere lo sbarco, e si è rivolto a Berlino — lo stesso ha fatto il ministero degli esteri, che ha anche chiesto alla Germania “informazioni sulla idoneità tecnica della nave a condurre in maniera sistematica e preordinata operazioni di asserito soccorso nel Mediterraneo.” (la Repubblica)

Per non infrangere il divieto di ingresso in acque territoriali, la nave sta letteralmente viaggiando a zig zag, mentre le condizioni meteo sono in peggioramento.

Sul tema è intervenuto anche il segretario generale dell’Onu Guterres, che ha ricordato che la Libia non è considerabile come un porto sicuro, e che la responsabilità sulla vita dei migranti è di tutta la comunità internazionale. (Twitter)

Cult

Questo uovo di cioccolata è pieno della sorpresa migliore di tutte: 16 gomme da cancellare. Peccato costi 35 sterline. (Present & Correct)

L’adattamento live action di Netflix di Cowboy Bebop ha un protagonista. Il film, a cui è dato l’arduo compito di trasporre in carne e ossa l’anime di culto anni Novanta, sarà guidato da John Cho. (the Verge)

Culto

La chiesa mormone permetterà ai figli delle coppie omosessuali di essere battezzati senza speciali approvazioni, annullando una politica restrittiva applicata nel 2015 e duramente criticata dai fedeli liberali e appartenenti alla comunità LGBT. (CNN)

Animali

Secondo un nuovo studio pubblicato su Nature, i gatti domestici riconoscono il proprio nome quando vengono chiamati. (Nature)

Gif di Victorinosuazo

In Peru è stato trovato il fossile di un’antica balena con quattro zampe palmate, vissuta circa 43 milioni di anni fa. (BBC News)

Fondo del barile

I lavori alla Camera dei Comuni sono stati sospesi fino a lunedì perché piove dal soffitto: ci sembra un’immagine perfetta dello stato disastroso della politica parlamentare britannica. (the Guardian)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Related

Resta nel nostro radar.

Segui the Submarine su Instagram e Twitter,
iscriviti al nostro canale Telegram
o alla nostra newsletter settimanale gratuita.

Share via