Con pochi anni alle spalle come band hanno già saputo attirare l’attenzione delle orecchie più attente a captare suoni nuovi con il loro primo ep “L’altra parte”. Senza perdere troppo tempo, si sono subito messi a scrivere il loro primo disco.

Loro sono i Tersø e “Fuori dalla giungla” è il loro primo disco, uscito il 22 febbraio. Un lavoro estremamente interessante che mischia un sound internazionale a liriche personali e mai banali o sopra le righe — domani alle 18.30 all’Ostello Bello (via Medici) ci sarà lo showcase dell’album per Tracklist.

Una domanda alla quale probabilmente siete abituati a rispondere: il vostro sound è assolutamente “esterofilo”, internazionale in contrapposizione con i testi in italiano. Quale di queste affermazioni vi dà più fastidio? L’idea che un certo sound sia etichettato di default come internazionale o l’effetto straniante che ha la lingua italiana su questo genere?

C’è un equilibrio molto sottile nel fare convivere questi due aspetti, anzi, quello che volevamo provare a fare quando abbiamo deciso di iniziare questo percorso (e che poi è rimasto il “cuore” della nostra musica) era proprio di provare a unire queste due realtà apparentemente distanti senza permettere che una venisse meno all’altra.

Com’è stato lavorare al disco dopo un ep piacevolmente chiacchierato? Come sono nati i pezzi, qual è la linea che vi siete dati per i lavori?

In realtà noi tendiamo ad avere una scrittura continua, molto legata alla quotidianità che viviamo in quel preciso momento e così sono nati i pezzi nuovi. Nella fase di scrittura tendiamo a non darci regole, non abbiamo pensato cose tipo “ok ora facciamo un disco che si chiamerà così e che dirà questo, questo e questo” è stato più uno scrivere quello che avevamo voglia e bisogno di dire in quel momento e poi ci siamo resi conto che questi nove pezzi dialogavano tra loro per il messaggio che volevano mandare.

A parte Bruno (Belissimo) che partecipa anche a una traccia del vostro disco, com’è la scena bolognese? O meglio, quanto c’è di Bologna nella vostra musica?

C’è sicuramente molto di Bologna nella nostra musica, per il fatto che viviamo qui e che tutto quello che pensiamo, sentiamo o vediamo è filtrato dai palazzi, dai posti che frequentiamo e dalle persone che conosciamo. Tutto questo influenza naturalmente e inevitabilmente chi siamo e colora in modo differente gli input che ci arrivano. Bologna poi è molto viva e stimolante, ci sono un sacco di cose da fare e di progetti super interessanti!

L’effetto che mi fa il vostro disco è particolare. Mi sento come trasportato in una realtà differente. Vado di metafora. È come se indossassi quei caschetti di realtà virtuale. Ti muovi stando fermo, ti gira la testa e non sai perché. Proviamo a giocare e proviamo a descrivere questa sensazione anche a chi, a differenza mia non la vive così. Accendiamo “Fuori dalla giungla” mettiamo il casco, siamo in una stanza buia, cosa vediamo tutto intorno a noi?

Non è mai facile parlare in prima persona di quello che le proprie canzoni potrebbero suscitare perché è ovviamente super personale però, quello che vedremmo noi, sarebbe una proiezione delle situazioni che poi raccontiamo nei testi. Quello che cerchiamo di fare è di raccontare situazioni piccole, quotidiane appunto, utilizzandole un po’ come metafore di sensazioni più grandi. Probabilmente sarebbe una sorta di paesaggio etereo fatto di elementi naturali e le foto della festa di ieri sera in cui brindavamo super contenti per il tirocinio non retribuito che inizieremo a breve. E anche qualche neon colorato, dai!

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.