Muro contro muro

https://thesubmarine.it/wp-content/uploads/2018/12/16677804412_258a06cc40_k-1280x852.jpg

in copertina, foto di Gage Skidmore, su Flickr

Questa è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Trump è sempre più consumato dalla rabbia verso i democratici, che si stanno logicamente rifiutando di approvare il finanziamento per la costruzione del muro con il Messico. Il presidente ha cancellato le proprie vacanze, ma non sembra in grado di trovare un modo per sbloccare la situazione — senza rinunciare al proprio muro. (Politico)

Trump è arrivato al punto di minacciare la chiusura totale del confine con il Messico se “gli ostruzionisti democratici” non accetteranno di finanziare il muro e riscrivere la legge sull’immigrazione.

Ovviamente no, non può chiudere tutto il confine con il Messico. (the Washington Post)

Trump ha minacciato anche di tagliare i fondi di sostegno a Honduras, Guatemala e El Salvador, colpevoli di non aver fermato la carovana di migranti. (Slate)

Questa settimana il congresso è stato in sessione per solo pochi minuti in totale, in tacita ammissione che un accordo è semplicemente impossibile. Il 3 gennaio i democratici prenderanno il controllo della Camera, che a Trump piaccia o no. (Vox)

Trump sta disperatamente cercando di addossare la responsabilità dello shutdown del governo ai democratici, ma un recente sondaggio Reuters / Ipsos — forse proprio i numeri che hanno scatenato il tweetstorm di ieri — rivela che il 47% degli elettori riconoscerebbe la colpa del presidente, mentre solo il 33% accusa i democratici di ostruzionismo. (Reuters)

Trump sperava che la propria visita alle truppe gli avrebbe permesso di sbloccare la situazione in patria, ma per l’autore dell’“Art of the deal” non c’è accordo in vista — e questo shutdown potrebbe trasformarsi in una sconfitta clamorosa per i repubblicani. (Salon)

* * *

Avere pochi abbonamenti alla newsletter di Hello, World potrebbe trasformarsi in una sconfitta clamorosa per the Submarine: rimedia subito cliccando qui.

* * *

Mondo

Un’esplosione ha causato la morte di quattro persone — tre turisti vietnamiti e una guida locale — che viaggiavano su un pullman in Egitto, vicino alle piramidi di Giza. L’attacco al momento non è stato rivendicato. (BBC News)

L’esercito degli Stati Uniti ha smentito che le truppe siriane siano entrate nella città curda di Manbij, avamposto strategico al confine turco-siriano. (Al Jazeera)

Manbij, come le altre aree controllate dai curdi al confine, rischia seriamente un attacco da parte dell’esercito turco ora che le forze statunitensi hanno annunciato il ritiro. Tanto che le YPG hanno fatto appello all’esercito del governo siriano. (the Guardian)

Non si fermano le proteste in Sudan, dove al decimo giorno di mobilitazione si contano ormai almeno 19 morti tra i manifestanti — secondo i dati diffusi ufficialmente dal governo. È chiaro a questo punto che non si tratta più soltanto di rivolte per il prezzo del pane, ma di un movimento che si inserisce in un contesto politico molto complesso. (CNN / the Washington Post, via Outline.com)

Il governo britannico è in allarme per il numero sempre maggiore di migranti che cercano di attraversare il canale della Manica. (the Telegraph)

Internet

Le 50 fake news più diffuse su Facebook nel 2018. (BuzzFeed News)

Altra lista, più allegra: da Contrapoints agli inevitabili gattini, le 42 cose più belle successe su internet nel 2018 secondo the Outline.

Italia

Senza chiedere nessun provvedimento sospensivo, Autostrade ha presentato il proprio ricorso al Tar della Liguria, chiamando in giudizio il presidente del Consiglio e il ministro delle Infrastrutture. Autostrade respinge l’accusa di essere unica responsabile del disastro del crollo del ponte Morandi — e sostiene che sotto la propria guida la ricostruzione sarebbe stata più rapida. (la Stampa)

È arrivata alla Camera all’ultimo minuto la richiesta di fiducia per la manovra. Il voto è ora previsto per le prime ore della domenica mattina. In aula si è sfiorata la rissa, con i commessi costretti a separare deputati di opposizione e maggioranza. (ANSA)

Come da tradizione per le manovre dei governi di destra il governo ha messo nella legge di bilancio per il triennio 2019-2021 tagli del 10% alla scuola, per un ammontare totale di 3,9 miliardi di euro. Il fondo più colpito sarà quello dedicato agli insegnanti di sostegno per alunni disabili. (Fanpage)

In un’intervista al Fatto Quotidiano Raffaele Cantone spiega bene perché la modifica delle regole sull’affidamento degli appalti “consentirà ai disonesti di fare il buono e il cattivo tempo.” Cantone ha sottolineato che l’intero sistema di Mafia Capitale si reggeva proprio sugli affidamenti diretti. (HuffPost)

Di fronte alle proteste dei pensionati per le misure contenute nella manovra, il presidente del Consiglio Conte ha detto che “neppure l’avaro di Moliere si accorgerebbe di pochi euro in meno al mese.” (la Repubblica video)

Secondo Salvini le urla durante Inter Napoli non erano razziste. Ma il ministro sa riconoscere il razzismo? O pensa che non esista? (Next Quotidiano)

Salvini, di cui ricordiamo la vicinanza con certi ambienti delle tifoserie, ha detto che chiudere gli stadi “è una risposta sbagliata,” annunciando che le partite più a rischio si giocheranno soltanto di giorno, così da rendere più facili i controlli. (Rai News)

C’è anche l’ex prefetto tra i sette indagati per depistaggio nell’inchiesta sulla tragedia dell’Hotel Rigopiano. Avrebbero ignorato la richiesta d’aiuto di uno dei camerieri dell’hotel, prima della valanga, e poi avrebbero occultato le prove che quella chiamata ci fosse stata. (Corriere della Sera)

Sono arrivati in Spagna sani e salvi i 310 naufraghi — tra cui 139 minorenni — salvati dalla nave umanitaria Open Arms al largo della Libia. (TGCOM 24)

Si è finalmente dimessa Sueellen Belloni, l’assessora alle politiche sociali di Lodi autrice del contestato regolamento discriminatorio sulle mense scolastiche. Ma il “caso mense” non c’entrerebbe nulla con le dimissioni, e Belloni dice di non avere niente di cui rimproverarsi. (Corriere della Sera Milano)

Milano

Intervistato dal Corriere della Sera, il sindaco Sala ha tenuto aperta, con molta cautela, la possibilità di un futuro sbarco alla politica nazionale. “Non ho un percorso politico tracciato. Le pagine della mia agenda sono bianche. Vedremo.” (Corriere della Sera Milano)

Cult

Benvenuti in Siberia, dove minare bitcoin è un lavoro da babushke. (BBC News)

Malato di cancro, è morto a 79 anni il famoso scrittore israeliano Amos Oz. (DW)

Intervistata in radio dalla BBC, Angelina Jolie ha detto che non esclude la possibilità di lanciarsi in politica. (the Guardian)

Pronti per il 2019? Questi saranno i principali eventi astronomici dell’anno. (CNN)

Tra easter egg e una mappa decisionale dettagliata, per affrontare il nuovo episodio interattivo di Black Mirror con più consapevolezza potete sfruttare il lavoro degli investigatori di Reddit. (the Verge)

A proposito: com’è nato Bandersnatch? (Wired)

È morto a 91 anni il compositore Norman Gimble, famoso soprattutto per aver scritto il testo di Killing Me Softly. (Variety)

Giornalismi

In seguito allo scandalo di Claas Relotius, il settimanale Der Spiegel ha licenziato anche due responsabili editoriali. (le Monde)

Animali

Vladimir Putin ha firmato una legge più severa sul possesso di animali domestici, che vieta i combattimenti tra animali ma anche i bar dove è possibile portare il proprio gatto. (Radio Free Europe)

Musica

Anche quest’anno Barack Obama ha stilato una lista delle sue canzoni preferite. (Stereogum)

* * *

Gif di HeyTVM

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Related

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.