0   +   1   =  

In copertina, foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Bentornati. Passato bene il Natale? Ci siamo presi due giorni di pausa ma il mondo nel frattempo è andato avanti, cerchiamo di riannodare i fili.

Da circa otto giorni il Sudan è scosso da una serie di proteste di piazza, scatenate da un aumento del prezzo del pane e del carburante ma sfociate presto in un più ampio movimento contro il governo Omar al-Bashir, in carica da 29 anni. È la versione sudanese delle primavere arabe? Se ne discute approfonditamente in questa puntata di Inside Story. (Al Jazeera)

Secondo Amnesty International, dall’inizio delle proteste sono stati uccisi dalla polizia 37 manifestanti. Scontri particolarmente duri si sono avuti martedì nella capitale Khartoum. (Amnesty International)

Dietro le proteste c’è anche un forte attivismo giovanile e studentesco, che cova da tempo in Sudan come movimento di resistenza al regime. (Africa is a country, 5/11)

Al-Bashir era riuscito finora ad evitare serie proteste popolari, ma il caos economico ha innescato una reazione a catena difficile da gestire. (CNN)

Il regime sta applicando anche una stretta sulla copertura giornalistica delle proteste: a un reporter di Alaraby TV è stato intimato di lasciare il paese entro 24 ore, e molti altri hanno ricevuto minacce e intimidazioni. (Sudan Tribune)

Il partito islamista — Popular Congress Party, membro della coalizione di governo — ha condannato l’uso della forza da parte della polizia e ha chiesto un’indagine sulla morte dei manifestanti. (Arab News)

Una piccola manifestazione di solidarietà alle proteste si è tenuta anche a Milano, da parte della comunità sudanese in città:

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

La Russia ha definito “un atto provocatorio” i raid israeliani condotti in Siria martedì, che avrebbero messo in pericolo due aerei civili. (the Jerusalem Post)

Fonti militari israeliane hanno confermato di aver colpito alcuni obiettivi iraniani nel paese. (Haaretz)

Intanto, il parlamento israeliano ha votato formalmente per lo scioglimento del governo, dando il via alla campagna elettorale che porterà alle elezioni anticipate del prossimo aprile. (CNN)

In Afghanistan invece le elezioni presidenziali sono state rimandate di tre mesi. Il paese continua ad essere scosso dalla violenza: lunedì in un attentato contro il ministero dei lavori pubblici a Kabul sono morte 43 persone. (BBC News)

Donald Trump ha fatto una visita a sorpresa alle truppe statunitensi in Iraq, a pochi giorni dalla decisione di ritirare i propri militari dalla Siria e in parte dall’Afghanistan. Per l’Iraq non ci sono piani simili, anzi: il presidente ha detto che il paese potrebbe fare da base per future operazioni anche in Siria. (the New York Times)

Parlando con le truppe Trump ha ripetuto che è stato il primo ad alzargli lo stipendio in più di dieci anni. Si tratta di una menzogna che il presidente ripete spesso — la verità è che lo stipendio delle truppe aumenta tutti gli anni da più di trent’anni. (CNN)

La storia del podologo che avrebbe diagnosticato speroni ossei a Trump per fargli scansare la leva per la guerra in Vietnam. (the New York Times)

La Russia ha passato la pausa natalizia a testare un sistema missilistico ipersonico intercontinentale, capace di trasportare sia testate convenzionali che nucleari, e di superare qualsiasi difesa antimissilistica contemporanea. (Politico)

Migrazioni

“È un atto omicida.” Il New York Times, insieme ai gruppi di ricerca Forensic Architecture e Forensic Oceanography, ricostruisce in questo breve documentario il naufragio che ha causato la morte di 20 migranti il 6 novembre 2017, evidenziando le gravi responsabilità europee nella vera e propria strage in corso da anni nel Mediterraneo centrale. (the New York Times)

Italia

La scorsa notte la zona di Catania è stata scossa da un terremoto di magnitudo 4,8. Il terremoto, causato dall’Etna, ha lasciato 28 feriti e 600 sfollati. (Corriere della Sera)

In attesa della dichiarazione di stato di calamità, prevista per oggi, è stata sottoscritta una convenzione con Federalberghi per ospitare chi non può tornare a casa in strutture turistiche. (Rai News)

Ma non temete, oggi arrivano Salvini e Di Maio a ricostruire subito tutte le case. (ANSA)

Gif di Loose Keys.

Dal 24 dicembre si sono succedute circa 1000 scosse, molte piccole e rilevabili solo dagli strumenti, quattro uguali o superiori a magnitudo 4,” spiega il sismologo Privitera. Il terremoto non è stato in nessun modo “strano,” spiega il sismologo, che sottolinea come non ci sia nessun collegamento con le eruzioni contemporanee di Etna e Stromboli. (Giornale di Sicilia)

Il terremoto, essendo di origine vulcanica, ha avuto un epicentro molto vicino alla superficie, a solo 1 km di profondità — rispetto ai soliti 10 o 15 dei terremoti di origine sismica del centro Italia. (il Sole 24Ore)

Nel frattempo, finita la pausa natalizia, riprende il rush finale per la manovra, oggi all’esame della commissione Bilancio alla Camera. (ANSA)

La manovra approderà in aula domani, ed entro sabato è atteso il voto definitivo con la fiducia, “esautorando completamente il Parlamento della sua basilare funzione di controllo,” sottolinea il coordinatore di +Europa Della Vedova. (Rai News)

I bambini della scuola elementare di Serravalle d’Asti che chiedevano “a Salvini” di non portar via i loro amici a rischio bocciatura della richiesta di asilo hanno vinto una prima battaglia — l’udienza dei loro compagni è stata spostata a luglio. (la Repubblica Torino)

È stato ucciso il giorno di Natale, a Pesaro, Marcello Bruzzese, fratello di un pentito di ’ndrangheta. Bruzzese viveva a Pesaro sottoposto a un programma di protezione, ma già una volta era dovuto scampare a un agguato della ’ndrangheta. Secondo Nicola Zingaretti “Salvini ha paura e scappa dalle sue responsabilità”; il ministro dell’Interno passerà a fare check in questa mattina, prima di scendere a Catania. (il Sole 24Ore)

Il mondo del volontariato è in rivolta per il raddoppio dell’Ires previsto dalla legge di bilancio, che toccherà più di 6000 tra enti e associazioni: dalla Croce Rossa ai centri di ricerca come Ieo e Humanitas, dalla Comunità di Sant’Egidio alle piccole onlus. (la Repubblica)

È morto a 82 anni il neofascista ordinovista Carlo Maria Maggi, condannato come mandante della strage di Piazza della Loggia. (il Post)

Cult

Da Sgarbi a Giordano, da Cacciari a Corona: un’analisi accurata del “Maschio Ultrasessantenne Che Sbrocca,” figura onnipresente negli studi dei talk show politici. (VICE)

Il segreto per vivere in salute fino ai cento anni è conservato nelle montagne dell’Ogliastra e del nuorese, in Sardegna. (Quartz)

Questo settantunenne francese vuole attraversare l’Atlantico dentro una specie di capsula, sospinto soltanto dalle correnti. (BBC News)

Colin O’Brady, invece, trentatreenne dell’Oregon, è la prima persona ad essere riuscita ad attraversare l’Antartide in solitaria. (NBC News)

“Doomba” è un tool che trasforma la mappa per le pulizie del vostro Roomba in livelli per Doom, ovviamente. (the Verge)

Parliamone: perché questa volta non decidiamo di tenere le lucine di Natale accese tutto l’anno? (Man Repeller)

Animali

Il Giappone si è tirato fuori dall’International Whaling Commission, una mossa che gli permetterà di ricominciare a cacciare le balene per scopi commerciali, ma solo nelle proprie acque territoriali. (Inverse)

Giornalismi

Quanto inventava le cose Claas Relotius, il giornalista dello Spiegel che inventava reportage? Molto. Ve lo raccontano due residenti in una cittadina statunitense che Relotius ha raccontato come paradiso trumpista, e che invece è un po’ diversa, nel mondo reale. (Medium)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.