in copertina, grab via YouTube

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Sembrava che si dovesse slittare ancora, ma alla fine — verso le 2:30 del mattino — il voto di fiducia è arrivato: il Senato ha approvato il maxiemendamento alla legge di bilancio con 167 voti favorevoli, 78 contrari e 3 astenuti, tra cui il “dissidente” grillino De Falco. Ora il testo approderà alla Camera il 28 dicembre. (la Repubblica)

Volete farvi del male e leggere il maxiemendamento per intero? Lo trovate qui. (via Il Sole 24 Ore)

Il voto di fiducia è arrivato al termine di una giornata caotica e complicata, tra risse sfiorate e dure proteste delle opposizioni. Alla fine, il testo ha confermato gran parte delle misure che erano state anticipate nella giornata di ieri, tra cui il blocco delle assunzioni nella pubblica amministrazione, il taglio dell’adeguamento all’inflazione delle pensioni fino a 1500 euro (non proprio “d’oro”) e il raddoppio dell’Ires per gli enti no profit e culturali. (Corriere della Sera / la Repubblica)

Spunta anche un nuovo condono per “piccoli evasori,” (il cosiddetto “saldo e stralcio” delle cartelle dal 2000 al 2017) e un cospicuo taglio al fondo di investimento da 9 miliardi. (il Manifesto)

In molti intanto si sono divertiti a notare i piccoli favori elettorali inseriti nella legge, tra cui gli sconti fiscali per i raccoglitori occasionali di funghi, tartufi e frutta in guscio — finalmente una misura che l’Italia tutta chiedeva a gran voce. (il Sole 24 Ore)

Il governo ha riservato invece meno affetto per le famiglie, con nuovi margini che permetteranno all’80% dei comuni italiani di aumentare l’Irpef. Insieme a Irap e Imu, l’aumento delle tasse costerà alle famiglie italiane un miliardo in più per il prossimo anno, calcola in una nota la Cgia. (Corriere della Sera)

È saltata la norma sulla regolamentazione dei noleggi con conducente (Ncc), che aveva scatenato le proteste della categoria nei giorni scorsi. In compenso, ieri hanno protestato i tassisti a Roma e Milano. (il Messaggero)

Ma come farà il governo a rispettare la promessa di non alzare l’Iva? Risponde Paolo Savona, per cui mezza settimana di tregua con l’Europa era troppa: se l’Unione non permetterà di escludere gli investimenti pubblici dai parametri fiscali l’Italia, semplicemente, non potrà rispettare le stime di crescita. Ma cosa si farà allora? ¯\_(ツ)_/¯ (HuffPost)

La questione è stata affrontata da un Consiglio dei ministri notturno, di cui però non è ancora chiaro il risultato. (la Repubblica)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati subito alla newsletter.

* * *

Mondo

Almeno 168 persone sono morte e più di 700 ferite a causa di uno tsunami che ha colpito la costa dell’Indonesia presso lo stretto di Sonda, tra le isole Giava e Sumatra. Lo tsunami è stato causato dall’eruzione del vulcano Krakatoa, che si trova proprio nello stretto. (BBC News)

Il numero delle vittime è difficile da determinare — alcuni giornali lo danno ancora molto più basso — ma sembra destinato a salire drammaticamente. Segui gli aggiornamenti live del Guardian.

Tra i dispersi ci sono anche i membri di una band locale, i Seventeen, il cui concerto è stato letteralmente travolto dall’onda. (ChannelNewsAsia)

Brett McGurk, un delegato statunitense alla “Global Coalition to Defeat ISIS,” l’organizzazione degli Stati Uniti che coordina le azioni degli alleati per sconfiggere lo Stato islamico, si è dimesso in protesta contro il ritiro delle truppe dalla Siria. (CBS News)

McGurk avrebbe concluso il proprio incarico a febbraio, ma ha anticipato la propria uscita citando “forti disaccordi” con Trump. Il presidente degli Stati Uniti ha minimizzato, dicendo che non conosceva nemmeno il proprio delegato di punta nella gestione della crisi del Medio Oriente. (Sì)

In centinaia si sono radunati davanti alle ambasciate norvegese e danese a Rabat per commemorare le due studentesse uccise pochi giorni fa. Secondo le autorità marocchine, l’omicidio avrebbe finalità di terrorismo. (DW)

Sono stati circa 48 mila in tutta la Francia — di cui 2000 a Parigi — i gilet gialli che sono scesi in piazza ieri per l’“atto VI” della mobilitazione. Qualche tensione in serata si è registrata sugli Champs Elysée, mentre si conta il decimo morto dall’inizio della protesta: un automobilista si è scontrato con un camion bloccato da un presidio. (le Monde)

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha annunciato che procederà con l’indicazione della Corte costituzionale e scioglierà il parlamento per indire nuove elezioni legislative. Il parlamento palestinese non si riuniva dal 2007, quando Hamas ha preso il controllo della Striscia di Gaza. Il mandato di Abbas si è concluso nel 2009, ma il presidente non ha mai indetto nuove elezioni. (Middle East Eye)

Italia

Dopo l’ennesima boutade di Salvini, che era felicemente saltato sopra alla richiesta della nave Open Arms per mettere in scena il suo solito teatrino da gerarca sorridente 😊, la Spagna ha garantito il porto alla nave della Ong Proactiva. (ANSA)

Le trecento persone salvate dalla Ong al largo della Libia saranno probabilmente sbarcate nel porto di Algeciras. Mentre Salvini e Toninelli spaccano i capelli in due per giustificare l’operazione, è fondamentale ricordare che queste persone, non fosse stata presente Open Arms, sarebbero probabilmente morte in mare. (il Post)

Cult

Okay, come facciamo a regolamentare l’uso dei droni per evitare casini come quello all’aeroporto di Gatwick? (the Guardian)

Dalla mucca in studio al mollusco chiamato in suo onore, 90 fatti su Piero Angela per festeggiare il suo novantesimo compleanno. (il Post)

In attesa di Us di Jordan Peele, Kemi Alemoru compila un excursus approfondito sui ruoli di colore e la blaxploitation nella cinematografia horror. (Dazed)

Il video della bomba glitter per ladri di Mark Rober che abbiamo linkato qualche giorno fa era, almeno in parte, una messa in scena. È ufficiale: nel 2018 non è successa nemmeno una cosa allegra. (BuzzFeed News)

Natale

La storia dello speciale di Natale di Guerre Stellari, bistrattato dai fan della saga e rinnegato da tutti. (Fumettologica)

Suggerimenti per decorarsi le unghie in tempo per le feste. (VICE)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.