in copertina, foto di Ace Dela Cruz, via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Oggi è il settantesimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani, adottata dalle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948 all’indomani degli orrori della Seconda guerra mondiale. Ricordarla oggi e ribadirne la lezione è più importante che mai. (Forbes)

Ma come va il rispetto dei diritti umani nel mondo? Mettete alla prova la vostra conoscenza con questo quiz di Osservatorio diritti.

Da Margaret Atwood a James Bridle, il Guardian ha chiesto ad alcuni intellettuali di immaginare una carta dei diritti umani aggiornata al Ventunesimo secolo.

Lo scorso anno sono migrate 258 milioni di persone in tutto il mondo. Un numero che è quasi raddoppiato dal 2000. Quella dei migranti non è una crisi: è un fenomeno sistemico, e le Nazioni Unite hanno invitato i leader del mondo a riunirsi oggi a Marrakech per “costruire strade concrete” verso una soluzione mondiale. (Al Jazeera).

Si tratta di un paradosso: il Global compact non è un trattato. Si tratta semplicemente di un insieme di principi su cui dirsi accordi per migliorare le collaborazioni bilaterali che sono necessarie per affrontare le migrazioni. Na anche questo è troppo per l’asse neofascista che attraversa l’Atlantico. Il Global compact, spiegato bene, nell’ultima puntata del Global Dispatch.

Il Global compact ha causato un terremoto politico in Belgio, che ora si ritrova con un governo di minoranza: i nazionalisti fiamminghi hanno lasciato la coalizione in polemica con il supporto del primo ministro Charles Michael al patto. (France24)

I fiamminghi non sono soli: demagoghi di estrema destra hanno usato l’occasione per diffondere ulteriore paura. Secondo Marine Le Pen il framework dell’Onu “trasformerebbe i consolati in agenzie di viaggio, i doganieri in hostess.” 🙄 Secondo Bannon, ospite a una convention del partito nazionalista fiammingo Vlaams Belang, “l’accordo è morto prima di essere firmato.” (Politico Eu)

La responsabile per le migrazioni dell’ONU, Louise Arbour, si è lamentata ancora ieri che il dibattito attorno al Global compact è stato inquinato da profonda disinformazione. (Global Compact)

Arbour ha lamentato che molti abbiamo inquadrato il Global compact come garante di un “diritto al migrare.” Cosa che il Global compact non fa assolutamente. Secondo noi, invece, è un diritto umano fondamentale. (Cornell Law Journal)

Oltre al Global compact per le migrazioni, a Marrakech si discuterà anche di un secondo “global compact,” per i rifugiati. Ma gli Stati Uniti non firmeranno nemmeno quello, soli in tutto il mondo a rifiutarsi di riconoscere almeno un accordo di base mondiale sui diritti di chi fugge dalla guerra e dalla morte. (DW)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Oggi Emmanuel Macron si consulterà con le principali cariche dello stato e le parti sociali, e alle 20 parlerà alla nazione, per annunciare misure “concrete e immediate” in risposta alla crisi dei gilet gialli. (le Monde)

Crisi che il ministro dell’Economia Le Maire ha definito “una catastrofe economica.” (Franceinfo)

Un’inchiesta del Guardian rivela che almeno due aziende malesi che producono guanti in lattice anche per il sistema sanitario nazionale britannico sono accusate di impiegare forza lavoro migrante a condizioni sostanzialmente schiavili. (the Guardian)

Il marito di Ivanka Trump e “consigliere per il Medio Oriente” della Casa bianca, Jared Kushner, ha continuato a intrattenere “conversazioni informali” con Mohammed bin Salman anche dopo l’omicidio di Jamal Khashoggi. (the New York Times)

A proposito, l’Arabia Saudita ha escluso la possibilità di estradare i sospettati dell’omicidio indicati dalle autorità turche. (BBC News)

La nuova leader della CDU Annegret Kramp-Karrenbauer (in breve AKK) ha rassicurato sulla permanenza di Angela Merkel al proprio posto nei tre anni che restano al suo mandato. (DW)

I primi risultati delle elezioni parlamentari in Armenia danno in netto vantaggio la coalizione del primo ministro Nikol Pashinian, che aveva cercato le elezioni anticipate proprio per ottenere una maggioranza parlamentare. (Radio Free Europe)

Almeno due persone sono state uccise dalla polizia durante la repressione di una manifestazione non autorizzata in Togo, dove c’è tensione tra il governo e le forze dell’opposizione in vista delle elezioni previste per il 20 dicembre. (Bloomberg)

Italia

La tragedia di Corinaldo ha scatenato la solita ondata di editoriali e commenti sui “giovani” e la loro “cultura distruttiva,” ma non sarebbe ora di finirla? (Leonardo Bianchi / Facebook)

Intanto, mentre continua a non esser chiaro quante persone ci fossero nel locale e quanti biglietti fossero stati effettivamente venduti, è stato fermato per droga il ragazzo sospettato di aver usato lo spray al peperoncino: è un sedicenne della provincia di Ancona, trovato in possesso di eroina e cocaina. (la Repubblica)

Il caso ha scatenato numerose polemiche anche per il modo in cui vengono organizzate abitualmente le serate di questo genere, dato che Sfera Ebbasta la stessa sera aveva una data anche a Rimini. (la Repubblica)

Wow, secondo questo sondaggio un partito personale di Renzi potrebbe addirittura arrivare al 9%. (la Stampa)

In qualità di non si capisce bene cosa, Matteo Salvini ha incontrato al Viminale le associazioni di impresa per ricucire lo strappo con Confindustria, il cui presidente Boccia si è detto soddisfatto. (HuffPost)

Tenetevi forte per questa brutta notizia: “Io ho una capacità di mediazione inesauribile, però la mia capacità di mediazione in questo caso è tarata per 5 anni, poi libero la poltrona,” ha detto il presidente del Consiglio Conte durante un’intervista al TG2. (ANSA)

Secondo i piani alti del governo, con Bruxelles “a questo punto è solo una questione di politica.” Cosa? Boh. Secondo retroscena del Corriere le proposte per abbassare il deficit oltre il 2,4% sono una durata triennale per “Quota 100,” e una ristrutturazione del reddito di cittadinanza, legato strettamente al reinserimento al lavoro. (Corriere della Sera)

Ma secondo Repubblica per l’Europa non si può fare più di un anno a Quota 100. Ci sarebbero state invece aperture della Commissione sulla flat tax. Ma la manovra è da portare a casa entro mercoledì 19 dicembre, e la procedura di infrazione lascerebbe certamente il governo a pezzi. (la Repubblica, dietro paywall)

Cult

“Il nostro continente è diviso tra movimenti politici il cui unico programma è dare la caccia a stranieri e rifugiati, e altri che si definiscono europeisti ma in realtà continuano a pensare che il liberismo estremo e la diffusione della competizione siano abbastanza per definire un progetto politico.” Leggi il manifesto di Thomas Piketty per un’Europa più equa e democratica. (the Guardian)

Le autorità egiziane stanno indagando su una coppia che è riuscita a farsi riprendere nuda sulla cima della piramide di Cheope. (CNN)

Leonardo DiCaprio va matto per le ossa di dinosauro, e noi non possiamo biasimarlo. (Vulture)

Ambiente

In Italia tutto okay: il capo di gabinetto del ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana ha detto in sostanza che il cambiamento climatico è colpa di Satana. (il Post)

Animali

Addio, Roger. (BBC News)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.