in copertina, foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Come previsto, il governo ha incassato la fiducia alla Camera sul “decreto sicurezza,” con 336 Sì. Il voto definitivo sul provvedimento è previsto entro stamattina. Niente dissidenti tra il Movimento 5 Stelle: nessun deputato grillino ha votato contro, 7 non hanno partecipato al voto perché “in missione.” (la Repubblica)

Salvini ha espresso la propria “enorme soddisfazione” in una conferenza stampa subito dopo il voto, dicendo che il decreto porterà “tranquillità, regole, ordine e serenità nelle città italiane” e snocciolando le misure previste, tenendo per ultime quelle relative all’immigrazione.

Il voto di fiducia ha impedito di discutere i più di 600 emendamenti presentati dall’opposizione, oltre che i pochi presentati dal M5S. La Camera approverà il testo nella versione modificata dal Senato lo scorso 7 novembre. In materia di immigrazione, il decreto prevede:

    • Abolizione della protezione umanitaria;
    • Estensione del trattenimento nei Cpr fino a 180 giorni;
    • Trattenimento negli hotspot e ai valichi di frontiera fino a 30 giorni;
    • Più fondi per i rimpatri;
    • Revoca o diniego della protezione internazionale per i migranti condannati ad alcuni reati;
    • Procedimento accelerato davanti alla commissione territoriale;
    • Una lista di paesi sicuri, da cui la domanda di protezione internazionale sarà considerata automaticamente infondata;
    • Restrizione del sistema di accoglienza, con il circuito SPRAR riservato solo a chi è già titolare di protezione internazionale;
    • Impossibilità per i richiedenti asilo di iscriversi all’anagrafe;
    • Revoca della cittadinanza per chi è condannato in via definitiva per reati connessi al terrorismo.

(Internazionale)

Come la legge Bossi-Fini e tutti gli interventi in materia di immigrazione degli ultimi vent’anni, anche il decreto sicurezza, con la sua stretta sui permessi, finirà per spingere nell’irregolarità più di 100 mila cittadini stranieri. (la Repubblica, dietro paywall)

È il decreto più razzista degli ultimi 15 anni,” commenta Mimma D’Amico, dello Sprar attivo nell’ex canapificio di Caserta, già oggetto di attacchi diretti da parte del ministro dell’Interno. (il manifesto)

Oltre alle norme sull’immigrazione, nel decreto sono contenute altre misure che vi faranno dormire sonni più tranquilli, come il reato di “accattonaggio molesto” e quello di “blocco stradale” (pensato per impedire le proteste), oltre che la dotazione del taser anche ai vigili urbani. (Rai News)

Dato che per rendere impossibile la vita ai cittadini stranieri in Italia non si fa mai abbastanza, nella discussione sul decreto fiscale è spuntato un emendamento che prevede una tassa dell’1,5% sulle rimesse dall’Italia verso i paesi d’origine. Lo stato guadagnerà circa 60 milioni di euro, che peseranno soprattutto sulle tasche dei lavoratori bangladesi, filippini, senegalesi e indiani. (Stranieri in Italia)

* * *

Sostieni il giornalismo indipendente di the Submarine: abbonati subito alla newsletter di Hello, World!

* * *

Mondo

Sono almeno 700 i palestinesi che vivono nel quartiere Batn al-Hawa di Gerusalemme e che ora rischiano di essere sfrattati — perché la zona è stata data in gestione a un gruppo che gestisce le nuove occupazioni israeliane. Si tratterebbe della più grande operazione per espropriare cittadini palestinesi dal 1967. (Middle East Eye)

Più di 500 corpi sono stati estratti da una nuova fossa comune scoperta a Raqqa, l’ex capitale siriana del cosiddetto Stato Islamico. (Arab News)

L’avvocato di Trump Giuliani ha ammesso che uno degli avvocati di Paul Manafort aggiornava il presidente e la sua difesa sugli interrogatori a cui era sottoposto, anche in seguito all’accordo di collaborazione con la polizia federale. (the New York Times)

Nel frattempo, fonti del Guardian sostengono che Manafort avrebbe incontrato più di una volta Julian Assange nell’ambasciata ecuadoriana, nel 2013, 2015, e anche nella primavera del 2016, nel corso della campagna elettorale statunitense. (the Guardian)

L’accusa compromette ovviamente tutto quello in cui WikiLeaks dice di credere, e infatti l’organizzazione nega, e non ha preso la notizia molto bene:

John Bolton, il consigliere in materia di Sicurezza nazionale di Trump, non ascolterà la registrazione dell’omicidio Khashoggi, perché non parla l’arabo, e quindi non capirebbe niente. I due fatti non ci sembrano necessariamente legati. (Newsweek)

Trump ha minacciato di cancellare il proprio incontro con Putin, previsto al prossimo G20 di Buenos Aires, a causa dell’ultima escalation tra Russia e Ucraina nel Mar d’Azov. L’ha detto durante una lunga intervista al Washington Post, in cui, tra le altre cose, è tornato a ribadire il proprio scetticismo sul cambiamento climatico e sulle responsabilità di Mohammed bin Salman nell’omicidio Khashoggi. (the Washington Post, via Outline)

Tre dei marinai delle navi ucraine sequestrate, intanto, sono apparsi sulla televisione russa ammettendo di aver deliberatamente oltrepassato le acque territoriali russe. Ma secondo la marina ucraina si tratta di una confessione estorta. (Business Insider)

La furia per fermare il flusso di migranti verso l’Europa aprirà le porte a una nuova generazione di colonialismo in Africa? È una soluzione sbagliata, oltre che moralmente orribile, spiega Nanjala Nyabola. (Al Jazeera)

Le ferrovie olandesi risarciranno i discendenti degli ebrei deportati nei campi di concentramento nazisti a bordo dei propri treni, che furono più di 100 mila. (DW)

Internet

Si è tenuta ieri a Londra la super–audizione organizzata da nove paesi in collaborazione per comprendere meglio il ruolo di Facebook della distribuzione della propaganda d’odio negli ultimi anni. Ovviamente Mark Zuckerberg non si è presentato. (the New York Times)

foto via Twitter

I legislatori inglesi hanno posto domande particolarmente pressanti a Facebook, e promettono di rendere pubblici i documenti raccolti nella loro indagine già la settimana prossima. (Wired)

Amnesty International ha annunciato una nuova campagna di proteste contro il progetto “distopico” di Google di realizzare un motore di ricerca preventivamente censurato per il mercato cinese. (the Intercept)

Italia

Il governo ha raddoppiato i fondi a disposizione del ministero dell’Interno. Senza indirizzo specifico, i fondi potranno essere usati completamente a discrezione di Salvini, che potrà così garantire la propria presenza a tutte le proprie demolizioni preferite. (HuffPost)

Continua la lotta indefessa del ministro Di Maio contro la matematica: il ministro ha spiegato a Di Martedì che malgrado i tagli su cui il governo sta lavorando, quota 100 e reddito di cittadinanza “non possono aspettare.” Nel corso della trasmissione il ministro ha anche spiegato la propria personalissima descrizione di libertà di stampa, che sarebbe “la possibilità dei cittadini di conosce i fatti.” (la Stampa)

Anche per l’altro vicepremier ormai la battaglia con l’Europa è troppo complessa. Mentre il decreto sicurezza passava con la fiducia, infatti, Salvini rivendicava il ruolo del parlamento 🙄 nella revisione della manovra e sul Global Compact. (ANSA)

Ma finora il livello della discussione sui risparmi riguarda soltanto il mese di debutto delle norme volute da Lega e 5 Stelle. Ovvero: se l’anno prossimo il reddito di cittadinanza è da pagare per meno mesi, a fine anno è costato meno. (Adnkronos)

Milano

È previsto per stamattina lo sgombero di RiMaflow, la fabbrica occupata e recuperata dai lavoratori a Trezzano sul Naviglio, che da dieci anni dà lavoro a 120 persone in un’ottica solidaristica e mutualistica. (il manifesto)

In Lombardia ci sono stati più di 2000 morti correlati all’esposizione all’amianto. Una cifra record, che nella cintura industriale milanese deriva soprattutto dalla trascuratezza delle misure di sicurezza da parte di molte aziende. (la Repubblica Milano)

Il soffitto di un asilo a Crescenzago è crollato, e la scuola ha pensato bene di non dire nulla ai genitori. (Milano Today)

Cult

Jack Ma, l’uomo più ricco della Cina, ex patron di Alibaba, è anche un membro del Partito comunista cinese, ma non c’è nulla di cui stupirsi. (the New York Times)

È morto a soli 57 anni Stephen Hillenburg, famoso soprattutto per aver creato SpongeBob. Aveva annunciato l’anno scorso di essere malato di SLA. (the Guardian)

Dagli anni Settanta a oggi, come ha fatto la teoria del complotto neonazista del “genocidio dei bianchi” a diventare mainstream? (VICE)

Scienza

He Jiankui, lo scienziato cinese al centro di uno scandalo internazionale per i propri esperimenti di editing genetico sugli esseri umani, ha parlato a una conferenza di specialisti a Hong Kong, dicendo di essere orgoglioso del proprio lavoro e rivelando l’esistenza di un’altra volontaria incinta di un futuro bambino “geneticamente modificato.” (Channel NewsAsia)

Nel frattempo, He è stato sconfessato praticamente da tutti, incluso l’ospedale di Shenzhen in cui ha lavorato, che ha negato di aver mai autorizzato un simile esperimento. (Yahoo News)

Più di 100 scienziati cinesi hanno firmato una lettera aperta in cui condannano come rischioso e ingiustificato l’editing genetico sugli esseri umani. “Il vaso di Pandora è stato aperto.” (Reuters)

Ma che cos’è che può andare storto? Abbiamo visto abbastanza film di Hollywood per saperlo. (Quartz)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via