In copertina: foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

In occasione dell’anniversario del referendum per l’indipendenza, centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza in molte città della Catalogna (180 mila solo a Barcellona), per chiedere nuovamente l’indipendenza della regione. (BBC News)

I manifestanti hanno bloccato con barricate improvvisate strade e ferrovie. (the Local Es)

Già sabato si erano registrati alcuni scontri tra polizia e manifestanti a Barcellona, in cui i dimostranti hanno lanciato vernice colorata contro gli agenti, permettendo di scattare foto molto belle. (El Paìs)

Carles Puigdemont ha condannato le violenze, prendendo le distanze dall’ala più radicale degli indipendentisti. (la Vanguardia)

A un anno dal referendum la società catalana rimane profondamente divisa e, nonostante il cambio di leadership politica sia a Barcellona sia a Madrid, all’orizzonte non si vede ancora alcuna soluzione. (the New York Times)

Secondo un sondaggio recente, il 69% degli spagnoli ritiene che la situazione nella regione sia peggiorata. “La Catalogna non ha la forza di dichiarare l’indipendenza unilateralmente, ma ha una grande abilità di destabilizzare l’intera Spagna,” commenta l’editorialista della Vanguardia Juan José López Burniol. (the Independent)

L’arresto dei politici protagonisti del movimento indipendentista, la repressione poliziesca durante il voto, il commissariamento delle autorità regionali (fino allo scorso giugno): il movimento catalano trae linfa dalla reazione a un “post-fascismo” istituzionale che ricorda sinistramente i tempi di Franco, scrivono Ignasi Bernat e David Whyte su Open Democracy.

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter.

* * *

Mondo

Continuano le ricerche dei superstiti allo tsunami che ha travolto l’isola indonesiana di Sulawesi. I soccorritori sperano di trovare persone ancora vive sotto le macerie, ma sono centinaia le vittime rimaste schiacciate sotto case, palazzine e hotel nella città di Palu. E i soccorsi nel resto dell’isola sono appena iniziati. (Reuters)

Il ministro degli Esteri libanese ha portato un gruppo di ambasciatori e diplomatici stranieri a fare un tour delle aree che il primo ministro israeliano Netanyahu aveva “rivelato,” con tanto di mappe aeree, essere basi missilistiche costruite da Hezbollah. Nei luoghi indicati da Netanyahu il gruppo ha trovato: un campo da calcio, un capannone, e un campo da golf. (the Washington Post)

Dall’inizio dell’avanzata saudita per la conquista di Hodeidah, città portuale chiave del conflitto in Yemen, il numero di casi di colera è triplicato, avverte Save the Children. Il 30% dei casi sospetti riguardano bambini sotto i cinque anni. (Al Jazeera)

Per commemorare il diciottesimo anniversario della Seconda Intifada, questa settimana per la prima volta i palestinesi da entrambi i lati della Linea verde protesteranno insieme in uno sciopero generale. (Middle East Eye)

L’Iran ha lanciato un attacco balistico contro militanti siriani che accusa di essere i mandanti dell’attentato alla parata militare di Ahvaz dello scorso 22 settembre. È il secondo attacco missilistico lanciato dall’Iran in meno di un mese. (Associated Press)

Dopo aver agitato i pugni in aria per un paio di giorni, qualcuno alla Casa bianca ha finalmente dato l’autorizzazione all’FBI di compiere un’indagine completa sullo scandalo Kavanaugh. (the New York Times)

Mentre i repubblicani insistono a voler procedere con la nomina, il rischio è di distruggere una delle ultime istituzioni verso cui i cittadini statunitensi ripongono ancora fiducia. (FiveThirtyEight)

Su Kavanaugh il partito rischia di schiantarsi: un’analisi della composizione del tasso di approvazione della presidenza rivela che il 63% delle donne intervistate disapprova la conduzione della Casa bianca di Trump, contro solo il 47% degli uomini. (Newsweek)

Il ministro per la Brexit Dominic Raab ha avvertito l’Unione europea che il Regno Unito “non deve essere bullizzato.” Raab e il resto dei conservatori non sono ancora riusciti a capacitarsi che qualsiasi accordo per l’uscita dall’UE sarà dannoso per il paese. (Reuters)

Gli Stati Uniti devo ripensare le proprie priorità strategiche.” È il consiglio — e la critica non troppo velata — del consigliere presidenziale sudcoreano per l’Unificazione e gli Affari esteri Moon Chung-in, intervistato dall’Hankyoreh.

Italia

Il sindaco di Riace Domenico Lucano è stato arrestato dalla guardia di finanza per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e “fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti.” Riace è considerata un simbolo di “buona accoglienza” dei richiedenti asilo, e Lucano recentemente si era scontrato direttamente con il ministro Salvini. (la Repubblica)

In Lussemburgo per l’Eurogruppo, il ministro Tria ha provato a rassicurare l’Unione europea sul futuro dei conti pubblici italiani, ma è stato accolto da uno scetticismo generalizzato. Il più duro è stato il presidente della Commissione Juncker, che ha paventato la fine dell’euro. (il Sole 24 Ore)

È arrivato sul tavolo del Quirinale il decreto Salvini su immigrazione e “sicurezza,” ma con qualche modifica richiesta dal Mef — riguardo alle coperture finanziarie — e dalla Presidenza della Repubblica, che altrimenti, si capisce tra le righe, l’avrebbe rispedito al mittente: nel nuovo testo scompare la “sospensione immediata” della protezione internazionale per chi abbia commesso un reato penale, sostituita da una formula meno netta. (Giornalettismo)

Ma secondo il Viminale, il testo “non ha subito alcuna modifica.” (Rai News)

Gli effetti della criminalizzazione del soccorso nel Mediterraneo, in assenza dell’apertura di vie legali all’immigrazione? L’Ispi ha rilevato a settembre un record nel numero dei morti: il 20% di chi è partito nell’ultimo mese risulta morto o disperso. In numeri assoluti, si parla di 867 morti negli ultimi 4 mesi. (la Repubblica)

Questioni di genere

Il professore dell’università di Pisa Alessandro Strumia si è lanciato contro il ruolo delle donne nella Fisica in un intervento disgustoso durante un workshop del CERN. Secondo il professore la disciplina “è stata inventata e costruita da uomini, e non è aperta ad inviti.” (BBC News)

Il CERN ha sospeso lo scienziato da ogni futura attività, e l’università di Pisa ha avviato un procedimento etico a suo carico.

Ovviamente, secondo Strumia, anche la Fisica sta venendo rovinata dal marxismo culturale:

(Notare l’inglese maccheronico.)

Cult

Questo algoritmo è stato costretto a produrre musica che suoni come gli Strokes. (Dazed)

Nella quinta stagione di Black Mirror potrebbe esserci anche un episodio interattivo, in stile “Scegli la tua avventura.” (the Verge)

Times Newer Roman è un font che a prima vista sembra uguale a Times New Roman ma in realtà occupa più spazio, perfetto per barare sulla lunghezza della vostra tesi. (Hyperallergic)

Gif di Slanted Studios.

È uscito anche in italiano Bullshit Jobs dell’antropologo David Graeber, un libro che ha fatto molto discutere e che affronta di petto un problema serio delle economie del terziario avanzato: i lavori di merda. Ma solleva qualche rilievo metodologico. (Rivista Studio)

Scienza

Il premio Nobel per la medicina è stato assegnato a James Allison e Tasuku Honjo, per le loro ricerche sulla cura del melanoma attraverso il sistema immunitario. (New Scientist)

Ambiente

L’inquinamento atmosferico uccide un milione di persone all’anno e costa all’economia cinese circa 267 miliardi di yuan. Sono i dati allarmanti diffusi dall’Università cinese di Hong Kong. (SCMP)

Animali

Abbiamo coltivato la frutta in modo da farla diventare così dolce che sta diventando malsana per alcuni animali. L’hanno scoperto i guardiani dello zoo di Melbourne, osservando come molti animali stessero ingrassando troppo — lo zoo è giunto alla conclusione di dover togliere del tutto la frutta dalla dieta di alcuni animali. (Quartz)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —