in copertina, foto via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

La situazione resta critica in Libia mentre continuano gli scontri tra milizie nella capitale Tripoli. Le violenze scoppiate lo scorso 27 agosto sono lo sfogo della sempre crescente tensione tra gruppi armati nel paese, che di fatto controllano quartieri e città a livello iperlocale. (Al Jazeera)

Dalla scorsa settimana si contano almeno 47 morti e altri 140 feriti, secondo una testimonianza dell’ambulanza libica raccolta da CNN. (CNN)

Nel corso degli scontri di domenica 400 prigionieri sono evasi dalle carceri della città. (Secondo ufficiali del governo di al–Serraj si trattava di solo dozzine, ma in effetti 400 sono dozzine, tecnicamente. Trentatrè) Tra i carcerati fuggiti si contano molti sostenitori di Gheddafi. (Associated Press)

In questo momento Facebook è bloccato nel paese, ufficialmente a causa di un malfunzionamento delle linee telefoniche. (Libya Observer)

Ieri il presidente Serraj, l’unico al momento riconosciuto dalla comunità internazionale (e dall’Italia), ha chiesto aiuto alla milizia di Misurata del generale Mohammad al Zain, per scongiurare l’attacco della Settima Brigata — ostile al suo governo — contro la capitale. (la Repubblica)

Mentre le Nazioni Unite cercano una mediazione tra le parti in lotta, il governo italiano — per bocca del ministro Salvini — ha escluso qualsiasi ipotesi di intervento militare. (ANSA)

Nel dubbio, Trenta e Salvini se la sono presa con Parigi, che nel 2011 ha “anteposto i propri interessi a quelli libici e dell’Europa stessa.” (Agi)

L’eventuale crollo del governo Serraj sarebbe “uno smacco molto forte” per l’Italia e l’ennesimo fallimento per il piano di stabilizzazione del paese da parte dell’Onu, commenta Arturo Varvelli dell’ISPI. Ma i giochi ancora non sono fatti: le milizie che appoggiano Serraj sono numerose, e per la Settima Brigata non sarà semplice venirne a capo. (il Sole 24 Ore)

L’ambasciata italiana ha dichiarato che non chiuderà, nemmeno di fronte allo stato d’emergenza, ma sono stati predisposti i piani per il rimpatrio totale. Nel frattempo, la diplomazia italiana sta arrivando alla conclusione di aver scommesso sul “cavallo sbagliato.” Ma il tentativo di riavvicinamento ad Haftar, attraverso l’alleato comune al–Sisi, è fallito. (HuffPost)

* * *

Scommetti sul cavallo giusto: abbonati alla newsletter di Hello, World! per ricevere la rassegna stampa direttamente in inbox tutte le mattine.

* * *

Mondo

Il governo Temer sta cercando finanziamenti per la ricostruzione del Museo Nazionale di Rio de Janeiro, quasi completamente distrutto da un incendio. La collezione del museo — specialmente ricca di reperti antropologici e di storia naturale — è andata perduta per il 90%. Ancora non sono chiare le ragioni dell’incendio. (BBC News)

Trump ha invitato Siria, Russia e Iran a non attaccare la provincia di Idlib, l’ultima rimasta sotto il controllo dei ribelli. (CNN)

Ma il ministro degli esteri Lavrov ha detto chiaramente che “la situazione a Idlib non può essere tollerata indefinitamente.” (Reuters)

Nell’area vivono tre milioni di persone e, a detta di tutti gli osservatori, l’offensiva dell’esercito siriano e dei suoi alleati rischia di tradursi in una catastrofe umanitaria. (IRIN News)

Colpito dall’alluvione peggiore del secolo, lo stato indiano del Kerala ora è alle prese con la diffusione della leptospirosi, una malattia infettiva trasmessa all’uomo dagli animali. Da agosto ci sono stati circa 200 casi confermati. (the Times of India)

Malesia. Due donne sono state condannate alla fustigazione per essere state colte a fare sesso in macchina. La condanna arriva nel contesto di una ulteriore stretta attorno alla comunità LGBT nel paese. (CNN)

In Giappone è allarme per il tifone Jebi, il più potente degli ultimi 25 anni. (the Japan Times)

Dietro lo slogan “Wir sind mehr” (“Noi siamo di più”) decine di migliaia di cittadini tedeschi sono tornati a Chemnitz per un concerto di protesta contro l’insorgenza di estrema destra della settimana scorsa. (DW)

Anche in Francia ricomincia l’anno scolastico, ed entra in vigore ufficialmente la legge che vieta a tutti gli studenti sotto i 15 anni di utilizzare il cellulare durante l’orario scolastico, intervalli inclusi. (Business Insider)

Questa prigione statunitense è in isolamento a causa di un odore così forte da aver fatto star male dei dipendenti. La fonte della puzza non è ancora stata identificata. Ma il problema delle condizioni delle carceri statunitensi, invece, sì. (WPXI)

Internet

È stato direttamente l’amministratore delegato di Twitter a mettersi in prima linea per difendere il diritto di Alex Jones di distribuire la propria propaganda d’odio sul servizio, a cui evidentemente tiene molto. (the Wall Street Journal)

A proposito di Alex Jones: bandire pagine e bloccare account su Facebook ha un’utilità molto relativa, perché i contenuti peggiori si nascondono nei gruppi chiusi. (the New York Times)

Italia

Roberto Fico continua a giocare la parte dell’anima “di sinistra” del Movimento 5 Stelle: ospite alla festa dell’Unità di Ravenna, è tornato sul caso della nave Diciotti e ha detto che “i profughi dovevano scendere dalla nave il primo giorno.” Ma perché non ha lasciato il Movimento, allora? (la Repubblica)

Matteo Renzi, intervistato su Rete 4, ha detto che non si candiderà alle primarie del Pd. È stata finalmente una buona occasione per fare autocritica? No: secondo l’ex segretario democratico l’errore più grande è stato “smettere di rottamare.” (Today)

Sono caduti dei calcinacci da un viadotto dell’A26, sempre a Genova. Via Ovada è stata chiusa, mentre sono al lavoro i tecnici di Autostrade per la messa in sicurezza. (Rai News)

Cult

Questo nuovo programma settimanale sulla tv russa sarà interamente dedicato alle gesta di Vladimir Putin, dall’amore per i bambini alla sua abilità nell’allontanare gli orsi. (the Guardian)

Il veicolo di ricerca sottomarina Nautilus ha installato una telecamera per fare streaming delle proprie missioni. In questo momento sta esplorando la zona circostante al Loihi, un vulcano sottomarino a 35 km dalla grande isola di Hawaii. (the Verge)

Vestirsi solo di rosso è il nuovo vestirsi solo di nero. (Man Repeller)

Questo intero computer è grande come un francobollo ma potete giocarci comunque al primo Doom. (Boing Boing)

Ambiente

Tra pochi giorni partirà da Alameda, California, una gigantesca operazione per ripulire dalla plastica l’Oceano Pacifico. Un galleggiante di 600 metri raccoglierà circa 5 tonnellate di plastica al mese. (Forbes)

Giornalismi

Il New Yorker aveva avuto la cattiva idea di invitare Steve Bannon al proprio festival di ottobre, ma le proteste degli altri ospiti dell’evento hanno costretto la rivista a fare retromarcia. (the Guardian)

Bannon, che sta praticamente facendo un tour mondiale per la vittoria della supremazia bianca (ci piacerebbe scherzare), è stato invece confermato per il festival “Open Future” dell’Economist, dove aprirà l’evento ospite di un dibattito con la direttrice della rivista Zanny Minton Beddoes. (the Economist)

Animali

87 elefanti sono stati trovati morti vicino a una riserva naturale del Botswana, uccisi dai bracconieri. Il Botswana — che ospita la più larga popolazione di elefanti del mondo — fino allo scorso maggio aveva un’unità militare specializzata nel contrasto al bracconaggio, poi disarmata. (NPR)

Sottomarini

Sì, c’è un sottomarino della Seconda guerra mondiale incagliato in un fiume del New Jersey. (Mentalfloss)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —