Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro è sopravvissuto a un attentato: ieri pomeriggio, mentre parlava di fronte ai militari durante una parata a Caracas, diversi droni armati di esplosivo hanno volato nella sua direzione, ma sono esplosi in anticipo (o sono stati abbattuti, non è ancora chiaro.) (the Guardian)

Il momento in cui si scatena il panico tra i soldati è stato immortalato dalla diretta della TV di stato, prima che fosse interrotta:

Parlando poche ore dopo, Maduro ha accusato l’estrema destra venezuelana, in combutta con quella colombiana e con il presidente della Colombia José Manuel Santos. Poi ha detto che i responsabili dell’attacco sono stati arrestati, ma senza specificare ulteriori dettagli. (teleSUR)

Dalla Colombia non sono ancora arrivate dichiarazioni ufficiali, ma fonti anonime del governo negano qualsiasi responsabilità nell’accaduto. Una rivendicazione è arrivata invece dal gruppo dissidente clandestino dei “Soldados de Franelas” (letteralmente “soldati di flanella”), che su Twitter hanno scritto che, anche se l’obiettivo non è stato raggiunto, “è solo questione di tempo.” (El Mundo)

(A parte la loro presenza su Twitter, dei Soldados de Franelas non si sa molto, e il loro eventuale coinvolgimento dovrà essere verificato indipendentemente).

Secondo alcuni vigili del fuoco intervenuti sulla scena, però, si sarebbe trattato in realtà di un’esplosione in un appartamento causata da una fuga di gas, che Maduro starebbe sfruttando per fini propagandistici. (CTV News)

Secondo David Smilde, del Washington Office on Latin America, l’attacco non sembra una messinscena, ma probabilmente sarà utilizzato lo stesso per ritorsioni contro gli avversari politici. (US News)

Mentre ancora risulta difficile capire cosa sia successo in questo caso specifico, attacchi di questo genere — con droni carichi di esplosivo — non sono senza precedenti, e dobbiamo aspettarci che diventino sempre più frequenti. (Wired)

* * *

La newsletter di Hello, World! viene recapitata tutte le mattine tramite droni che non esplodono: se ti piace il nostro lavoro, sostienici e abbonati subito.

* * *

Mondo

Malgrado sia ancora in prigione, il congresso del Partito dei lavoratori brasiliano ha confermato l’ex presidente Lula come proprio candidato per le elezioni di ottobre. Lula è dato come favorito dai sondaggi, ma la sua candidatura potrebbe essere respinta. (BBC News)

Le Nazioni Unite sono tornate a chiedere un cessate il fuoco in Yemen per permettere la consegna di vaccini contro il colera. Il coordinatore umanitario nel paese ha sottolineato anche come ulteriori attacchi su Hodeidah potrebbero essere “catastrofici” per tutto il paese. (Al Jazeera)

Un portavoce dei ribelli Houthi ha dichiarato che il gruppo politico è disposto a inviare una delegazione in un paese neutrale per partecipare a un summit per la pace organizzato dall’ONU, ma hanno “poche aspettative.” (Middle East Eye)

Nel settimo giorno di proteste studentesche in Bangladesh si sono registrati scontri tra i manifestanti e la polizia, che ha sparato proiettili di gomma contro la folla. I manifestanti feriti sono più di un centinaio. (Al Jazeera)

Decine di migliaia di drusi hanno manifestato ieri a Tel Aviv contro la legge che proclama Israele “stato ebraico” e che rimuove l’arabo dallo status di lingua ufficiale. I drusi israeliani sono la seconda minoranza più consistente del paese (circa 130mila persone). I manifestanti si sono radunati sotto il municipio di Tel Aviv al grido di “uguaglianza.” (DW)

Grazie a un ordine di un giudice di Washington il governo federale sarà costretto a riattivare le norme previste secondo il programma di Obama Deferred Action for Childhood Arrivals — la cui soppressione ha causato il vuoto legislativo che ha permesso le separazioni di famiglie di migranti. Secondo la sentenza, le motivazioni espresse dall’amministrazione Trump per l’abrogazione del programma sono “arbitrarie e capricciose.” (NPR)

Un nuovo report conferma che ci sarebbero state conversazioni tra J.D. Gordon, un membro del comitato elettorale di Trump, e la sospettata spia russa Maria Butina. (Vox)

Il processo a Paul Manafort e lo stringersi dell’inchiesta di Mueller fanno molta paura a Trump. E nel frattempo l’accusa principale della difesa di Trump contro le indagini del procuratore speciale, che abbia esteso i propri poteri oltre i limiti del proprio incarico, è stata bocciata da un giudice. (CNN)

Le Kushner Companies, l’azienda che gestisce le proprietà del genero di Trump Jared Kushner, è finalmente riuscita a sbarazzarsi del proprio famigerato palazzo al numero 666 della Quinta Strada. (CNN)

Le autorità cinesi hanno demolito lo studio dell’artista e dissidente Ai Weiwei a Pechino. (TIME)

Sono stati trovati dei graffiti antisemiti sulla casa natale di Elie Wiesel, noto sopravvissuto ad Auschwitz, morto nel 2016. (BBC News)

Un hangar inutilizzato dell’aeroporto di Monaco di Baviera diventerà uno dei centri di detenzione per il rimpatrio dei migranti voluti dal ministro dell’interno Seehofer. A rivelarlo è un report esclusivo dello Spiegel. (DW)

E sui container-lager bavaresi la Repubblica ospita oggi un reportage dell’inviato Roberto Brunelli. (la Repubblica, dietro paywall)

Qualcuno ha fatto sparire la lista di tutti i migranti morti cercando di raggiungere l’Europa esposta a Chinatown a Liverpool in occasione della biennale. (Dazed)

Internet

Lo sapevate che gli amministratori di un evento su Facebook possono modificare il vostro stato di partecipazione? Non capiamo a cosa possa servire questa funzione se non per trollare le persone. (Gizmodo)

Italia

Il Lazio, l’Umbria, le Marche e la Toscana sono pronte ad approvare leggi che mantengano l’obbligo vaccinale, ufficialmente sospeso di un anno con un emendamento al Milleproroghe di Lega e Movimento 5 Stelle. (Next Quotidiano)

Salvini ha annunciato che “vuole fare sul fisco quello che ha già fatto sui migranti.” Speriamo non intendesse “lasciarlo affondare.” (la Repubblica)

Ad un vertice a Palazzo Chigi è stato confermato l’accordo verso una “introduzione graduale” di reddito di cittadinanza e flat tax nella manovra. Di Maio e Tria hanno voluto rassicurare che entrambe saranno realizzate “senza strappi con l’Unione Europea,” senza far aumentare il debito, e senza far peggiorare il deficit strutturale. (RaiNews)

Salvini, intanto, continua a non avere ben chiaro come funzionino le opposizioni a un governo. (Corriere della Sera)

Il consigliere di amministrazione della Rai Riccardo Laganà ha scritto una lettera al Quirinale per denunciare la “autoassunzione” di Marcello Foa nel ruolo di “consigliere anziano.” Foa si sta comportando da presidente nonostante la bocciatura della Commissione di Vigilanza, ma i suoi atti — secondo Laganà — sono “interamente privi di efficacia.” (il Fatto Quotidiano)

La procura di Roma aprirà un fascicolo sugli attacchi coordinati via Twitter contro Mattarella tra il 27 e il 28 maggio, quando la formazione del governo sembrava a rischio. (Rai News)

Cult

Questo altoparlante costruito con nanofili è microscopico, flessibile, e può attaccarsi alla vostra pelle. E funziona. (IEEE Spectrum)

La storia plurisecolare di Zildjian, storica casa produttrice di piatti e cimbali per batteria. (the New York Times)

Patrick Stewart sarà di nuovo il capitano Jean–Luc Picard in una nuova serie tv di Star Trek. La serie accompagnerà Discovery come seconda ammiraglia del servizio di streaming di CBS. (the Verge)

Motori

Quest’uomo Amish si è inventato “Uber per gli Amish,” e offre servizio taxi con la propria carrozza. (ABC 6)

Animali

Hot tip: se andate al parco di Yellowstone, non provocate i bisonti. (CBS News)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —