cover via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Trump ha annunciato — su Twitter, ovviamente — che se non troverà supporto bipartisan per il finanziamento dell’insensato muro con il Messico sarebbe disposto ad affrontare uno “shutdown” del governo, la sospensione delle attività del governo federale che scatta quando non si trova un accordo sul budget. (Splinter)

Si sono aperte in questi giorni le trattative per definire la legge per il budget di ottobre. Sul finanziamento della costruzione del muro Paul Ryan ha dichiarato che “la questione non sono i se, ma il quando.” (Associated Press)

Secondo Trump per il muro servono 25 miliardi di dollari. Il presidente bancarottiere, che se ne intende di sprecare soldi, si era accontentato lo scorso anno di un investimento di 1,6 miliardi per rinforzare 140 km di barriere. (the New York Times)

Con l’avvicinarsi delle elezioni di metà mandato Trump vuole alzare di nuovo la temperatura su una delle leve provate della propria campagna elettorale. Nelle prossime settimane il presidente degli Stati Uniti certamente tornerà seminare il panico contro i migranti. (Vox)

(Promemoria: i muri non servono a niente per prevenire i flussi migratori, da nessuna parte del mondo.) (dagli archivi, Politico Magazine, 16 agosto 2016

Con ogni probabilità all’annuncio su Twitter non seguiranno i fatti — raramente succede — ma l’amministrazione sta continuando a inasprire le proprie politiche sull’immigrazione. Trump, in una giornata particolarmente attiva sul social network, ha puntualizzato che “ci sono conseguenze,” a cercare di attraversare il confine illegalmente. (TPM)

Agenti dell’ICE, l’autorità sui migranti statunitensi, hanno fatto pressione sulle famiglie di migranti riunite perché firmassero via libera per essere deportate. Ai genitori che si rifiutavano veniva sottratto nuovamente il figlio. (Vox)

Intanto il presidente del Consiglio Conte incontrerà alla Casa Bianca Donald Trump: sul tavolo la questione dei dazi, la Libia, la NATO e i rapporti con Putin. Conte vorrebbe proporsi come “mediatore” nei rapporti, tesi più che mai, tra Stati Uniti e Unione Europea. (AGI)

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, per 3€ al mese o 20€ all’anno. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

I cittadini dello Zimbabwe si recheranno oggi al voto e per la prima volta non ci sarà il nome di Robert Mugabe sulla scheda elettorale. La sfida è aperta tra il successore di Mugabe, Emmerson Mnangagwa, e il leader dell’opposizione Nelson Chamisa. Da parte sua, l’anziano ex-leader ha dichiarato che non voterà. (BBC News)

Ma i candidati alla presidenza sono in totale 23, e i partiti che corrono per il parlamento ben 55: se non vi intendete di politica dello Zimbabwe, prendete questa guida essenziale di Al Jazeera.

In Mali invece si è votato ieri, in un primo turno elettorale che è risultato tranquillo nella capitale, ma costellato di incidenti e violenze nel nord del paese. (le Monde)

Ancora elezioni: tra le proteste delle opposizioni, il presidente cambogiano Hun Sen ha celebrato la propria rielezione, con la maggioranza schiacciante di circa l’80% dei voti e 100 seggi parlamentari su 125. (VOA Cambodia / the Guardian)

Un gruppo trasversale di parlamentari da partiti politici minori potrebbero formare un gruppo di supporto per garantire la maggioranza di Imran Khan, a cui mancano 21 voti per avere il controllo certo del parlamento pakistano. (the New York Times)

In seguito al terremoto che ha colpito l’isola di Lombok, in Indonesia, si teme che ci siano più di 500 scalatori intrappolati sul vulcano Rinjani. (the Guardian)

Continua a crescere l’incendio Carr che da giorni sta devastando la California. 7 persone sono ancora disperse, mentre solo il 5% dell’incendio è attualmente sotto controllo. (CNN)

Gli attacchi aerei condotti negli scorsi giorni dalla coalizione saudita sulla città portuale di Hodeidah hanno colpito le strutture che forniscono la maggior parte dell’acqua e degli aiuti umanitari al paese. (DW)

Trump aveva scelto una location specifica per il proprio club di golf in Aberdeenshire, Scozia, per il bellissimo sistema di dune — considerato un patrimonio naturale dal paese. Costruendo il club, il sistema di dune è stato distrutto 👌. (the Guardian)

Gif di David Saracino

Italia

Continua il “Far West” delle violenze contro gli stranieri, questa volta con esiti drammatici: ad Aprilia, in provincia di Latina, due quarantenni hanno inseguito e ucciso un marocchino di 43 anni, sospettato di voler compiere un furto. I due sono indagati per omicidio preterintenzionale. (la Repubblica Roma)

Ieri abbiamo compilato una lista — sicuramente incompleta — di tutte le aggressioni, le intimidazioni e le violenze razziste registrate dal 4 marzo in avanti. Continueremo ad aggiornarla.

Intanto, Matteo Salvini conferma di essere fermamente convinto della teoria del complotto del piano Kalergi, dichiarando in un’intervista al Sunday Times che “la bassa natalità è una scusa per importare immigrati.” (VICE / ANSA)

Sono ben 62 le delegazioni che parteciperanno al tavolo sull’ILVA al Ministero dello Sviluppo Economico, convocato per oggi dal ministro Di Maio. Una scelta inusuale, difesa dal governatore Emiliano ma criticata dal sindaco di Taranto Melucci, che diserterà l’appuntamento. (HuffPost)

Cult

Dobbiamo cominciare seriamente a preoccuparci delle armi stampabili in 3D. (CNN / video)

Hannah Beech e Amanda Mustard sono state al Krathum Suea Pla Wat di Bangkok, che offre cremazioni e servizi funebri secondo la tradizione Thai per cagnolini cresciuti in famiglie buddhiste :(. (the New York Times)

Purtroppo i lavori per la serie tv basata sul Signore degli Anelli di Amazon continuano. (io9)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —