foto di Eleonora Camilli, via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Dopo due giorni di tentennamenti l’amministrazione Raggi si è piegata ai diktat di Salvini e ha dato il via libera allo sgombero del Camping River, dove vivevano circa 150 persone di etnia rom. (la Repubblica Roma)

È più di un anno che le autorità continuano con le intimidazioni nei confronti dei residenti del campo di via Tenuta Piccirilli. Lo sgombero è avvenuto dopo che inizialmente la Corte europea per i Diritti Umani ne aveva chiesto la sospensione fino ad oggi, dietro ricorso di tre residenti del campo . (DinamoPress)

Dopo i documenti forniti dal Comune di Roma sulle soluzioni abitative alternative offerte ai tre ricorrenti, la Corte ha ritirato lo stop, ma lo sgombero era già cominciato prima che i giudici di Strasburgo si pronunciassero. (Corriere della Sera)

Il pretesto dello sgombero è di “motivi sanitari,” ma di pretesto si tratta, perché non si spiegano con i motivi sanitari i tentativi di separare le famiglie, la violenza con cui le persone sono state trascinate fuori dalle proprie abitazioni, l’uso di spray al peperoncino. (HuffPost)

I motivi sanitari:

Foto via Twitter, @mariangelad79

Secondo il presidente del Pd Matteo Orfini si è trattata “di una deportazione.” Pacetti, vicecapogruppo 5 Stelle, lo accusa di non conoscere le “soluzioni alternative” proposte. (RomaToday)

Ci vuole un bel coraggio per vantare le proprie “soluzioni alternative” quando si lavora sotto gli ordini di un ministro che parla di “sacca parassitaria” nei campi rom. Ne scrive Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio, su Avvenire. Perché è fondamentale lavorare per l’integrazione e il superamento dei campi: ma non è con gli sgomberi e il terrore che si normalizza una situazione — e tutti, nello stato e nell’amministrazione di Roma, lo sanno. (Avvenire)

“Ci hanno buttato in mezzo strada come animali. Ma da qui non ce ne andiamo neanche se ci ammazzano, come si fa a trattare così famiglie con bambini? Ci hanno dato dieci minuti per prendere le nostre cose e uscire. E ora cosa facciamo? Tanto siamo zingari e di noi non importa niente a nessuno,” urla Denis, vent’anni, in strada, dopo lo sgombero. Eleonora Camilli racconta la giornata su Redattore sociale.

* * *

Vuoi ricevere Hello, World! tutte le mattine direttamente via email? Sostieni the Submarine e abbonati alla newsletter, per 3€ al mese o 20€ all’anno. In cambio, oltre alla tua rassegna stampa preferita direttamente in inbox, riceverai link e contenuti extra, e la nostra eterna gratitudine.

* * *

Mondo

Le società che stavano lavorando al sistema idroelettrico della diga crollata in Laos sapevano che la situazione stava diventando critica, e almeno un’azienda aveva visto segnali preoccupanti con tre giorni di anticipo. Ma nessuno ha avvisato le persone che vivevano a valle. Nel frattempo, l’area interessata dall’alluvione si è allargata ulteriormente. (the New York Times)

Pakistan. Dopo una campagna elettorale violenta e un voto contestato, il politico neoconservatore Imran Khan ha annunciato la propria vittoria. Tra gli annunci populisti durante il discorso di vittoria, Khan ha promesso di convertire le residenze del Primo ministro in una struttura per l’educazione. (Reuters)

La polizia indiana ha arrestato più di 450 manifestanti Maratti che stavano partecipando a proteste violente. La minoranza etnica dei Maratti ha progressivamente perso potere, rappresentanza negli ultimi anni. I manifestanti chiedevano l’introduzione di “quote” che gli garantiscano posti di lavoro statali: l’agricoltura, fonte principale di lavoro nel Maharashtra, non si è più ripresa dalla siccità degli scorsi anni. (Al Jazeera)

Myanmar. 16 mila persone sono state sfollate dall’alluvione causata dalle piogge monsoniche, incessanti dallo scorso fine settimana. Le alluvioni nello stato del Kayin in Myanmar sono un fenomeno annuale, ma secondo i residenti nella capitale di Hpa-an quest’anno la situazione è stata molto più grave. (BBC News)

Un gruppo di parlamentari repubblicani ha annunciato che chiederà l’impeachment per il vice procuratore generale Rod Rosenstein, colpevole di non essere ciecamente fedele all’amministrazione. Ma sono molte le voci critiche anche dentro il partito. (HuffPost)

Lo scopo dell’operazione non è però ottenere davvero l’impeachment di Rosenstein, ma di proiettare ulteriori dubbi sulla liceità delle indagini del procuratore speciale Mueller, mentre gli inquirenti iniziano a stringersi attorno a Trump. (the Atlantic)

Fonti della CNN dicono infatti che l’avvocato di Trump Cohen sarebbe pronto a testimoniare che Trump fosse a conoscenza dell’incontro del suo comitato elettorale con operativi russi che offrivano informazioni compromettenti su Hillary Clinton. (CNN)

Mentre il presidente continua a fare muso duro con la Cina e inventa piani di welfare per i contadini statunitensi colpiti dai suoi stessi dazi, il Senato statunitense, in silenzio, cerca di ritirare quante più tariffe riesce. (Reuters)

Le poche famiglie che hanno ritrovato i propri figli sul confine statunitense devono, non appena ricongiunte, prepararsi a viaggiare migliaia di chilometri senza preavviso e spesso senza un soldo, per fare check–in con l’ICE, l’autorità statunitense che gestisce le migrazioni. Questa è la rete di volontari e attivisti che offre supporto per il trasporto e a livello locale per le famiglie di migranti. (Vox)

Un uomo ha fatto esplodere un ordigno davanti all’ambasciata statunitense di Pechino. L’unico ferito sarebbe l’attentatore stesso. (Quartz)

Internet

Siamo abituati a pensare a Facebook come a una forza della natura, inarrestabile. Ma il crollo in borsa di ieri testimonia l’esatto contrario: che l’impero di Mark Zuckerberg potrebbe essere più fragile di quanto crediamo. (the Verge)

Italia

L’Italia non può assomigliare al Far West,” ha commentato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Doveva arrivare Famiglia Cristiana per far capire al presidente che il problema di un governo leghista non è solo l’euroscetticismo, ma il razzismo? (HuffPost)

A proposito di politiche retrograde, il ministro eteronormativo Fontana ha annunciato lo stop ai riconoscimenti dei figli di coppie dello stesso sesso nati all’estero. Alla sparata si è accodato anche Salvini, probabilmente pentito di non averla fatta direttamente lui. Ma lo stato in materia non può intervenire, sottolinea Monica Cirinnà: “Salvini e Fontana si ostinano ad ignorare che la giurisprudenza ha già riconosciuto la piena legittimità degli atti di nascita con due padri e due madri, e che l’interesse del minore prevale sulla legittimità delle tecniche con cui è venuto al mondo.” (la Repubblica)

Intanto Toninelli parte all’attacco della Tav, in un’operazione di consenso particolarmente raffazzonata, cercando di strappare un applauso dal palco del Festival No Tav di Venaus. (la Stampa)

Raffazzonata perché il Movimento 5 Stelle, che da sempre cerca di guadagnare il consenso del movimento No Tav, da quando è al governo è diventato immediatamente possibilista sull’operazione, dicendo che l’obiettivo è di “migliorare la Tav.” (il Messaggero)

Non appena si è appena parlato di bloccare la Tav un fronte che va dalla Lega al Pd è insorto ricordando, tra le altre cose, le famigerate penali che l’Italia dovrebbe pagare in caso di cancellazione del progetto. Penali, che, ricordiamo, non esistono. Il discorso rimane un altro: all’Italia serve la Tav? (Agi, 22 maggio 2018)

Il business delle aziende italiane e europee in Egitto che bypassa l’etica e le dignità. (Articolo 21)

Milano

A Milano e nel sud della provincia è stata smantellata dalla polizia un’organizzazione a delinquere che trafficava rifiuti. (il Giorno)

Come procede la candidatura della città alle olimpiadi invernali del 2026? (Corriere della Sera Milano)

Cult

Entrare in contatto con Elon Musk ha fatto cadere la maschera di Grimes, che da musicista alternativa si rivela ora come una privilegiata. Tutti i tweet che vi siete persi dall’OTP di Twitter. (Jezebel)

Qualcuno, in un atto eroico, ha distrutto la stella sulla Walk of Fame di Donald Trump a picconate. (Dazed)

Spazio

Il Very Large Telescope cileno ha osservato una stella viaggiare ad altissima velocità, attirata dal buco nero supermassiccio al centro della nostra Galassia. È un evento per il quale i ricercatori si preparano da 16 anni. (the Guardian)

Economia creativa

Come risolvi il problema dell’inflazione? Togliendo un po’ di zeri. In una “riconversione monetaria,” il Venezuela ne ha tolti 5. (Reuters)

Ambiente

Trump sta cercando un modo per abbassare ulteriormente gli standard di qualità dell’aria urbana, condannando milioni di americani a respirare veleno. (the Washington Post)

La crescita del consumo mondiale di carne  — nei paesi del primo mondo ma anche nei paesi emergenti — potrebbe aumentare drasticamente le emissioni climalteranti e aggravare lo stato di avanzamento del cambiamento climatico. (the Guardian)

Il CMCC riassume le conclusioni del nuovo rapporto della FAO sulla pesca e sull’allevamento di specie marine: il 33% di tutto il pescato del mondo è insostenibile. (Climate Foresight)

Azzerando le proprie emissioni di CO2, riforestando la campagna e partecipando attivamente al mercato delle emissioni carboniche, Liverpool punta a diventare la prima città ad emissioni negative. (the Fifth State)

Come funziona la Wood Wide Web, la rete di filamenti fungini attraverso la quale le piante si scambiano informazioni, risorse e sabotaggi. (Techly)

Biciclette

La città di Rotterdam ha un’idea per fermare il parcheggio selvaggio. Si chiamano “fietsvlonders” e sono dei parklet dotati di rastrelliere per biciclette. (Humankind)

* * *

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —