in copertina: Salvini controlla i conti della Lega sull’ebanking, via Twitter

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

La corte di Cassazione ha depositato le motivazioni della sentenza con cui accoglie il ricorso dei pm di Genova contro la Lega, riguardo ai 49 milioni di euro sottratti all’erario durante la gestione Bossi-Belsito. I giudici dicono chiaro e tondo: bisogna sequestrare qualsiasi somma di denaro riferibile al partito “ovunque venga rinvenuta.” (la Repubblica)

Salvini ha reagito ovviamente dicendo che si tratta di un processo “politico” e che quei soldi comunque non ci sono. Sulla stessa linea l’amministratore del partito Centemero: “Forse l’efficacia dell’azione di governo della Lega dà fastidio a qualcuno.” (HuffPost)

Ma dove sono i soldi della Lega? Dal Centroamerica a Malta, sparsi tra isole e paradisi fiscali. Lo racconta l’Espresso, che da mesi segue la vicenda, a partire dall’inchiesta di Giovanni Tizian e Stefano Vergine. (l’Espresso, 27 giugno e 3 aprile 2018)

La gestione dei fondi da parte della Lega e della Fondazione “Più Voci” è rimasta estremamente fosca anche negli anni della segreteria Salvini, con un improvviso dimezzamento del patrimonio del partito, da 14 a 6 milioni, nei primi sei mesi di gestione Salvini, a inizio 2014. (Corriere della Sera Roma)

Dalle parti del Pd si è alzata qualche voce contro il ministro dell’interno: il senatore Dario Parrini ha chiesto a lui e al ministro Bonafede di riferire urgentemente in Parlamento sulla questione, mentre Orfini ha chiamato in causa gli alleati — e azionisti di maggioranza — del governo a trazione leghista. (Fanpage)

Ma dal Movimento 5 Stelle il silenzio stampa è totale. Per fortuna possiamo rivolgerci al Movimento 5 Stelle del passato: in questo video Alessandro Di Battista “smonta” la propaganda leghista attaccando duramente la gestione finanziaria “fantasiosa” del partito per 5 minuti filati. Peccato sia del 2015.

* * *

Non date i vostri soldi alla Lega: usateli per sostenere the Submarine abbonandovi subito alla newsletter di Hello, World! Costa molto meno di 49 milioni di euro ed è molto meglio.

* * *

Mondo

L’ex primo ministro malese Najib Razak è stato arrestato per essersi intascato 700 milioni di dollari da un fondo di sviluppo dello Stato. Razak avrebbe usato i soldi per comprarsi una villa e dei diamanti. (BBC News)

È il quinto anniversario della presa di potere di al–Sisi in Egitto. L’evento è stato celebrato sia da ufficiali musulmani che cristiani. Secondo il papa copto Tawadros II si è trattato addirittura di un “atto divino.” (Middle East Eye)

L’esercito israeliano ha risposto con la forza anche a una manifestazione di sole donne palestinesi, la prima in assoluto, ferendo 134 persone mentre camminavano lungo la recinzione eretta al confine della Striscia di Gaza. (Al Jazeera)

Continuano a emergere dettagli scandalosi dalla gestione dell’EPA di Scott Pruitt, che usa il proprio staff come se si trattasse di assistenti personali, quando non proprio inservienti. Solo nelle ultime ore:

Nuove crudeltà sul fronte statunitense, dove le famiglie che erano state separate secondo la precedente norma ora si vedono negate il diritto di fare domanda di asilo. (NBC News)

A una settimana dalla vittoria alle primarie di Alexandria Ocasio-Cortez, il dibattito tra editoriali statunitensi non ha ancora metabolizzato che il Partito democratico statunitense potrebbe presentare anche candidati di sinistra alle elezioni. Paul Krugman prova a tranquillizzarli: i democratici “radicali” sono abbastanza ragionevoli, in realtà. (the New York Times)

Le condizioni di salute dei ragazzini thailandesi bloccati da 11 giorni in una caverna e raggiunti l’altroieri dai soccorritori sono buone, ma bisogna fare una corsa contro il tempo per riuscire a tirarli fuori prima che una nuova tempesta monsonica aggravi l’allagamento. (the Guardian)

Un esperto di questo tipo di operazioni di soccorso spiega perché in questo caso la situazione è particolarmente complicata. (CNN)

Cile. Nove ex militari sono stati condannati per l’omicidio di Victor Jara, uno dei più amati cantautori folk del paese, membro del partito comunista di Allende e assassinato in seguito al colpo di stato che portò Pinochet al potere nel 1973. (teleSUR)

Mentre l’Unione europea annuncia una procedura di infrazione contro Varsavia, la presidente della Corte suprema polacca si è rifiutata di accettare il pensionamento anticipato che le sarebbe imposto dalla riforma giudiziaria appena approvata. (Politico)

La riforma è solo l’ultimo passo di una progressiva prevaricazione del potere esecutivo — incarnato dal partito di governo Legge e Giustizia — ai danni del potere giudiziario, che mette a serio rischio la tenuta democratica del paese. (the New York Times)

I socialdemocratici tedeschi tengono sulle spine Angela Merkel e si riservano altro tempo per decidere se dare il via libera all’accordo sull’immigrazione raggiunto tra CDU e CSU. Uno dei punti su cui la SPD potrebbe pretendere una revisione è la costruzione di centri di detenzione al confine, una proposta che il partito aveva già nettamente respinto nel 2015 e che ora sarebbe in imbarazzo ad accettare. (DW)

A Nantes ci sono stati scontri e episodi di guerriglia urbana nella notte dopo l’uccisione di un 22enne da parte della polizia, durante un controllo. Il ricorso della polizia ad armi da fuoco in Francia è aumentato vertiginosamente nell’ultimo anno: tra luglio 2017 e maggio 2018 si contano 14 morti e un centinaio di feriti. (le Monde)

Internet

Seicento applicazioni che utilizzano i database di Google Firebase erano impostate in modo che chiunque potesse leggere i loro database. La società di sicurezza che ha scoperto la falla non ha annunciato quali siano le app affette, ma sulla pagina di Firebase ci sono nomi di altissimo profilo, come Shazam, Duolingo, Trivago, e il New York Times. (Bleeping Computer)

Sono molti gli amministratori di label che si lamentano perché ci sono aziende che fanno lobby contro la riforma del copyright, che sarà votata dal parlamento domani. L’industria musicale fa lobby per una riforma liberticida del diritto d’autore da quasi un decennio. (Billboard)

Intanto, anche la Wikipedia spagnola è stata oscurata in protesta della legge. (Wikipedia)

Senza nessun rispetto alle forme della politica, la Commissione Europea sta cercando di inquinare l’opinione del pubblico sulla riforma:

Oltre a mancare completamente il nocciolo del problema, chiunque abbia scritto il tweet per la Commissione ha torto: Wikipedia potrebbe assolutamente essere colpita dalla riforma.

La nuova frontiera della disinformazione razzista portata avanti a colpi di notizie false è la Slovacchia. (euobserver)

Italia

Non è la prima volta che succede, ma è la prima volta con questo governo: l’Austria ha minacciato di militarizzare il confine al Brennero, scatenando una timida protesta da parte del ministro degli Esteri Moavero Milanesi (sì, abbiamo un ministro degli Esteri). Ma secondo Salvini “Vienna ha tutto il diritto di farlo. Noi faremo lo stesso e a guadagnarci saremo noi.” 🤔 (la Stampa)

Nonostante le rassicurazioni di Di Maio al mondo imprenditoriale, Confindustria non apprezza per niente le misure contenute nel “decreto dignità,” che in parte annullano alcune disposizioni del Jobs Act. Secondo gli industriali, il risultato sarà meno lavoro, non meno precarietà. (ANSA)

Critiche sono arrivate anche dal Pd e dall’ex presidente del Consiglio Gentiloni, ma al netto della propaganda (“la Waterloo del precariato,” secondo Di Maio) il problema principale del decreto è che probabilmente è troppo timido in tutte le direzioni: rende meno convenienti i contratti a termine, limitando il numero dei rinnovi e reintroducendo la causale obbligatoria, ma non ha veri incentivi per favorire quelli a tempo indeterminato. (il Post)

E soprattutto, nonostante gli annunci di voler demolire il Jobs Act, non viene reintrodotta la norma più importante abolita dalla riforma renziana: l’articolo 18. (HuffPost)

Milano

Un incendio, probabilmente doloso, ha distrutto l’area verde assegnata all’associazione Il giardino nascosto. (MilanoToday)

Cult

Per un bug nell’app per gli SMS alcuni telefoni Samsung stanno inviando foto dalla libreria del telefono a contatti a caso — senza avvisare l’utente in nessun modo, neanche a fatto compiuto. È inutile dirvi che foto cancellare subito, se avete un telefono dell’azienda sudcoreana. (the Verge)

Gavin Williamson, segretario alla Difesa del governo May, stava parlando della situazione in Siria alla camera dei Comuni, quando è stato interrotto da Siri. (BBC News)

In seguito ad accese proteste e alla minaccia di una campagna di boicottaggio, Walmart ha ritirato dalla vendita la linea di magliette che invitavano all’impeachment di Donald Trump (peccato). (Fortune)

Kim Jong-un vuole automatizzare completamente il lavoro manuale in Corea del Nord. (Newsweek)

Ambiente

È stato approvato il “decreto Terra dei fuochi”, un provvedimento speciale contro i trafficanti di rifiuti e i responsabili dei roghi tossici. Il ministro dell’ambiente Costa si è dichiarato soddisfatto. (Lifegate)

Il Rhode Island è il primo stato americano a portare in tribunale i colossi del petrolio con l’accusa di aver causato l’innalzamento del livello del mare e l’inasprimento degli eventi climatici estremi. (Inside Climate News)

Che cos’è la sensibilità climatica. (Carbon Brief)

Meglio ribadire: cambiamento climatico rappresenta una minaccia terribile per la biodiversità. (Carbon Brief)

Giornalismi

Ma li state leggendo i reportage di Alessandro Di Battista “dalle Americhe” pubblicati sul Fatto Quotidiano? Dovreste: sono uno degli eventi letterari dell’anno. (Forbes)

Musica

È morto a soli 41 anni Richard Swift, produttore e poli-strumentista, membro degli Shins e dei Black Keys. (Pitchfork)

“C’è il mito che si debba essere depressi per essere geniali.” James Blake ha parlato apertamente della propria esperienza con la depressione durante un panel sulla crisi di suicidi tra gli artisti. (Billboard)

Fondo del barile

Questa foto in cui si vedono migliaia di migranti pronti a partire da un porto libico è diventata virale su Facebook, ma è una foto dal concerto dei Pink Floyd a Venezia nel 1989. (Giornalettismo)

* * *

Gif di Sarah Zucker

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —