Il 4 maggio è uscito per Malinka Sound/Peermusic “Maledetto e Benedetto”, il nuovo album di Lucia Manca. Il disco, prodotto da Matilde Davoli, segue l’album d’esordio dell’artista salentina uscito nel 2011 e intitolato “Lucia Manca”. “Maledetto e Benedetto” verrà presentato il prossimo 25 maggio al Mi Ami, a Milano.

Come mai in questo disco hai deciso di virare verso un uso piuttosto ampio di sintetizzatori e un suono in generale più elettronico?

Lo stile si è delineato man mano che scrivevo le bozze con piano elettrico e voce, poi le ho girate a Matilde Davoli che ha prodotto e arrangiato tutto. Ci piaceva l’idea di portare il mondo sintetico degli anni ’80 in un contesto cantautorale.

unnamed

A livello di testi, quali sono i temi in “Maledetto e Benedetto”?

In generale non mi piace far trasparire un significato preciso dalle canzoni, mi piace lanciare degli input che poi ognuno può interpretare secondo il proprio punto di vista. Ogni canzone è una mia personale prospettiva verso temi che riguardano l’amore (non necessariamente inteso come rapporto di coppia), i cambiamenti volontari e involontari, i ricordi, la distanza, l’assenza e la mancanza.

In Bar Stazione, il primo singolo estratto dall’album, la tua voce ricorda molto quella di Loredana Bertè. Anche questa è una differenza piuttosto marcata, se vuoi un’evoluzione, rispetto al disco precedente che da questo punto di vista, invece, suona molto meno tormentato. Cosa ne pensi?

Lei è sicuramente un grande riferimento se pensiamo a questo tipo di sound, e merita di essere omaggiata in qualche modo, ma nel cantare non mi piace mai pensare espressamente ad un riferimento preciso.

Ho letto che i tuoi riferimenti si rifanno soprattutto al cantautorato italiano degli anni ‘60 e quindi anche a cantanti pazzesche come Mina. Cercando in giro ho trovato un video molto simpatico di un po’ di tempo fa in cui tu e Erlend Øye cantate in Piazza del Duomo a Lecce Grande, grande, grande di Mina. Hai mai pensato di collaborare con lui?

Si è stata una bella esperienza, e già quell’occasione per me rappresenta un piccolo featuring. Ovviamente mi piacerebbe collaborare con lui ufficialmente, ma non ho mai avuto occasione di chiederglielo.

 

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.