in copertina, Viktor Orban via EU2017EE Estonian Presidency

Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Fidesz, il partito di Viktor Orban, ha vinto le elezioni ungheresi con una maggioranza schiacciante: circa il 49% dei voti, che dovrebbero valere 133 seggi in parlamento su 199. (Politico)

La conferma della vittoria del populismo e del razzismo è l’ennesima sberla all’Unione Europea, scrive Jennifer Rankin sul Guardian. Ma finché la commissione sarà guidata dal PPE non ci sono speranze per una rottura atta a isolare la retorica retrograda dell’Ungheria (e dell’Italia, e della Francia, e della Germania…) (the Guardian)

Al secondo posto, a grande distanza, è arrivato il partito di estrema destra nazionalista Jobbik, il cui leader Gabor Vona ha presentato le dimissioni. (Reuters)

Il partito ha registrato una leggera flessione nei consensi dal 2014 — 19,7% contro il 20,4%. Ma fate voi il calcolo, tra “destra” e “ancora più destra,” di quanto sta messo bene il parlamento di Budapest. (Index, in ungherese)

Con due terzi del parlamento nelle proprie mani ora Orban può cambiare da solo la Costituzione, per riplasmare il paese a sua immagine. (the New York Times)

* * *

Non odi il lunedì, odi il fatto di non essere abbonato alla newsletter di Hello, World. Rimedia subito.

* * *

Andouma

In seguito all’attacco chimico su Douma, Donald Trump ha reagito duramente su Twitter contro Putin, perché supporta “l’animale Assad,” e ha promesso che ci sarà un “grande prezzo” da pagare. È la prima volta che il presidente degli Stati Uniti attacca il suo omologo russo per nome. (CNN)

Trump ha criticato anche la linea seguita da Obama sulla Siria, ma lui per primo ha mostrato una totale incoerenza e di fatto ha lasciato che Assad agisse indisturbato. (the Washington Post)

Questa notte una base aerea del regime a Homs è stata bombardata, ma il Pentagono nega di essere coinvolto e non è chiaro chi sia stato. (the Guardian)

Intanto, il bilancio a Douma sarebbe salito a circa 85 vittime. I sopravvissuti e gli attivisti sul campo raccontano l’orrore di quelle ore. (Al Jazeera)

Sembra che sia stato trovato un accordo con Jaish al–Islam per evacuare l’area. Il gruppo ribelle, di matrice islamista, aveva rifiutato di abbandonare il fronte la settimana scorsa, poco prima che le operazioni di sgombero fossero sospese. (Al Jazeera)

Oggi si riunirà il Consiglio di Sicurezza dell’Onu per discutere dell’attacco. (Reuters)

Mondo

La polizia tedesca ha arrestato sei persone sospettate di pianificare un attentato alla mezza maratona di Berlino. (DW)

A proposito di maratone, ieri si è tenuta anche quella di Pyongyang, nell’ambito delle celebrazioni annuali per il compleanno del fondatore Kim Il Sung. (BBC News / video)

Il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson è al centro di una controversia per una donazione ai Tories di 160 mila sterline da parte della moglie dell’ex ministro dell’economia del governo Putin. Ma evidentemente non c’è nessun caso di influenza russa sulla politica britannica. (Descrier)

Michael Goolaerts, un ciclista belga di soli 23 anni, è morto in seguito ad un arresto cardiaco mentre correva la Parigi-Roubaix. (ANSA)

Secondo un sondaggio di NBC News/GenForward, i debiti studenteschi costringono i giovani statunitensi a rimandare i passi fondamentali dell’ingresso nella vita adulta: sposarsi, comprare una macchina, andare via di casa. (VICE)

Internet

Facebook ha sospeso l’accesso all’azienda di analisi dati CubeYou, che usava quiz di personalità per raccogliere dati personali per “ricerca accademica non profit.” È il nostro nuovo virgolettato preferito. (CNBC)

Domani Zuckerberg si presenterà davanti al Congresso statunitense per spiegare la situazione alla politica. In queste ultime poche ore, con l’aiuto dei migliori esperti del settore, sta studiando come sembrare un essere umano. (the New York Times)

Italia

Il centrodestra si è riunito ad Arcore per ribadire la volontà di chiedere a Mattarella l’incarico di formare un governo. La scelta approfondisce ulteriormente la spaccatura con Di Maio, che ha commentato: “Da Arcore non può partire nessuna proposta di cambiamento.” (la Stampa)

Roghi di rifiuti

La notte del 6 aprile qualcuno ha appiccato fuoco ai cassonetti urbani in cinque vie di Canicattì. (Corriere Agrigentino)

Un guasto al tritovagliatore di Bellolampo (Palermo) sta mandando in crisi la gestione dei rifiuti nel capoluogo siciliano, tanto che la notte del 7 aprile si sono verificati almeno 12 episodi di incendi di cassonetti urbani in sei diverse periferie (Cruillas, Tommaso Natale, Villaggio Santa Rosalia, Falsomiele, Zisa e Zen). (Nuovo Sud)

La notte del 7 aprile a Gela si sono verificati una decina di roghi di rifiuti in diversi punti della città. Gli ambientalisti chiedono l’intervento della magistratura. (Quotidiano di Gela)

Gli abitanti delle campagne tra Japigia e Triggiano (Bari) denunciano l’intensificarsi di roghi di rifiuti. La località è già nota alle autorità per i casi di abbandono illecito di rifiuti verificatisi a inizio inverno dell’anno. (Bari Today)

Ad oggi, i roghi di rifiuti verificatisi a partire da inizio 2018 sono 97 e la frequenza è in costante aumento.
Lo scorso marzo si è verificato più di un incendio al giorno, ad aprile finora si conta una media di quasi due incendi al giorno.
Stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni qui.

Milano

Si è corsa ieri la maratona cittadina, vinta per il maschile dall’etiope Tura Abdiwak, e per il femminile dalla kenyana Lucy Wangui. (Corriere della Sera)

Questioni di genere

Il movimento #MeToo ha investito l’Accademia Svedese, quella che assegna il premio Nobel. Tre membri si sono dimessi, e una quarta minaccia di fare lo stesso, per le conseguenze dello scandalo che ha coinvolto Jean-Claude Arnaut, figura centrale del mondo culturale svedese, accusato da 18 donne di violenze e molestie sessuali. (the New York Times)

Foto: la vita delle drag queen di Beirut. (BBC News)

Cult

Nei sotterranei di un centro di ricerca fallito vicino a Praga sono stati ritrovati milioni di documenti del partito comunista cecoslovacco, tra cui materiale audio e video del processo al segretario del partito Rudolf Slánský. (the Guardian)

Da ascoltare: Slow Burn di Slate è un podcast mozzafiato che racconta il Watergate come non l’avete mai sentito. (the Verge)

La possibilità di falsificare video con estrema facilità segnerà una cosuccia da poco: la fine della realtà. (the Atlantic)

Qui c’è il nuovo trailer di Solo: A Star Wars Story, con un bellissimo Donald Glover nei panni del giovane Lando.

Ambiente

Uno studio del Centre for Environment, Fisheries and Aquaculture Science dimostra che, sì, far pagare i sacchetti di plastica riduce l’inquinamento marittimo fino al 30%. (la Repubblica)

55 miliardi di dollari: è questo il valore del Power of Siberia, l’imponente gasdotto russo (attualmente in costruzione), che dalla regione della Jacuzia dovrebbe arrivare nel profondo est della Cina, alterando profondamente i rapporti energetici tra i due paesi. (Financial Times)

Animali

L’India ha messo al bando l’importazione di prodotti derivati dalla caccia alle foche. (India Today)

***

Gif di Filmstruck

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via