Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Con sei voti contro cinque, la Corte suprema brasiliana ha disposto l’arresto dell’ex presidente Lula, condannato a dodici anni per corruzione. Lula ha fatto appello due volte contro la condanna, che i suoi sostenitori vedono come un modo per impedirgli di correre alle elezioni del prossimo ottobre. (BBC News)

Malgrado la condanna per corruzione secondo tantissimi brasiliani, in particolare i più poveri, scrive Dom Phillips da Rio de Janeiro, Lula era il “meno corrotto” — la sua era è ricordata con affetto e nostalgia in tutto il paese, al punto da tenerlo stabilmente in testa a tutti i sondaggi. (the Guardian)

Il voto della corte si è svolto in circostanze di massima tensione, con manifestanti di entrambi gli schieramenti per le strade di Brasilia, ma soprattutto dopo una dichiarazione particolarmente allarmante dal generale Villas Boas, capo delle forze armate del paese, che aveva commentato che l’esercito “ripudia l’amnistia.” Una presa di posizione che fa tremare i polsi in un paese che ha conosciuto ventun anni di dittatura militare dal ’64 all’85. (Al Jazeera)

Immediatamente dopo il voto si sono organizzate manifestazioni in “almeno 23 città,” scrive Lise Alves, per protestare contro l’arresto del politico. Il ministro della sicurezza pubblica ha garantito lo svolgersi delle manifestazioni, purché si tenessero “in maniera composta.” (the Rio Times)

Con Lula fuori dai giochi il nuovo candidato favorito è Jair Bolsonaro, che si è definito del “partito dell’esercito e del paese.” (In quest’ordine) (Em.co.br, in portoghese)

Bolsonaro, che in molti chiamano il “Trump brasiliano,” è riuscito a costruire una piattaforma capace di attrarre tantissimi voti verso le sue politiche di ultradestra, compresi voti di componenti giovanili che nel paese avevano tradizionalmente votato a sinistra. Senza Lula, la sua vittoria sembra scontata. (BBC News, 1 Aprile 2018)

* * *

La newsletter di Hello, World! è molto meglio della colazione. Sostieni the Submarine e abbonati qui.

* * *

Inconsultazioni

Com’è andata la prima giornata di consultazioni? Se avete molto tempo libero potete riguardare la diretta di nove ore dal canale YouTube del Quirinale.

In generale, come previsto, non è successo niente. (Rai News)

Oggi si entra nel vivo con le delegazioni dei partiti maggiori, dal Pd al M5S, ma è probabile comunque che non si arrivi a nulla di risolutivo, in attesa di un secondo giro settimana prossima. (la Repubblica)

Salvini e Di Maio sono “due giocatori di poker che giocano una mano al buio,” secondo Alessandro De Angelis. Ma per entrambi la salita al Colle sarà “un bagno di realtà.” (HuffPost)

Intanto, il Pd ha convocato l’assemblea nazionale per sabato 21 aprile, e Maurizio Martina ha annunciato la propria candidatura alla segreteria. (HuffPost)

Mondo

È successo di nuovo, questa volta a Brooklyn: la polizia ha ucciso un afroamericano di 34 anni, già noto per disturbi mentali, perché convinta che avesse un’arma in mano — ma era soltanto una tubo metallico. L’uomo l’avrebbe puntata contro gli agenti come se fosse una pistola. (the New York Times)

Secondo un’esclusiva della CNN, le indagini del procuratore speciale Mueller sono arrivate a coinvolgere alcuni oligarchi russi che hanno viaggiato recentemente negli Stati Uniti. L’obiettivo è individuare potenziali finanziamenti illegali alla campagna di Trump. (CNN)

Putin, Rouhani e Erdogan si sono incontrati ad Ankara, convenendo che soltanto attraverso un processo politico negoziale si potrà raggiungere uno stabile cessate il fuoco in Siria. È il secondo summit di questo genere in sei mesi, e ce ne sarà presto un terzo a Teheran. (Radio Free Europe)

Nonostante l’impossibilità di determinare con certezza la provenienza dell’agente nervino che ha avvelenato Sergei Skripal, l’Unione europea rimane ferma sulla posizione di attribuire il tentato omicidio “probabilmente” alla Russia. La posizione è emersa durante una riunione dell’OPCW, l’organizzazione contro la proliferazione delle armi chimiche, in cui la Russia ha chiesto — senza successo — di essere coinvolta nelle indagini sul caso. (DW)

Dopo Marielle Franco, un’altra attivista per i diritti umani è stata assassinata in Sudamerica: Maria Magdalena Cruz Rojas, leader contadina colombiana, uccisa da due sicari lo scorso 30 marzo. Rojas si batteva per la sostituzione delle colture di coca con colture alternative. (Lifegate)

Internet

Sorpresa: Facebook ha fatto sapere che i dati raccolti da Cambridge Analytica potrebbero essere di 87 milioni di utenti, 37 milioni in più di quanto si è creduto finora. (the Guardian)

La notizia è stata data in fondo a un post di Mike Schroepfer, CTO dell’azienda, che ha ricapitolato le misure prese di recente dal social network per rendere più difficile l’accesso ai dati dei propri utenti. (Newsroom.fb)

Una rete di account social che pubblicano contenuti in arabo, gestita direttamente o indirettamente da ufficiali di Israele, è finalizzata a una sottile propaganda di “normalizzazione” dell’occupazione israeliana. (Al Jazeera)

Italia

Le voci e le storie delle decine di persone che tutti i giorni a Cagliari fanno domanda per il Reis, il reddito di inclusione sociale avviato in via sperimentale dalla giunta regionale dell’isola. (la Stampa)

“Un’intervista non disonora l’Arma. Gli abusi, sì.” Beppe Giulietti sul caso della carabiniera molestata da un suo superiore. (il Fatto Quotidiano)

Vi ricordate il dramma dei sacchetti biodegradabili per la frutta e la verdura? Il consiglio di Stato ha stabilito che si protranno portare da casa. (il Post)

Mafia

Mafia, P2, Gladio, servizi segreti americani: nell’ultima puntata di Bloody Money c’è tutto il marcio del sistema criminale con cui vengono gestiti i rifiuti in Italia.

Giovanni Tizian su l’Espresso ricostruisce la storia di tutti i veleni sversati dalla camorra nella discarica di Borgo Montello.

Roghi di rifiuti

Il rogo di un cumulo di rifiuti ammucchiati all’uscita di emergenza della stazione Museo di Napoli ha provocato il blocca della linea 1 della metropolitana. (Fanpage)

A Cassino (Frosinone) qualcuno ha appiccato fuoco a dei rifiuti accatastati nel cantiere dove sono in corso i lavori di una rotatoria. (Radio Cassino Stereo)

Ieri una scuola materna di Catania è rimasta chiusa per via degli inquinanti dispersi nell’aria a seguito del rogo di cassonetti avvenuto la notte del 3 aprile. (New Sicilia)

Ad oggi, i roghi di rifiuti verificatisi a partire da inizio 2018 sono più di 80, circa quattro ogni cinque giorni, e la frequenza sta aumentando. Stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni qui.

Cult

Più di 50 esperti di intelligenza artificiale da tutto il mondo hanno firmato un appello per chiedere il boicottaggio di un progetto di un’università sudcoreana in team con un’azienda specializzata in difesa militare, finalizzato allo sviluppo di “un’arma autonoma.” (the Guardian)

Dopo 35 anni di divieto, il primo cinema in Arabia Saudita aprirà il prossimo 18 aprile. (Al Jazeera)

Secondo Michael Shermer, all’utopia dovremmo preferire la protopia, ovvero un miglioramento continuo che non pretende mai di raggiungere la perfezione. (Quartz)

La fisica di quel gol in rovesciata di Cristiano Ronaldo. (Inverse)

C’è molta polemica per questo tweet di Emmanuel Macron che ha fatto l’errore tremendo di USARE UNA PAROLA INGLESE in Francia. (France24)

Ambiente

Addio Nucleare! Il Belgio chiuderà le sue centrali atomiche entro il 2025.
(Euractiv)

Ispra ha realizzato un portale che raccoglie i dati della produzione, gestione e smaltimento dei rifiuti di tutti i comuni italiani. (via RaiNews)

Come sta cambiando il sistema di crediti ETS per la regolamentazione delle emissioni climalteranti nell’unione europea. (CMCC)

Quando si varano politiche scellerate e si fa finta di non aver letto i report che indicano gli errori commessi. L’EPA di Trump l’ha fatto almeno 11 volte. (Union Of Concerned Scientists)

Sempre l’EPA sta pensando di ritirare le direttive sull’efficienza degli standard progettuali delle automobili. (the New York Times)

Cinque specie tra piante e animali che stanno sbarellando a causa del cambiamento climatico. (the New York Times)

Animali

È dimostrato che i bagni termali riducono i livelli di stress delle scimmie delle nevi in Giappone. (the New York Times / video)

A Youngstown, Ohio, c’è preoccupazione per un’invasione di procioni zombie (probabilmente malati di rabbia). (WKBN)

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

— FIN —