Questo è Hello, World!, la nostra rassegna mattiniera di attualità, cultura e internet. Tutte le mattine, un pugno di link da leggere, vedere e ascoltare.

Nuovi scontri nella striscia di Gaza e in West Bank, mentre continuano le proteste dei Giorni della rabbia contro gli Stati Uniti. Secondo i dati delle IDF, 3500 persone hanno manifestato a Gaza, e altre 2500 in vari punti della West Bank. L’esercito israeliano ha risposto con violenza sproporzionata, in particolare a Gaza. Sono state uccise in totale 4 palestinesi, di cui solo una formalmente accusata di terrorismo. (Ynetnews)

I morti non sono casi isolati di manifestanti particolarmente violenti: l’assalto dell’esercito è stato indiscriminato, causando 400 feriti. Tra i morti anche un manifestante disabile, mutilato delle gambe, che stava protestando in sedia a rotelle. (ABC News)

Se vi siete persi le puntate precedenti, Al Jazeera riassume tutti gli sviluppi più importanti, diplomatici e non, dall’annuncio di Trump su Gerusalemme. (Al Jazeera)

Le proteste unanimi contro la sua decisione potrebbero avere l’effetto di compattare il fronte dei paesi arabi, specialmente attorno a due leader alleati dell’Occidente, che ora si sentono personalmente traditi: Abbas e Abdullah di Giordania. (Middle East Eye)

Nel frattempo, il vicepresidente Mike Pence ha ritardato la propria visita in Israele — ma per non allontanare un voto repubblicano dalla riforma delle tasse. (CNN)

Mondo

In protesta contro il riconoscimento di Gerusalemme da parte di Donald Trump, a Nazareth il Natale è letteralmente cancellato. (Reuters)

A proposito: un’indagine di una commissione reale ha scoperto come in Australia il problema delle molestie minorili sia altamente sistemico, con decine di migliaia di bambini vittima di abusi nelle scorse decadi. Primi responsabili? Preti della Chiesa cattolica. L’Australia ha formalmente chiesto al Vaticano di affrontare il problema, auspicando la cancellazione del voto di castità. (the New York Times)

Secondo l’operatore speciale Onu Philip Alston, Trump ha trasformato gli Stati Uniti nel “campione mondiale della più estrema ineguaglianza.” (the Guardian)

Di fronte a nuove pressioni della Casa bianca contro la squadra del procuratore speciale Mueller, sono molti gli analisti che temono il comportamento di Trump stia per superare un’ulteriore “linea rossa.” (Common Dreams)

No chill: secondo la commentatrice conservatrice Ann Coulter è ingiusto chiedere ai single di pagare tasse per il supporto delle coppie con figli. (the Hill)

Le Poste francesi hanno lanciato un nuovo servizio: quando il postino passa a casa di un vostro parente anziano, può fermarsi dieci minuti per fare quattro chiacchiere, e se sente che c’è qualche problema scrivervi subito. Il progetto si chiama “Veiller sur mes parents.” (the Connexion)

Cosa fate oggi? Marine Le Pen, Geert Wilders e tutto il gotha della destra neofascista europea si beccano a Praga più tardi in giornata per congratularsi l’un l’altro del proprio odio. (France24)


Un chirurgo del Regno Unito si è dichiarato colpevole di violenze contro due propri pazienti, dopo che questi hanno scoperto che il medico incideva le proprie iniziali sugli organi su cui lavorava, nei casi specifici, il loro fegato. (NPR)

Oggi l’African National Congress, il partito di governo in Sudafrica, si riunisce per nominare un nuovo leader al posto del presidente Jakob Zuma — che sarà in carica fino al 2019. (BBC)

Italia

Nel suo ultimo video di campagna elettorale Di Maio prova un simulatore in realtà virtuale di caduta libera, per capire meglio come si sentirà l’Italia dopo le elezioni. (la Stampa)

Da Silvio Berlusconi a Anna Finocchiaro, il supporto per una “permanenza” di Paolo Gentiloni è estremamente ampio. Aiuterà tantissimo contro la radicalizzazione del voto in atto in Italia, immaginiamo. (il Sole 24Ore)

Gentiloni, invece, ieri era bello occupato a dover difendere Boschi dalle nuove accuse su Banca Etruria. (Difese fatte, però, abbastanza sottovoce.) (la Repubblica)

Melegatti è salva: grazie a un accordo tra azienda, sindacati e commissari fallimentari, e a un incremento degli ordini, la storica azienda produttrice di pandoro eviterà la cassa integrazione. (la Repubblica)

Finalmente: l’Assemblea capitolina, su proposta del Movimento 5 Stelle, ha revocato l’esilio del poeta latino Ovidio, confinato sul Mar Nero da Augusto circa duemila anni fa. (ANSA)

Questioni di genere

Il regista Morgan Spurlock ha confessato di avere molestato donne sul lavoro, perché turbato dalle pressioni fatte verso suoi altri colleghi molestatori. (NPR)

Cult

Niente da fare: sembra proprio che ’Oumuamua, il primo asteroide interstellare, sia proprio solo un sasso spaziale e in nessun modo artificiale e di natura aliena. Peccato, sarà per un’altra volta. (Quartz)

Apple ha aggiunto un nuovo pezzo al proprio imminente servizio di streaming televisivo: una nuova serie tv firmata da Ronald D. Moore, il creatore di Battlestar Galactica, e prodotta da Matt Wolpert e Ben Nedivi di Fargo. (Deadline)

Dovreste scrivere di più su Facebook, secondo Facebook, perché leggere Facebook senza scrivere su Facebook non fa bene all’autostima. Questo spiega tutto! (the Verge)

Anche l’FBI trarrà vantaggio dalla vertiginosa crescita del bitcoin: 513 criptomonete sequestrate a Salt Lake City per un giro di droga ora valgono più di otto milioni di dollari, ed è il momento di venderle. (TechCrunch)

Nel frattempo, l’Unione europea ha approvato regole più severe per le transazioni in bitcoin. (DW)

Un ex impiegato di Uber accusa l’azienda di avere un’unità segreta specificamente dedicata a: trafugare segreti commerciali, spiare i concorrenti ed eludere gli ispettori governativi. (the Verge)

Animali

A quanto pare il sesso tra le scimmie delle nevi e i sika, i cervi del Giappone, è diventato un’abitudine. (the Guardian)

A proposito, se avete il raffreddore state attenti a non contagiarlo agli scimpanzé, perché possono morirne! (Quartz)

 

***

Se ti piacciono Hello, World e the Submarine, ricorda di recensire la pagina su Facebook. A domani! 👋

 

Unisciti a Ogopogo, il nostro gruppo su Facebook, per discutere con la redazione.
No more articles
Share via