La Cultura rigeneratrice di Macao

DIAFRAMMA || Questo mese, un’edizione speciale: tutti i giorni un progetto tratto dal corso di Fotografia per l’Architettura presso la Scuola di Architettura e Società del Politecnico di Milano.

a cura di Nicolò Piuzzi

“Cultura rigeneratrice” è un progetto di Martina Fabris

Camminando lungo viale Molise, al numero 68, si incontra una scalinata che, direttamente dal marciapiede, invita a salire verso un ampio portico.

Oltre una delle porte in legno che ritmano la facciata, si scopre Macao. Macao, Nuovo Centro per le Arti, la Cultura e la Ricerca, dopo aver occupato Torre Galfa, Palazzo Citterio e poi a ruota una serie di altri edifici abbandonati milanesi, ha scelto come propria sede l’ex Borsa del Macello, un edificio in disuso da anni che è tornato a vivere grazie alla produzione di arte e cultura e alla partecipazione attiva di tutta la cittadinanza, milanese e non. Lavoratori, studenti, artisti, performers, musicisti, attori; tutti sono invitati ad alimentare questa fucina di idee con proposte che confermano la volontà di riappropriazione e valorizzazione di uno spazio di grande valenza storica in grado di diventare un luogo di socializzazione, discussione e partecipazione.

Il salone balconato dotato di una bellezza decadente in cui ci si ritrova una volta varcato l’ingresso è il cuore pulsante di Macao, intorno al quale si organizzano tutti gli altri ambienti della Palazzina Liberty: dal bar agli spazi espositivi, dalla sala cinema/teatro alla “foresteria” del piano superiore che ospita i ragazzi che vivono perennemente a Macao o i gruppi e le associazioni culturali provenienti da fuori Milano. Ma la grande sala è anche lo spazio dell’assemblea, il motore che attiva idee e progetti.

La Palazzina Liberty si anima quasi ogni giorno di un evento diverso: qui si balla il tango, si ascoltano concerti, si fa politica, si assiste a performance artistiche o proiezioni cinematografiche.

Chiunque può trovare l’occasione di passare per Macao e di riconoscervi un luogo da vivere, attraversare e in cui partecipare attivamente alla costruzione di una nuova società fondata sulla condivisione della cultura.

img_0056imageimage-5image-4image-3image-2

Se ti piace il nostro lavoro e vuoi sostenerci, abbonati alla newsletter di Hello, World!, la nostra rassegna stampa del mattino.

Se invece vuoi discutere con la redazione, ci trovi su Ogopogo, il nostro gruppo Facebook.

Share via

 

Ti piace il nostro lavoro? Sostienici!

Abbonati alla newsletter

di Hello, World!

 

Ogni mattina, una rassegna di link da leggere, vedere e ascoltare, direttamente nella tua inbox.